Vai al contenuto
Home » The Walking Dead » I 5 peggiori errori commessi da The Walking Dead

I 5 peggiori errori commessi da The Walking Dead

the walking dead

Alcuni continuano a seguirla, altri la hanno abbandonata già molto tempo fa. The Walking Dead è una di quelle serie televisive che fa parlare di sé sin dal 2010, anno in cui abbiamo avuto modo di vedere la sua prima apprezzatissima stagione.

Basata sull’omonimo fumetto di Robert Kirkman, TWD ha raggiunto oggi la sua decima stagione, la quale ha riscosso giudizi abbastanza positivi da parte della critica ottenendo un punteggio di 92/100 su Rotten Tomatoes. Nonostante il consistente calo di ascolti avvenuto durante gli anni, The Walking Dead  continua a essere seguita da molti telespettatori, in attesa del gran finale di quest’anno.

Amata da molti, odiata da altri, sappiamo bene che The Walking Dead non è perfetta. Al di là dei problemi di trama di cui abbiamo parlato a più riprese e che affronteremo ancora in futuro, in più di un’occasione, infatti, abbiamo storto il naso davanti ad alcuni errori che con molta probabilità potevano essere evitati. D’altra parte, in tutto questo tempo, sarebbe stato quasi impossibile arrivare alla perfezione.

Oggi, infatti, vogliamo parlarvi proprio dei 5 errori peggiori che siano stati commessi nell’arco dell’intera storia.

1) Sfondi poco probabili

the walking dead 7x09

Nell’episodio 7×09, Rock in the Road, i fan più attenti di The Walking Dead hanno fatto notare un errore piuttosto grossolano sul set. Mentre Rick e Michonne parlano, infatti, fa loro da sfondo l’interno di una casa che non è affatto realistico: si tratta palesemente di un poster.

I commenti a tal proposito sono stati innumerevoli, ma uno di quelli che ci ha fatto sorridere di più è stato: “Quando spendi tutto il tuo budget con gli zombie e devi usare un foglio di carta per gli interni della casa”. Come dargli torto?

2) Il Center for Disease Control 

Alla fine della prima stagione i protagonisti di The Walking Dead arrivano nel Center for Disease Control, dove viene svelato il famoso “segreto” che tutto il gruppo apprenderà in seguito alla fine della seconda stagione. A tal proposito è stato lo stesso Robert Kirkman a parlare, affermando:

Se tornassi indietro e lo rifacessi da capo, non svelerei al pubblico il Center for Disease Control alla fine della prima stagione né il segreto che riguarda tutti i personaggi che apprendiamo nel finale della stagione 2. Ho fornito delle informazioni essenziali troppo presto e questo ha modificato l’andamento della serie. Sento che poteva esserci un modo migliore di chiudere la prima stagione. C’erano delle cose in quell’episodio che non s’integravano con il mondo di The Walking Dead. Probabilmente se dovessi rifare tutto girerei alla larga dalle rivelazioni di Jenner.

3) L’occhio sbagliato

Nell’episodio 6×09, intitolato No Way Out, abbiamo visto il nostro Carl perdere un occhio a causa di Ron. Da quel momento in poi siamo quindi stati abituati a vedere il “piccolo” Grimes con una benda sull’occhio.

L’ennesimo errore di The Walking Dead è arrivato, però, quando Chandler Riggs ha pensato bene di imbracciare un fucile e di prendere la mira… dall’occhio sbagliato!

4) Sono davvero tutti infetti?

Come abbiamo detto nel secondo punto, i nostri personaggi sono ben consapevoli di essere tutti infetti: il contagio è nel sangue di tutti gli abitanti della Terra, ma si manifesterà soltanto con la morte dei diretti interessati.

Il sangue, dunque, è in sostanza “avvelenato” già in principio.

Ciò che non torna, a questo punto, è la scelta di Negan di scagliare contro i nemici proiettili e frecce imbevute nel sangue marcio. L’intento del villain era quello di accelerare il processo di trasformazione, e infatti così è stato, ma come è possibile se tutti hanno già il veleno in circolo?

5) Imbrattarsi di sangue marcio senza conseguenze

the walking dead

Ricollegandoci al quarto punto, sorge spontanea questa domanda. Come mai i personaggi di The Walking Dead sono stati contagiati a causa delle frecce e dei proiettili sporchi di sangue, ma non hanno mai pensato al rischio di ricoprirsi di interiora di vaganti?

Capita spesso, infatti, che lottando si procurino ferite e graffi più o meno gravi. E se spalmandosi addosso sangue e budella di zombie ci fossero state delle conseguenze? Il sangue marcio poteva tranquillamente venire a contatto con le ferite!

Eppure, sembra che nessuno ci abbia pensato. Anche in questo caso.

Leggi anche: The Walking Dead – La strabiliante bravura di Cailey Presley Fleming, ossia Judith Grimes