in

5 attori delle Serie Tv che sono stati corteggiati a lungo per un ruolo

zooey deschanel

La maggior parte dei fan di una serie tv non vedrebbe l’ora di farne parte. E se qualcuno proponesse loro un ruolo all’interno dello show preferito, risponderebbero di sì senza esitazione. Ma non tutti gli attori vogliono buttarsi a capofitto in un prodotto televisivo, anche se potenzialmente potrebbe essere ottimo. Un esempio su tutti? Zooey Deschanel. La bella attrice, infatti, prima di diventare Jessica Day, ha esitato e non poco. Ci sono volute le insistenze dei creatori di New Girl, che l’hanno convinta a leggere il pilot, prima di rifiutare a scatola chiusa. Cosa che si sarebbe rivelata un grande errore.

I motivi di un rifiuto da parte degli attori possono essere molteplici. Troppi impegni, un titolo di pilot poco convincente, addirittura sceneggiature e ruoli che non attirano. Basta poco per commettere l’errore di rifiutare quello che potrebbe essere il ruolo della vita. Oppure, in altri casi, almeno la possibilità di recitare in una bella serie tv cogliendo anche l’occasione per divertirsi. D’altronde, è uno dei vantaggi del mestiere dell’attore: ci si può divertire alla grande facendo il proprio lavoro. E si può dire che Zooey Deschanel, in New Girl, ne è la prova vivente. A dimostrazione che ha fatto molto bene ad accettare la parte che le è stata proposta.

Ma Zooey Deschanel non è l’unica che ha fatto penare i creatori di una serie, prima di entrare a farne parte.

Vi possiamo infatti proporre almeno cinque storie di corteggiamenti (e costrizioni) vittoriose. E anche gli attori in questione hanno fatto più che bene a cedere alla corte spietata di produttori e creatori, dal momento che si è trattato, per la maggior parte, di ruoli diventati a dir poco iconici.

Anthony Starr in The Boys

Zooey Deschanel

Assurdo, vero? Com’è possibile che la star di The Boys, una delle punte di diamante di Amazon Prime Video, non volesse la parte? Eppure è proprio così.

Quando avevano proposto ad Anthony Starr lo script, pensate che non voleva neppure leggerlo. Come lui stesso ammette, era un periodo in cui era particolarmente occupato ed era a un passo dal mandare a quel Paese i suoi agenti, che invece insistevano perché lui desse almeno un’occhiata alla sceneggiatura. E per fortuna!

Ma quando Anthony Starr ha letto lo script, i problemi non sono affatto finiti, anzi!

L’attore aveva subito capito che il suo personaggio, Homelander, fosse una specie di anti-Superman. E lui stesso ha confessato in un’intervista che non si sentiva all’altezza di un simile ruolo. Aveva pensato che non avrebbe mai potuto competere, o essere messo minimamente a paragone con il super atletico e sexy Henry Cavill, nuovo volto di Superman nella filmografia DC. Mai pensiero fu più sbagliato, a quanto pare. Per fortuna, il nostro Homelander si convinse a girare un selftape, ma solo per dimostrare che non fosse adatto alla parte. E tutti sappiamo in realtà come è andata. A quanto pare Anthony Starr è stato decisamente abile a dimostrare che non fosse la persona giusta. Talmente tanto che ha convinto tutti e ha ottenuto il ruolo. Incredibile, ma vero.

Bruce Willis in Friends

Zooey Deschanel

Nel 2000, Bruce Willis era una delle star più richieste a livello internazionale. E senz’altro una delle più corteggiate. I produttori offrivano cifre da capogiro per averlo nei loro film. Ma pensate un po’: tecnicamente per la sua partecipazione in Friends non pretese un solo centesimo. Sembra impossibile, ma è così.

Tanto più che all’inizio Bruce Willis non aveva nessuna intenzione di prendere parte alla sitcom. Per convincerla ci è voluta addirittura una scommessa. Caso vuole che l’attore hollywoodiano si trovasse sul set di FBI Protezione Testimoni insieme a Matthew Perry, interprete dell’iconico Chandler Bing. Bruce Willis era molto scettico circa il successo del film che stavano girando, mentre Perry era convinto che avrebbe sfondato. Ed ecco che prese corpo una scommessa: se Matthew Perry avesse avuto ragione e il film fosse andato in testa al box office, il collega avrebbe dovuto recitare gratuitamente in Friends. Molto poco convinto, Willis accettò, ma il nostro Chandler ebbe la meglio. E fu proprio grazie a lui che i creatori della sitcom videro un’autentica star prendere parte al loro show. E non solo: addirittura a titolo gratuito. Naturalmente però la produzione non se la sentì di non pagare Willis e insistette perché l’attore prendesse uno stipendio proporzionato alla sua fama. Ma fedele alla scommessa, quest’ultimo diede tutto in beneficenza.

A giudicare da questo episodio, non è certo Joey Tribbiani il maggior esperto in corteggiamenti in Friends. Per quanto affascinante, il latin lover dello show non è mai riuscito a rimorchiare una star di Hollywood!

Sarah Jessica Parker in Sex And The City

Zooey Deschanel

L’iconica Carrie Bradshaw non sarebbe mai esistita così come la conosciamo, se fosse stato per la sola volontà di Sarah Jessica Parker. Bisogna più che altro ringraziare l’insistenza dei produttori.

A quanto pare, la sceneggiatura del pilot della serie non dispiaceva affatto all’attrice. Lo girò senza alcun problema, ma dopo un po’ se ne dimenticò, o quasi. Il punto è che il primo episodio ebbe grande successo e così la HBO si decise a girare l’intero show. E ovviamente richiamarono anche Sarah Jessica Parker. Ma la donna non era più così convinta, anzi, sembrava quasi terrorizzata all’idea di entrare a far parte della comedy. La verità è che non voleva impegnarsi in una serie tv così lunga ed essere, a detta sua, “una lavoratrice alla giornata”. Addirittura si disse disposta a recitare gratis in tre film, pur di essere svincolata dall’impegno. Ma la HBO, dopo lunghe insistenze, la convinse a onorare il suo contratto. E mai scelta fu più azzeccata, dal momento che Carrie Bradshaw è un personaggio amatissimo ed entrato a gamba tesa nella storia delle serie tv.

Michael Sheen per Good Omens

migliori serie tv Amazon prime Video

Quello di Michael Sheen per Good Omens è stato un corteggiamento in piena regola, con tanto di invito a cena. Non che Sheen fosse poco convinto dallo script di Good Omens, anzi. L’attore è un grande amico di Neil Gaiman, l’autore del romanzo da cui è tratta la serie. Ed essendo anche creatore dello show, Gaiman aveva contattato l’amico per proporgli un ruolo. Inizialmente aveva pensato di affidargli la parte di Crowley, il “demone buono” che intende far fallire l’Armageddon insieme all’amico angelo Aziraphale. Tuttavia, Martin Sheen leggendo la sceneggiatura si rese conto che non si trovava adatto per il ruolo. E non aveva il coraggio di dirlo all’amico scrittore.

Ed è così che Neil Gaiman ha pensato bene di adottare la tattica di corteggiamento più vecchia del mondo: l’invito a cena.

Ed è stato proprio durante l’incontro che Sheen ha raccolto il coraggio a due mani per dirgli che non se la sentiva di accettare il ruolo di Crowley. E anche a malincuore, dal momento che la sceneggiatura gli piaceva moltissimo. Ma lì Gaiman ha sfoderato la carta vincente: gli ha chiesto se, invece, non avrebbe preferito interpretare Aziraphale. E davanti a una simile proposta, l’attore ha accettato con entusiasmo. Ma con altrettanta gioia ha reagito David Tennant, quando gli è stato chiesto di interpretare il ruolo del demone. Come si dice: tutto è bene ciò che finisce bene!

Zooey Deschanel per New Girl

Come è possibile che una parte che sembra cucita addosso a Zooey Deschanel fosse stata inizialmente rifiutata? Eppure è andata proprio così. A quanto pare, la creatrice della serie, Elizabeth Meriwether, aveva pensato a un titolo veramente terribile per il pilot: Chicks & Dicks. Decisamente volgare, in effetti. Ma la spiegazione non è tardata ad arrivare. A quanto pare, il titolo era naturalmente provvisorio e aveva l’unico scopo di attirare l’attenzione di coloro a cui avrebbero proposto lo script.

Di certo, quella adottata per Zooey Deschanel non è una tattica di corteggiamento usuale. E per giunta non aveva funzionato.

La giovane attrice infatti, davanti a un titolo così volgare, aveva pensato di rifiutare il ruolo prima ancora di leggere la sceneggiatura. È servito molto spirito persuasivo per convincerla a prendere in mano il pilot e capire di che cosa si trattasse. Fortunatamente, Zooey Deschanel non manca di lungimiranza. Ha capito che, malgrado il titolo, ciò che aveva davanti era davvero buono. E seguendo l’istinto, ha fatto la scelta giusta.

Scopri Hall of Series Plus, il nuovo sito gemello di Hall of Series in cui puoi trovare tanti contenuti premium a tema serie tv

Scritto da Giulia Losi

Dovevo essere un architetto, ma ho avuto un piccolo "cambio di rotta" e mi sono innamorata del cinema. Mi sono laureata in teatro, cinema, danza e arti digitali alla Sapienza di Roma e ho voluto scrivere di cinema e serie tv, le mie due grandi passioni.

Sex Education

Coordinatori dell’intimità e sceneggiatori non binari: la creatrice svela i segreti di Sex Education