News

  • romanzo criminale
    in

    Romanzo Criminale – Dandi e Freddo: i due volti del Libanese

    Il Libanese è stato il primo motore di Romanzo Criminale. Era il vero leader della Banda della Magliana, l’unico in grado di mettere insieme più batterie a Roma, l’unico probabilmente con una prospettiva che andasse al di là del singolo colpo, dell’arricchimento effimero che dura per un po’, per poi rigettarti nella mischia insieme al […]

  • in

    La nuda fotografia di Romanzo Criminale

    Un’altra televisione è possibile e questo tristemente non grazie a René Ferretti – che comunque ci ha provato – ma grazie a Stefano Sollima. Il caro signor Sollima, nei suoi ultimi anni di attività è riuscito a sfornare capolavori sia sul grande che sul piccolo schermo; a essere entrato nella storia italiana è quella che […]

  • Il Dandi
    in

    Il Dandi: L’ego e l’arroganza

    La colpa che spesso si dà a Romanzo Criminale è quella di essere riuscita a banalizzare il male, a farci empatizzare con il male. Ma non è una questione di empatia, quanto più di umanità: il male non è banalizzato ma umanizzato. Romanzo Criminale non è altro che uno specchio. Per questo è quasi impossibile […]

  • Romanzo Criminale
    in

    Il mistero dei Sogni in Romanzo Criminale

    Il Libanese e il Dandi hanno percorso strade simili all’interno delle dinamiche di Romanzo Criminale. Gli ultimi due Re di Roma, l’uno erede dell’altro, entrambi assetati di potere, e in qualche modo entrambi hanno indirettamente spodestato il regnante che li precedeva. I loro percorsi non possono che essere osservati e analizzati in parallelo. A confermare le loro […]

  • serie tv
    in

    La solitudine del Libanese

    Ciascun personaggio all’interno delle dinamiche di Romanzo Criminale ha le proprie debolezze, che siano la brama di ricchezza, di amore o di virtù. Il punto debole del Dandi per esempio è il desiderio di possesso. Lui deve possedere, accumulare potere e cose di vario genere, a partire dalla sua donna. La stessa Patrizia glielo dirà […]

  • romanzo criminale
    in

    Romanzo Criminale – Tutto il resto è noia

    Tutto il resto è noia è forse la canzone che più ci è rimasta impressa di Romanzo Criminale, fin dalla performance del Dandi nella vasca da bagno nel primo episodio della prima stagione. Una canzone, una musica, così come un profumo o un sapore sono in grado di ricondurci attraverso il tempo e lo spazio, […]

  • Romanzo Criminale
    in

    Romanzo Criminale – Liberi Liberi

    Con le parole di Vasco si conclude dopo poco meno di quindici anni dal suo inizio la storia di Romanzo Criminale: la storia di ragazzi sbandati, perduti, che hanno condiviso avventure, carcere, parole, violenza. Ragazzi che volevano essere liberi. Nel modo sbagliato. La prima banda di Roma è nata da un’idea semplice: Roma non vuole padroni. […]

  • in

    Il Dandi, il Libanese e il Freddo: le mille sfumature del male in Romanzo Criminale

    Attenzione: evitate la lettura se non volete imbattervi in spoiler su Romanzo Criminale  Il male non è sempre banale, e con ogni probabilità non avrebbe niente da ridire neanche l’immortale Hannah Arendt. La scrittrice tedesca ci regalò nel 1963 uno dei testi più importanti del Novecento, arrivando alla conclusione che il male perpetrato dalla maggior […]

  • romanzo-criminale-freddo
    in

    Famo domani

    “E mo’? S’annamo a pija’ Roma?” “Famo domani” La colpa è indiscutibilmente di Stefano Sollima che ha dipinto ritratti criminali con la sadica intenzione di creare empatia tra essi e lo spettatore. Non per niente già dal titolo Romanzo Criminale, come il film e il libro prima di essa, pone l’enfasi sul carattere romanzato dell’opera. […]

  • romanzo criminale scena finale
    in

    Ma quanto è bella la colonna sonora di Romanzo Criminale?

    È impossibile quantificare la perfezione. Ragion per cui la domanda che ci si pone nel titolo di questo articolo presenta un ostacolo insormontabile: non può beneficiare di una risposta precisa. È destinata a rimanere una domanda retorica, a meno di non ricorrere, appunto, all’astrattismo, con termini che rischiano di suonare vuoti, sensazionalistici e fini a […]