in

I 10 grandi temi esistenziali affrontati in Sons of Anarchy

Sons of Anarchy
Sons of Anarchy

Ho deciso, in un attimo di indecisione paralizzante, di provare a spiegarvi cosa Sons of Anarchy abbia rappresentato per tutti i suoi fan, ovviamente spiegando il mio personale punto di vista.

Sons of Anarchy è stata ideata da Kurt Sutter ( mente geniale e brutale in ugual misura che ricopre anche un ruolo-chiave da attore nella serie), ed è stata trasmessa dal 2008 al 2014 dal canale FX, nell’arco di sette stagioni televisive; ha ottenuto un discreto successo “quasi” ovunque e proprio quel quasi è rappresentato dalla nostra Italia.
La serie racconta di una banda di motociclisti situata a Charming, in California chiamata appunto : “Sons of Anarchy”, appartenenti ai SamCro (Sons of Anarchy Motorcycle Club Redwood Original), club che si occupa del traffico illegale di armi. L’opera si concentra sulla figura di Jackson Teller (detto Jax), ragazzo tormentato dalle sue scelte, dal futuro del club e dalla morte del padre John.
Già nei primi episodi, ritroviamo il protagonista intento a spogliare un vecchio diario del padre; ogni pagina trasuda emozioni e quasi sempre avvertiamo un senso di malinconia e sfiducia nelle parole di John Teller , co-fondatore del club con Clay Morrow suo fraterno amico e ora Presidente del club. Clay Morrow (interpretato egregiamente da Ron Perlman) ha sposato Gemma Teller, dopo la morte del migliore amico John, è molto legato al figliastro Jax, anche se i due sono spesso in conflitto.
Il continuo dilemma shakespeariano che muove i personaggi di questa stupenda serie, non è il solito “essere, o non essere” ma è ancora più straziante e complesso. Le ambizioni del club, capeggiate ora da Clay, collimano con gli ideali di Jax e del suo amico fraterno Opie e tutte le famiglie dei motociclisti, vivono il continuo strazio, sospesi sempre tra l’assecondare o il negare il ritorno nel club.
I personaggi, anche quando riescono ad arginare tutte le difficoltà, legate alla “concorrenza”, alle indagini dei federali e alle loro situazioni familiari, non riescono mai ad essere sereni e quieti; conoscono troppo bene il loro passato e sanno che il futuro sarà sempre più difficile e colmo di insidie. È questa la condizione di eterna incertezza e timore, tipica di coloro che sono appesi ad un filo, sapendo che tutto può peggiorare e non ritornare mai come prima.
L’unica salvezza è rappresentata proprio dal club, che è l’unica vera famiglia per molti, come per Juice, Chibs, Elvis, Tig.

10. Essere fratelli

Nelle tragedie, nella gioia, nella vita d’ogni giorno ,è sempre appagante e nobile confortare un amico o essere aiutati. Cicerone nel suo “De amicitia” darà la sua lezione più importante e valida su questa tematica, essere amici veri, è come essere fratelli. Più volte lo farà Opie verso Jax, più volte lo farà Tig verso Clay. Molte volte l’orgoglio sembrerà calpestare questi rapporti, ma le amicizie sincere ed oneste, superano ogni ostacolo. Sons of Anarchy ci dà una lezione reale e giusta a riguardo.

Elvis, Clay, Jax, Opie

Written by Davide Settembrini

Perdersi e riapprodare, confondersi in quelle maledette storie che vogliono provare a spiegare cos'è realmente l'uomo. Storie infinite, contraddizioni interiori ed agitato sentimento. La condivisione di quel dilemma eternamente irrisolto.

matrimoni

I 10 peggiori matrimoni delle Serie Tv

Quarta stagione di House of cards: cosa aspettarci?