Vai al contenuto
Home » Strappare lungo i bordi » Strappare lungo i bordi – Le Pagelle dell’Armadillo

Strappare lungo i bordi – Le Pagelle dell’Armadillo

Pagelle di Strappare lungo i bordi fatte da quel simpaticone dell’Armadillo.
(Da leggere rigorosamente co’ la voce del buon Valerio Mastandrea)

Allora, eccoci qua, me so’ smarcato dall’amico mio, nonché scatola umana che me devo sorbì tutti li santi giorni, che a quel cojone gli avevo promesso ‘na tregua dopo il funerale e così è stato. Nun ho fatto in tempo a fa ‘sta tregua che quei rompi cojoni de Hall of Series m’hanno chiamato pe’ fa ‘e pagelle de’ Strappare lungo i bordi, ‘a serie mia. Ve devo di’ che nun è stato facile, anche perché ho dovuto omettere qualche offesa a qualcuno che se le sarebbe meritata, ma mò è andata così e ‘sti cazzi. Insomma, bando a ‘e ciance, che non posso lascià solo quel poro cristo più de qualche ora, quindi incominciamo. Ecco ‘e pagelle mie, nun me fate ‘e storie sui commenti, che tanto applico il metodo de’ rimandà avanti il pallone e ve rispondo ‘a ‘e 3 de notte mentre dormite.

Ecco ‘e pagelle de Strappare lungo i bordi. Regia, stacchetto grazie.

Manco ‘na musica? Manco du balletti? Santa Brigida che povertà, ma ‘ndo so capitato? Vabbè iniziamo.

‘A gente che se lamenta der Romano: 2

Allora. Patti chiari e amicizia lunga amici d’Italia, qui se parla romano, ma tutto attaccato, uno spelling unitario: E-R-R-O-M-A-N-O. Quindi cortesemente nun cominciate co’ sta pantomima de’ “e ma nun se capisce ‘ncazzo”, “e ma ci vogliono i sottotitoli” oppure “ma se l’italiano è ‘na lingua perché tocca usà il dialetto?”. Perché io so’ la coscienza de Zero, quindi parlo la lingua sua e chi se lamenta se attacca al suddetto e se becca un bel 2. Rimandati a settembre prossimo, che sete n’accollo troppo grosso.

Professoressa Mazzetti: 3

A proposito de voti. Quell’infame de’ ‘a Mazzetti nun poteva mancare. Li mortacci sua, delle divisioni a albero e de l’aspettative che ha proiettato su Zero. ‘Npo è pure colpa mia eh, pensavo io stesso che quella pora donna se alcolizzasse tutte ‘e sere causa prestazioni scadenti a matematica de Zero. Ma che dovevo pensà quando una fa tutte quelle lagne che manco li bambini de 6 anni. Bah, vabbè, tanto er bombone de Secco ha sistemato tutto e ha concluso ‘sta vicenda a tratti grottesca. Comunque ‘a Mazzetti se becca un bel 3 causa terrorismo psicologico.

Bambino Lucertola: 4

Eeeeh quando ce vo, ce vole. Ma tu pensa che scemi io e ‘l mi poro Zero a crede de aver inculcato qualcosa ne ‘a mente de sti pischelli. Niente niente qualcuno adesso sta seduto sugli scranni der parlamento. Non so perché ho voluto dì ‘sta parola, ma scranno me sona tipo come ‘na cosa importante e allo stesso tempo brutta quindi nun è che me so sbajato de tanto. Ma nun me voglio impelagà su discorsi del genere che sennò me fate ‘a paternale sui commenti. Tanto nun ve leggo, NUN-VE-LEGGO, nun so come divvelo. Però ecco, penso che ‘n bel 4 ar bambino lucertola nun glie se pò negà. Perché dai, mo nun fanno più ride certe cose.

La nostra società/Il principe degli sgambetti: 5

Lo so, lo so. Volevate guardà na serie, mica fa psicoterapia. Dalle parti mie però se dice “date a Cesare quel che è de Cesare” e quindi mo un mini-pippone ve lo appioppo, giusto per favve sentì ‘mpo più merde. Ecco, si nun l’avete capito, er famoso Principe degli sgambetti, il famigerato villain de ‘a storia de Zero in Strappare lungo i bordi altri non è che ‘a società nostra. Sempre pronta a sgambettà a chi caccia il becco fori casa, sempre a aspettà il cadavere che se ‘nfracica sull’ansa der fiume, come quer giapponese testa de cazzo che aspetta i cadaveri dei nemici sua. Insomma, ‘a morale de ‘a favola è che si la società fa schifo è perché schifo lo famo ‘mpo tutti, quindi vedemo de migliorà come collettività. E per il momento ve tocca un 5. Sulla fiducia eh, nun ve strappate le vesti.

strappare lungo i bordi

Bambine Topo: 6

Ecco ‘a prima sufficienza de’ ‘ste pagelle. Er voto è ‘a media tra ‘r 4 der mostro bicefalo che ai tempi sembrava ‘na creatura mitologica che Hercules scansate proprio e l’8 de ‘a bambina topo solitaria che è riuscita a strappare lungo i bordi ‘a sua sagometta de carta. Lei è ‘a prima e unica testimonianza de un successo de me e Zero. Quindi pe’ forza de cose ‘a sufficienza tocca appioppagliela, anche se comunque vedè una che fino a ieri giocava coi gormiti che adesso fa la editor pe’ ‘na casa editrice ce urta er sistema endocrino in toto.

Secco: 7

Ecco che s’intravede er primo eroe de Strappare lungo i bordi, nun capisco che c’abbia ‘n mano, ma conoscendo il soggetto posso puntà tutto sur gelato, nun me chiedete il motivo che già lo sapete. Comunque er maestro Sith Secco se becca un bel 7. Poco direte voi, ma ‘nsomma per uno che ‘ntutta la serie ha detto 7 parole ‘n croce me pare anche ‘n voto ragionevole. Tralasciando ‘r fatto che sapeva che Alice tirava le pezze a Zero e nun ha detto manco niente, falso come ‘n Gesuita l’anfame. Un voto ‘n meno pel poker online. Ma dico io Gesù Santo, ancora provamo a campà co’ ‘sti mezzucci? Nun ve fate rovinà la vita dar gioco ragazzi, nun fate ‘sta cazzata.

Sarah: 8

Er secondo eroe de’ ‘a serie mia se becca un bell’8. Dicemose ‘a verità, tutti noi c’avemo n’amica come Sarah che ci fa ‘mpazzì e a tratti nun se riesce a sopportà, ma ogni tanto quell’amica ci serve anche per fa un onesto bagno de umiltà. Sarah ce serve per facce capire quanto potemo avecce un inconscio de merda, ma talmente de merda che certe volte dovremmo pià la pala e sotterasse per come ce comportamo. Poi la storia dei fili d’erba le vale ‘n voto in più, ma volete mette? Cioè ‘na roba che te svolta ‘a giovinezza e l’adolescenza, che te solleva da tutte ‘e responsabilità fino a che non se diventa grandi per capì come se move ‘r mondo. ‘Nsomma, cara la Saretta mia, grazie de core per tutte le dritte, una come te, nella vita de ‘na persona, serve come ‘r pane.

strappare lungo i bordi

Alice: 8

Pe’ Alice er minimo è n’8. Forse er voto dovrebbe esse più alto, ma mo vojo fa er poetico come er caro Zero e pensare che quell’8 cominci a girare di 90° gradi e diventare ‘r simbolo dell’infinito. Concedetemela ‘na digressione poetica, che già ce sta tutto ‘sto marasma ar mondo e semo talmente pervasi da così tante brutture che spesso ‘a vita ce scorre davanti e manco se n’accorgemo. E spesso ci scorrono davanti ‘e persone, e noi sciocchi pensamo de potelle rivedere quando ce pare, ma alcune nun tornano più. E forse la colpa è pure ‘mpò la mia, che ho consigliato male Zero in alcune situazioni, ma alla fine io sò n’armadillo, che cazzo ne so de come funzionate voi umani. E comunque nun so se Alice ci guarda dal cielo, anche se so dubbioso su sta storiella, ma penso che sia felice che la sua storia possa ‘n qualche modo salvare anche una sola vita, tra quelle ‘n bilico tra la vita e la morte.

Zero: 10

Leccaculo che nun sè altro, penserete voi. Ma dico io, come posso pensà de dà meno de 10 alla persona de cui io so ‘a proiezione mentale, sarebbe come screditare me medesimo. Qui parlamo de ‘na cintura nera de come se schiva la vita, de ‘n maestro jedi dei curriculum, e soprattutto, der creatore de sta’serie che è ‘na cosa piccola, ma come tutte ‘e cose piccole conta poco, ma mai niente. Oh, poi parlamoce chiaro, ne state a parlà tutti da du’ settimane e tra ‘mpò m’avete ciancicato le orecchie, però nun se po’ dì che nun v’è piaciuta, quindi un bel 10 a Zerocalcare per Strappare lungo i bordi me pare sia er minimo no? Poi se qualcosa nun ve ‘sta bene de ‘ste pagelle voi fatemelo sapere nei commenti, voi intanto scrivete che io poi ve leggo cor coso, dai cor coso.. come se chiama. Ah sì, ve leggo cor cazzo.

Scopri Hall of Series Plus, il nuovo sito gemello di Hall of Series in cui puoi trovare tanti contenuti premium a tema serie tv