Vai al contenuto
Home » Breaking Bad » Le Pagelle ironiche di El Camino, il film di Breaking Bad » Pagina 2

Le Pagelle ironiche di El Camino, il film di Breaking Bad

breaking bad

Zio Jack lo scommettitore: Voto 4

Sarò onesta, io da un criminale come zio Jack mi aspetto scommesse e passatempi di ogni genere. Corse di cavalli, combattimenti di Pit Bull, lotte tra galli, il Fight Club dei poveri. Ma non 50$ su Jesse Pinkman che sfonda l’imbracatura e i ganci di ferro manco fosse Sir Gregor Clegane dopo il trattamento Qyburn. Zio Jack come Walter White: scambia personaggi e infatti perde la scommessa. Voto 4.

Todd “The Mentalist” Alquist: Voto 9

Su Todd se ne sono dette di ogni dopo El Camino. Ma la verità è che il tipo è diventato tanto meno “fisicato” quanto più carceriere “mentalista”. Sì ok, ha sempre quel problemino con l’impulsività quando si sente sgamato. Però laddove zio Jack ha tenuto buono Jesse con minacce e catene, Todd l’ha fatto con “la pizza ai peperoni”. Anche se qualcuno dovrebbe davvero spiegare a lui e a tutti gli americani che quella è una Diavola. Fatto sta che un paio di birre, pizza e una gita fuori porta non proprio a fare climbing e Jesse è “accappottatissimo”. Le soft skills vere! Aggiungi al curriculum Todd. Voto 9.

Pagine: 1 2 3 4 5 6