in ,

10 attori delle Serie Tv che hanno raggiunto il successo tardi

Il percorso che porta ad avere successo nel mondo del cinema e delle serie tv non è sempre rosa e fiori e non tutti gli attori e le attrici riescono subito a farsi strada in questo percorso intricato. Ci sono molti esempi di serie tv che hanno permesso agli interpreti di guadagnare un successo inaspettato. Basti pensare a Modern Family (qui trovate le pagelle di una delle comedy più amate dal pubblico). Eppure, aver raggiunto la vetta in ritardo non vuol dire avere meno talento, anzi. In alcuni casi sono state forse l’attesa e le innumerevoli esperienze passate a permettere agli attori di cui vi parliamo oggi di guadagnarsi un posto indelebile nell’immaginario del pubblico di tutto il mondo.

Uomini e donne dalle immense capacità che hanno saputo regalarci ruoli indimenticabili in più di un’occasione. Sarebbe impossibile pensare le serie tv in cui hanno recitato senza i loro volti e senza i tratti che hanno reso unici i personaggi di cui hanno vestito i panni.

Vediamo insieme quali attori, oltre a uno in particolare di Modern Family, hanno raggiunto tardi il successo.

1) Jon Hamm

jon hamm

Prima di essere conosciuto in tutto il mondo per il suo Don Draper in Mad Men, Jon Hamm ha dovuto percorrere una strada lunga e apparentemente senza fine. Dopo un’infanzia difficile e un percorso di studi incentrato su arti e letteratura, Hamm ha insegnato teatro nel suo vecchio liceo, poi è andato a vivere a Los Angeles con nulla in tasca, nella speranza che il lavoro da cameriere potesse aiutarlo a mantenersi mentre cercava di coronare il suo sogno di diventare attore. La fortuna sembrava non essere dalla sua parte. Aveva stabilito il suo 30esimo compleanno come termine ultimo per la sua carriera da attore e poi, finalmente a 29 anni ottiene il suo primo piccolo ruolo, a cui fanno seguito molte altre comparse in film e serie tv finché, nel 2007 (a 36 anni), non viene scelto per il ruolo di Donald Draper, e il successo non lo abbandona più.

2) Viola Davis

viola davis

Sarebbe impossibile elencare tutti i traguardi raggiunti da Viola Davis nel corso della sua carriera, ma basterà ricordare che l’attrice, nata nel 1965, ha iniziato il proprio percorso artistico come attrice di teatro, vincendo già dall’inizio numerosi premi grazie al suo talento inimitabile. Successivamente si è avvicinata al cinema, e ha dato il via definitivo al suo successo solo nel 2008, quando ha recitato accanto a Meryl Streep, a Philip Seymour Hoffman e ad Amy Adams nel film Il dubbio, partecipazione che le è valsa una candidatura al Golden Globe e una all’Oscar come Miglior attrice non protagonista. Da qui in poi, la Davis non poteva che continuare a salire, raggiungendo l’apice con la sua Annalise Keating in Le regole del delitto perfetto (per cui pure ha ricevuto molti riconoscimenti importanti) e con il ruolo nel film Barriere che le è valso finalmente l’Oscar come Miglior attrice non protagonista nel 2017.

3) Taraji P. Henson

taraji henson

Un’altra donna incredibile e un’altra attrice la cui carriera ha avuto bisogno di tempo per decollare e raggiungere la vetta. Nata nel 1970, Taraji non ha iniziato subito a cercare lavoro come attrice, prima di ottenere il suo primo piccolo ruolo nel 1997 ha lavorato sulle navi da crociera e si è guadagnata da vivere in molti modi. Ha dato il via alle sue esperienze nel mondo del cinema con la prima parte importante nel film Baby Boy – Una vita violenta del 2001, per poi salire alla ribalta nel 2005 con Hustle & Flow di cui cantò anche la colonna sonora (deve infatti a questo la vittoria di un Oscar come Miglior canzone originale). Il vero successo ha inizio però nel 2008, con la sua partecipazione al film Il curioso caso di Benjamin Button, e continua poi nel 2011-2013 con l’interpretazione di Joss Carter in Person of Interest (a più di 40 anni).

4) David Harbour

Stranger Things

Sappiamo tutti che il successo di David Harbour è scoppiato dopo la sua partecipazione a Stranger Things, serie tv targata Netflix, ma l’attore statunitense prima di essere il nostro burbero e affettuoso Jim Hopper a partire dal 2016, è stato molte altre persone, anche se forse non lo ricorderete. A 30 anni (nel 2005) ha ricevuto la sua prima parte importante in I segreti di Brokeback Mountain, poi in La guerra dei mondi di Steven Spielberg, in Revolutionary Road di Sam Mendes nel 2008, in Quantum of Solace di Marc Forster nello stesso anno e persino in Suicide Squad poco prima di entrare a far parte del progetto Netflix. Un elenco di titoli davvero notevole. Eppure, chi lo avrebbe ricordato se non lo avessimo visto in una serie divenuta cult?

5) Ty Burrell

modern family

Classe 1967, Ty Burrell, dopo aver conseguito una laurea in teatro a 24 anni, ha intrapreso un lungo percorso nel mondo del cinema solo a partire dal 2000 (ben 10 anni dopo), quando ha partecipato come comparsa a un episodio di Law & Order – I due volti della giustizia. Tra la sua prima apparizione in tv e il ruolo iconico di Phil Dunphy nella sit-com Modern Family, Ty ha ottenuto numerosi altri ruoli, soprattutto in campo cinematografico e teatrale, ma ha raggiunto il successo solo grazie alle serie della Fox creata da Christopher Lloyd e Steven Levitan.

Se non fosse stato per Modern Family forse non avremmo conosciuto Ty Burrell o non avremmo avuto modo di apprezzarlo come merita.

6) Ann Dowd

ann dowd modern familly

Anche nel caso di Ann Dowd parliamo di un immenso elenco di titoli, a partire dal 1985, quando l’attrice aveva già 29 anni. Tra film, serie tv e teatro, Ann ne ha fatta di esperienza nel corso degli anni, e ha avuto l’opportunità di recitare (seppur in piccoli ruoli) al fianco di star famose come Gérard Depardieu in Green Card – Matrimonio di convenienza o di Tom Hanks e Denzel Washington in Philadelphia. Eppure nessun ruolo le ha fatto riscuotere tanto successo come quello della rigida Zia Lydia in The Handmaid’s Tale, la cui quarta stagione si è da poco conclusa (qui trovate le nostre impressioni degli ultimi drammatici episodi) e grazie al quale ha ricevuto un Emmy come Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica.

7) Jane Lynch

modern family

Un’altra attrice che ha mosso i primi passi nel mondo dello spettacolo grazie al teatro e che ha raggiunto la fama solo successivamente è Jane Lynch. Ha iniziato il proprio percorso nel cinema solo a 20 anni, ma non è riuscita a imporsi subito sulla scena, nonostante abbia partecipato a film e a note serie tv. Ha cominciato la sua scalata verso il successo a inizio anni 2000, con Danni collaterali (2002) e 40 anni vergine (2005), e subito dopo con commedie come Walk Hard: La storia di Dewey Cox (2007) o Ricky Bobby: La storia di un uomo che sapeva contare fino a uno (2006). La troviamo più in là in serie come The L Word e Due uomini e mezzo, ma Jane raggiunge l’apice grazie al ruolo di Sue Sylvester in Glee, con cui nel 2011 (a 51 anni) vince un Golden Globe.

8) Bryan Cranston

bryan cranston modern family

Sappiamo tutti che, prima di regalarci il personaggio della serie tv più famosa e amata di sempre, Bryan Cranston era già famoso per aver reso iconico Hal Wilkerson nella famosa comedy Malcolm. Eppure, quando è diventato Hal nel 2000, Cranston aveva 44 anni, era noto per aver preso parte a Seinfel come Tim Whatley e non era certo giovanissimo. Poteva vantare un’immensa quantità di partecipazioni, ma nessuna gli ha regalato un successo paragonabile a quello ricevuto con l’interpretazione di Walter White in Breaking Bad dal 2008 al 2013 (per cui è stato premiato con 4 Emmy e un Golden Globe). Un ruolo indimenticabile e unico nel suo genere, divenuto ormai immortale e simbolo di una generazione. Decisamente meglio tardi che mai!

9) James Gandolfini

James Gandolfini

Come molte altre star, anche James Gandolfini, prima di trovare la propria strada con la recitazione ha dovuto attendere un po’ di tempo. Ha esordito con un piccolissimo ruolo nel 1987, a 25 anni, ma prima di divenire il Tony Soprano che abbiamo conosciuto, ha preso parte a molti altri film. Seppure dedicandosi a interpretazioni di poco conto, ha avuto modo di recitare al fianco di attori del calibro di John Travolta e Danny DeVito nel film Get Shorty del 1995, ma anche accanto a Denzel Washington e John Goodman in Il tocco del male nel 1998. Quest’ultimo proprio poco prima che ricevesse un successo inimmaginabile nella serie tv I Soprano, cult per il quale è ancora conosciuto in tutto il mondo dopo anni e che ha dato il via definitivo alla sua carriera nel cinema e l’ha consacrata. Gandolfini ottenne questo ruolo nel 1999, quando aveva ormai 38 anni.

10) Ted Danson

ted danson modern family

L’ultimo attore (ma non per importanza) di cui vi parliamo oggi è Ted Danson, classe 1941. Forse non molti sapranno che il primo ruolo grazie al quale Ted si è fatto conoscere e ricordare dal pubblico, lo ha ricevuto nel 1982 a ben 41 anni, grazie alla sit-com Cin Cin in cui interpreta Sam Malone. Da questo momento in poi, la sua carriera non fa che procedere in salita e lo ritroviamo con grande successo in più di un ruolo importante. È stato John Becker in Becker dal 1998 al 2004, D. B. Russell nelle ultime quattro stagioni di CSI – Scena del crimine dal 2011 al 2015 e per finire Michael in The Good Place dal 2016 al 2020. Ma è grazie a Cin Cin se Danson cavalca l’onda del successo e risulta vincitore di ben 4 Emmy e un Golden Globe.

Come Ty Burrell per Modern Family, anche Ted Danson non ha raggiunto subito il successo.

LEGGI ANCHE – Modern Family: Sofia Vergara parla della fine della serie e si dice molto preoccupata

Scritto da Elena Scipione

Cerco sempre la magia anche nelle più piccole cose. Potete trovarmi con la testa immersa fra le pagine di un libro o in qualche puntata di una serie tv. Per il resto del tempo per lo più scrivo e metto alla prova i miei poteri magici.

5 Serie Tv tratte da libri fantasy ancora in cantiere che aspettiamo con ansia

Monsters & Co.: ma siamo pronti alla nuova serie animata di Disney+?