in ,

#Venerdì Vintage – La classifica delle 10 migliori Serie Tv Anni 80

Serie Tv anni 80

Spesso ci concentriamo sulla varietà e la potenza delle Serie Tv degli anni 90. Queste, indiscutibilmente, ebbero grande influenza sui prodotti dominatori degli anni 2000: Friends, ad esempio, ha inevitabilmente ispirato How I Met Your Mother e New Girl. Ma prima di tutto questo c’è un’epoca che a tutti gli effetti possiamo ritenere iconica: quella degli anni 80. Il mondo delle Serie Tv anni 80, infatti, si caratterizza per delle peculiarità solo sue che sono motivo di nostalgia per chiunque le abbia vissute, e di curiosità per chiunque invece non ci fosse ancora.

In un certo senso l’interesse per quest’epoca si è riacceso in particolar modo dopo l’arrivo della Serie Tv Stranger Things. Le acconciature, i vestiti, le scelte musicali e le ambientazioni: tutto nello show grida gli anni 80. Anche Ryan Murphy ha deciso – con la nona stagione di American Horror Story – di tornare in quel periodo. Per cercare di dare quel tocco decisivo aggiunge anche una sigla tipica di quei tempi in cui possiamo vedere ballerini in tipico stile 80 sulle note dell’iconica musica dance (vi lasciamo il link qui se siete curiosi di vederla!)

Ma quali sono davvero le Serie Tv migliori di quell’epoca? Analizziamole insieme con una classifica! Pronti a un salto nel passato? Andiamo!

10) Star Trek: The Next Generation, la Serie Tv rivelazione degli anni 80

Serie Tv Anni 8'0

Impossibile non aggiungere in una classifica del genere una Serie Tv anni 80 come Star Trek: The Next Generation, un prodotto che – se volete una grande notizia – è disponibile su Netflix!

La serie fu creata dallo stesso ideatore di Star Trek, Gene Roddenberry. Il prodotto andò in onda negli anni 60. Nel 1986 – vent’anni dopo – Roddenberry decise che fosse giunto il momento di riportare lo show sullo schermo ma in maniera completamente diversa: lo ambientò settant’anni dopo l’originale e con personaggi totalmente differenti

La Serie Tv – tra le altre cose – è intrisa di grande umanità: ogni episodio ha una morale ben definita che si concentra sulle differenze di etnia e genere, l’importanza dei rapporti umani e la ricerca della felicità che ogni individuo compie nella propria esistenza. In questa maniera Star Trek: The Next Generation diventa una delle Serie Tv anni 80 più rivoluzionarie che mette al centro di tutto i dubbi esistenziali di ogni individuo e la scoperta di se stessi in un mondo pieno di – meravigliose – diversità.

Insomma, come vi abbiamo detto, su Netflix è possibile rivivere l’inizio di quello che poi è diventato un successo mondiale. Avere la possibilità di fiondarsi nel mondo originale di Star Trek è un po’ come rivedere le foto di quando eravamo bimbi da grandi. Era solo l’inizio, e adesso possiamo godercelo quante volte vogliamo facendo finta che il tempo non sia mai passato.

9) Super Vicki

Serie TV anni 80

Nono posto per Super Vicki, una sitcom brillante andata in onda tra il 1985 e il 1989.

La serie narra la storia della famiglia Lawson che – nel primo episodio – “adotta” Vicky, un robot di circa dieci anni costruito dal capofamiglia Ted. Il suo modo di vivere all’interno del nucleo in cui è stata creata è assolutamente naturale: si comporta come se fosse una vera e propria figlia e sorella e frequenta perfino la scuola, luogo in cui si sforzerà di sembrare più umana possibile con bizzarri metodi che, però, non funzioneranno.

La parte ironica dello show risiede proprio in tutte queste ripetute gag in cui anche i Lawson stessi cercano di nascondere ai propri vicini la vera identità di Vicki. Più volte, infatti, verranno sorpresi in momenti ambigui (come vedere palesemente tutti i fili meccanici della ragazzina) da cui cercheranno di uscire con le giustificazioni più incredibili mai sentite.

Lo show – nonostante l’atmosfera leggera senza troppe pretese – è comunque un prodotto che mette al centro di tutto l’amore per la famiglia cadendo – così – spesso in una vulnerabilità che ha il compito di dimostrare quanto – nonostante tutte le apparenze – i legami non siano solo una questione di sangue. Vedere Vicki ambientarsi nella sua nuova casa e creare dei rapporti concreti sarà una delle cose più belle che la serie offrirà e che in qualche modo ci farà sentir parte di loro in quell’ambiente così familiare.

8) Magnum P.I.

Serie Tv anni 80

Ottavo posto più che meritato per Magnum, P.I., una delle Serie Tv anni 80 poliziesche più iconiche nel panorama seriale!

A capo di questa serie troviamo Tom Selleck, uno dei personaggi più ricorrenti nella Serie Tv anni 90 Friends. La sua entrata in scena all’interno di quest’ultima fu davvero apprezzata da parte dei telespettatori che lo avevano già apprezzato nei panni di Thomas Sullivan Magnum in Magnum, P.I.

La serie – in cui riveste il ruolo di protagonista – segue le vicende di Magnum, un investigatore che si imbatte in numerosi crimini come rapimenti e omicidi. L’atmosfera si divide tra il drammatico e il leggero: alcuni episodi – nonostante trattino comunque casi polizieschi – riescono ad avere un carattere decisamente meno serioso di altri che – invece – mettono in campo argomenti difficili e importanti come l’antisemitismo, il razzismo, la condizione dei reduci del Vietnam e la corruzione militare.

Questo tipo di tematiche viene gestito in maniera molto delicata, col tutto accompagnato anche dalla voce fuori campo di Magnum che narra le proprie idee ed elargisce pillole di saggezza. In questa maniera, così, anche gli argomenti a noi più sconosciuti diventano quasi familiari e ci coinvolgono talmente tanto da farci empatizzare con i diversi casi che l’investigatore dovrà affrontare.

Un’altra fondamentale caratteristica della serie – oltre a questo equilibrio tra leggerezza e drammaticità – è la dinamicità: spesso l’ambientazione dei fatti varia e ci riporta lontano negli anni 30 e 40. Insomma, guardare questo prodotto significa utilizzare il passaporto e viaggiare in diverse epoche e diversi argomenti fiondandoci in un genere poliziesco che mai abbiamo visto prima.

7) Supercar, la Serie Tv anni 80 per gli appassionati di macchine!

Alzi la mano chiunque sia un grande appassionato di auto! Bene, sappiate che questa è la Serie Tv anni 80 giusta per voi!

Supercar racconta la storia di Michael Arthur Long, un poliziotto che miracolosamente riesce a salvarsi e a cambiare completamente vita. L’uomo, infatti, subirà un cambiamento grazie alla plastica facciale e a un durissimo addestramento che gli permetterà di diventare Michael Knight. Chiunque conosca la serie sa che ovunque ci sia lui c’è anche KITT, un’automobile indistruttibile dotata di un’intelligenza artificiale che le permette – tra le tante cose – di parlare. Insieme a lei inizierà la lotta contro le forze del male in giro per gli Stati Uniti.

Supercar vanta numerosi premi, ma il suo destino fu segnato comunque da un debolissimo calo degli ascolti. Bastò, infatti, che la curva del successo scendesse di un centimetro per far chiudere definitivamente la serie. L’ultimo episodio andato in onda – La spedizione maledetta – non accenna in alcun modo a un’ipotetica cancellazione della serie ma termina in maniera normale e semplice, facendo presagire una continuazione.

Nonostante tutto, comunque, la Serie Tv anni 80 è rimasta viva dentro il cuore dei telespettatori che hanno anche cercato di ricostruire fedelmente la famosa auto dello show. Inoltre una replica ufficiale – commissionata dall’Universal – è in mostra nel museo Keswick Cars of the Stars in Inghilterra. Non c’è che dire: questo è il tipico caso in cui puoi anche cancellare una Serie Tv dalla televisione, ma non potrai mai farlo dal cuore.

6) Genitori in Blue Jeans

Sesto posto per una Serie Tv che può vantare di ben tre caratteristiche: ti dà una sensazione di casa e di famiglia, è il primo esordio di Leonardo Di Caprio e tra una cosa e l’altra…arriva anche Brad Pitt!

Jason e Maggie sono genitori di quattro scatenatissimi figli a cui si aggiungerà Luke, interpretato da niente poco di meno che Leonardo Di Caprio. Per le prime stagioni la serie ha un tono decisamente più leggero rispetto a quelle delle ultime in cui verranno trattate tematiche profonde dovute soprattutto a Luke, un ragazzino problematico che entrerà a far parte dei Seaver portando decisamente più caos. Nonostante il suo carattere vulcanico, però, imparerà a gestirsi e a vivere all’interno della famiglia senza più isolarsi riuscendo finalmente a godere delle gioie della sua età.

Genitori in Blue Jeans fu un trampolino di lancio per molti attori tra cui: Brad Pitt, Jennie Garth, Hilary Swank e Matthew Perry, il Chandler Bing che qualche anno dopo avrebbe contribuito a un altro concetto di famiglia nelle Serie Tv.

Guardare questa serie significa emozionarsi e farsi coinvolgere in vicende che – piccole o grandi che siano – sembrano anticipare argomenti e temi, come quello dell’emarginazione, degli anni 90 e 2000.

5) I Robinson

Serie Tv anni 80

Quinto inevitabile posto per una delle sitcom più rivoluzionarie degli anni 80!

Facciamo per un attimo un passo avanti: negli anni 90 la Serie Tv Will&Grace rende l’argomento della sessualità assolutamente ordinario e normale, sdoganando così finalmente tutti i tabù dell’epoca. Qualche anno prima lo stesso avvenne in un’altra Serie Tv ma con un altro argomento. Stiamo parlando della Serie Tv I Robinson, andata in onda tra il 1984 e il 1992.

Lo show narra le vicende di una normalissima famiglia ordinaria afro-americana. A differenza di molte Serie Tv di quel momento, o precedenti – come Giulia, Il Mio Amico Arnold e Good Times – l’accento non viene posto sulle lotte per i diritti civili o sull’odio razziale, ma si concentra sulla normalità di un’ordinaria famiglia. Sono orgogliosi della loro individualità ma lo scopo della serie è quello di raccontare le storie tipiche di una famiglia americana benestante con un’ode alla normalità, motivo per il quale questo è uno degli show più visti al mondo: ha saputo trattare un argomento così delicato per quell’epoca semplicemente non trattandolo, lasciando tutto solo alla storia normale di una famiglia che come tutte deve affrontare gioie e dolori.

4) Saranno Famosi

Qualcuno per caso sta già sentendo un’infinita voglia di ballare? Perché – se così fosse – il quarto posto fa proprio al caso vostro!

Sembra assurdo, adesso, ricordare che la Serie Tv Saranno Famosi in realtà durante la sua produzione non fece molto successo in America. Le prime due stagioni – per questo motivo – sembravano quelle definitive ma per via di un accordo speciale con la LBS Communications e grazie al grande successo in Europa, la MGM ha continuato a produrre la serie facendola arrivare a sei stagioni.

La trama della serie vede come protagonisti dei giovani studenti e insegnanti della New York School of the Performing Arts. Ogni personaggio affronta piccoli e grandi drammi sia di natura sentimentale che familiare e lo fa attraverso una serie di numeri musicali tra cui coreografie e musical. La sigla era la perfetta anteprima di quello che sarebbe diventato a tutti gli effetti lo show sulla musica. Vogliamo sfidare la malinconia dei più veterani: schiacciate play qui sotto!

3) A-Team

Eccoci finalmente sul podio con una delle Serie Tv anni 80 più conosciute e amate nel panorama seriale: A-Team!

La trama segue la storia di un commando di ex combattenti della guerra del Vietnam chiamato A-Team, un tempo appartenenti al 5th Special Forces Group “Berretti Verdi” dell’esercito degli Stati Uniti. La serie racconta come questi ex combattenti debbano scappare a causa di un’accusa infondata: sono, infatti, ritenuti colpevoli ingiustamente di aver rapinato la banca di Hanoi.

Per cercare di sopravvivere prestano servizio come mercenari. Le puntate non si concentrano solo sulla parte ironica del loro fuggire, ma anche e soprattutto sulla loro parte umana: si schierano sempre al favore del bene e dei più deboli incoraggiando il famoso detto sui giganti buoni.

La serie andò avanti per ben cinque stagioni con un successo inarrestabile. Questo è in assoluto uno dei prodotti che più ha caratterizzato gli anni 80 e proprio per questo motivo nel 2010 è uscito l’adattamento cinematografico della serie televisiva, A-Team. La storia non vuole distaccarsi dalla trama ma darle una continuità, un’evoluzione: per questo motivo l’ambientazione del film è quella dei giorni nostri e vede i protagonisti impegnati in Iraq.

E voi l’avete visto?

2) MacGyver

Serie Tv anni 80

Secondo posto per la Serie Tv MacGyver: lo show che ha unito l’azione all’estrema intelligenza.

La trama segue le vicende di MacGyver, un agente segreto con risorse scientifiche infinite. La sua laurea in fisica sarà uno dei motivi per cui spesso – se non sempre – riuscirà a gestire ogni situazione dimostrando quanto queste competenze siano effettivamente utili nella realtà quotidiana.

Al modus distruttivo MacGyver preferisce le soluzioni non letali. La sua intelligenza mista a genialità lo porta sempre a scegliere delle opzioni di salvataggio imprevedibili che rendono impossibile ai nemici ostacolarlo, ma nonostante questi aspetti ciò che ha da subito colpito i telespettatori è stata la caratterizzazione della sua personalità da eroe: di fronte alle tragedie vive il dolore non sentendosi mai più forte di lui. Lo stesso accade nelle situazioni di paura: il protagonista la prova e si sente libero di farlo. La sua umanità- così – mette in luce una personalità profondamente umana che, forse, proprio per via della sconfinata intelligenza, sente tutti i propri punti deboli e capisce fin da subito le situazioni difficili.

MacGyver è l’esempio concreto della famosa frase che dice che chiunque sia intelligente, soffra di più perché ben consapevole. Proprio per questo motivo nel 2016 è uscita una nuova Serie Tv in cui Lucas Till interpreta l’agente da giovane raccontando così tutte le sue tappe. E voi cosa ne pensate di questo nuovo racconto? Vi sta piacendo come il primo?

1) La Signora In Giallo, la Serie Tv più titolata degli anni 80

Primo intoccabile posto per La Signora In Giallo, la Serie Tv anni 80 di cui abbiamo sempre saputo di aver bisogno.

Jessica Fletcher – ex insegnante e ora scrittrice – conduce una normalissima vita da pensionata. Nonostante i libri le abbiano portato grande successo e viaggi per il mondo, la donna non si è mai allontanata dalla semplicità della propria vita nel piccolo paese di Cabot Cove. Nonostante questa apparente semplicità, però, le sue giornate sono spesso segnate da terribili omicidi che risvegliano la sua curiosità e sapienza nei confronti della legge e della criminologia. Proprio su questa base la donna cercherà sempre di farsi in quattro per risolvere tutti i crimini, cosa che la porterà ad avere un rapporto altalenante con le forze dell’ordine che non possono fare altro che cedere alla sua presenza durante i casi.

La serie andò in onda dal 1984 al 1996 per ben 12 stagioni e continuò con diversi film fino ai primi anni del duemila. Questo successo non passò inosservato neanche agli occhi della critica: fu, infatti, nominata più volte nella categoria miglior serie drammatica portando a casa due Golden Globe su sei candidature. L’attrice protagonista – Angela Lansbury – al tempo stesso fu candidata a un totale di 10 Golden Globe e 12 Emmy Award per la sua interpretazione nella Serie Tv La Signora In Giallo detenendo così per molti anni il record per il maggior numero di nomination nella categoria Miglior Attrice Golden Globe e Migliore Serie Drammatica Emmy Award.

Insomma, il successo de La Signora In Giallo è a tutti gli effetti ancora vivo dentro la nostra quotidianità. Vedere una sua replica in Tv significa tornare in qualche modo a casa della nonna, e a noi – tornarci – piace un sacco.

LEGGI ANCHE – #VenerdìVintage – Le 10 Serie Tv degli anni’80 che più hanno segnato quest’epoca

Scritto da Annalisa Gabriele

Le serie di Netflix sono contemporaneamente le peggiori e le migliori. Pro: tutti gli episodi vengono rilasciati lo stesso giorno. Contro: tutti gli episodi vengono rilasciati lo stesso giorno.

The Good Place Distopia – Vent’anni dopo la fine di The Good Place

Patrick Dempsey

#Venerdì Vintage – Gli esordi assurdi di Patrick Dempsey