Vai al contenuto
Home » Breaking Bad » Le Pagelle ironiche di El Camino, il film di Breaking Bad » Pagina 6

Le Pagelle ironiche di El Camino, il film di Breaking Bad

breaking bad

Cringe Breaking Bad Award a Jane Margolis

breaking bad

La nota di malinconia mista a speranza che accompagna il finale di El Camino non riesce comunque a sopraffare la domanda che sorge spontanea dopo il ricordo di Jesse. Il ritorno all’eroina, in barba ai 12 passi intrapresi, fa parte della filosofia delle scelte o di quella “va dove ti porta l’universo”? E la saggia scelta di ricattare Walter White? Sono confusa.

Smart Parent Award ai coniugi Pinkman

breaking bad

Che i genitori di Jesse Pinkman non fossero due sveglioni ce n’eravamo accorti già dai tempi di Breaking Bad. Ma El Camino ha voluto aggiungere ai vecchi pregi dei coniugi Pinkman anche quello di “americano medio modello”. Chiave di casa lasciata in un posto “introvabile” in giardino e tessssoro in cassaforte (che ce frega dei gioielli, a noi piacciono le pistole). Non il massimo per chi non sa nemmeno attivare il vivavoce del telefono e si divide la cornetta manco fossero gli anni’60.

E in fine, il premio al vero cuore di Breaking Bad ed El Camino: Vince Gilligan, che si aggiudica il premio Nostalgia dell’anno!

Sì, perchè possiamo dire di tutto sui pregi registici della mente di Breaking Bad. Ma resta sopra ogni cosa la non troppo sottile nostalgia che sembra aver pervaso la scelta di fare questo film. Tutto per dirci per dirci “Ah comunque Jesse si salva”, in caso non l’avessimo capito da Felina.

Leggi anche: Breaking Bad – El Camino: 10 cose che ho pensato dopo aver visto il film

Pagine: 1 2 3 4 5 6