in

5 momenti in cui l’amicizia tra Rick Grimes e Daryl Dixon ci ha commossi

In un mondo in cui niente è come prima, in cui i morti tornano in vita con il solo scopo di mangiare i vivi, in cui i pochi vivi rimasti invece di collaborare si fanno la guerra, in cui il modello di società come la conosciamo scompare completamente, proprio in quel mondo i veri valori, quelli che contano davvero, rinascono puri e permettono a chi sopravvive di rimanere davvero “vivo”.

L’amicizia, l’amore, la forza di volontà, la tenacia sono continuamente in contrasto con l’egoismo, l’odio, il dolore, la meschinità. L’eterna lotta tra il bene e il male, tra quanto di buono è rimasto e quanto di orribile rischia di dominare su tutto. Come può il bene vincere in un mondo così? E’ possibile?

Questa serie ci dimostra che è possibile. Ce lo fa capire attraverso mille cose, passaggi, dialoghi ed è proprio su uno di questi che ci vogliamo soffermare oggi: parliamo dell’amicizia tra Rick Grimes, leader e protagonista, e Daryl Dixon, sua spalla leale e fratello. Il rapporto tra i due non è fatto di troppe parole, ma piuttosto di “fatti” e dimostrazioni di fiducia e stima reciproche. Quando Rick prende una decisione guarda sempre Daryl per avere la sua silenziosa opinione, quando uno dei due è in pericolo l’altro gli copre le spalle e lo aiuta, quando qualcuno ha bisogno di uno scossone o di un momento di solitudine l’altro copre la sua mancanza nel gruppo.

1. Daryl uccide Dale al posto di Rick

Questo forse è il primo momento in cui si nota il rapporto di amicizia, rispetto e lealtà che sta nascendo tra i due. Alla fattoria di Hershel, quando Dale sta per morire agonizzante dopo esser stato ventrato da uno zombie, Rick capisce che l’ultima cosa utile che si può fare per lui è porre fine alle sue sofferenze. Soltanto lui estrae la pistola, esattamente come era successo per Sophia, soltanto lui si fa avanti per compiere quel gesto così estremo, quella cosa così giusta e orribile allo stesso tempo. Rick però non è un essere sovrannaturale, non è privo di emozioni e come qualunque essere umano può vacillare. Quando incrocia lo sguardo di Dale che lo supplica di farla finita, i pensieri, i ricordi e i dialoghi con quell’uomo in grado di smuovere a fondo la sua coscienza tornano tutti a galla come un fiume in piena. La mano di Rick trema leggermente e a raccogliere quel fardello chi ci poteva essere se non Daryl? Lui si fa avanti e, senza dire nulla, lo aiuta, proprio come farebbe un amico o un vero compagno d’armi.

“Non devi fare sempre tu il lavoro sporco”

The Walking Dead La morte di Dale

Written by Chiara Santi

Sono cresciuta sentendo il profumo della Terra fresca dell'Appennino, quindi forse è per questo che mi faccio un sacco di viaggi mentali (o forse è per la droga che assumo, mi pare si chiami "The Walking Dead"). Vorrei giornate da 30 ore per poter fare tutto ciò che amo e vorrei che le persone imparassero a guardare sotto la superficie delle cose. Vi giuro che anche lì ci sono le Serie Tv.

10 motivi per amare Gloria Delgado-Pritchett

10 motivi per cui ci manca Glee