Vai al contenuto
Home » Shameless » 10 momenti di Shameless che ci hanno fatto piangere come fontane

10 momenti di Shameless che ci hanno fatto piangere come fontane

4) Il discorso di Fiona a Monica (1×09)

Shameless (640x350)
I fratelli Gallagher affrontano la loro madre

Non è la prima volta che Fiona fa un monologo da brividi nella serie.

Allo stesso modo di Frank in Shameless (come visibile anche in streaming), Monica ha fallito come madre quando ha abbandonato i figli mentre Fiona era al liceo, costringendo la ragazzina a lasciare gli studi per prendersi cura dei suoi fratelli. Non ha mai offerto alcun tipo di supporto ai Gallagher ed è semplicemente scomparsa dalla loro vita quando avevano più bisogno di lei. Quindi, nel momento in cui la donna ritorna per portare via Liam e mettere su una nuova famiglia con la sua ragazza Roberta, Fiona si arrabbia furiosamente e comprensibilmente, facendo uscire tutti i sentimenti repressi per la madre. Le dice che non doveva creare una famiglia nuova, ma prendersi cura di quella che già aveva. Le racconta di tutte le cose che ha fatto da sola e di tutti i risultati ottenuti dai Gallagher per merito suo e senza l’aiuto di Monica.

Nel cast di Shameless, Emmy Rossum è incredibile e riesce a trasmetterci il rancore e il risentimento di Fiona verso sua madre, il peso di aver dovuto rimediare all’assenza di Monica senza poter realizzare i suoi sogni, il dolore della bambina di un tempo che voleva solo l’amore della sua mamma. Tutto racchiuso in poche parole: “Eri anche mia madre!”. E sì, ogni volta che la sentiamo son pianti.

5) La morte di Monica (7×12)

Il funerale di Monica

Monica ci ha sconvolti più volte. Basti pensare all’agghiacciante scena del Ringraziamento, in cui si taglia i polsi dopo aver smesso di prendere le pasticche per il suo bipolarismo. La serenità della festa sparisce di fronte a una scena così impattante e reale, anche grazie all’assenza di musica in sottofondo. Il puro terrore che deriva da questo momento, così come lo stato di lutto di Fiona mentre asciuga il sangue di sua madre, sono semplicemente e dolorosamente atroci.

L’ultima volta che torna è straziante. I Gallagher riescono a passare insieme una notte decente prima della sua morte, resa anch’essa con brutale realismo. Era tutt’altro che perfetta, ma la sua perdita è stata sentita fortemente da ogni membro della famiglia. E noi dobbiamo fare i conti con ognuno di loro. Soprattutto con Frank e Fiona. Dolorosissima è la reazione di Frank all’immobilità di Monica, che cerca poi al funerale di dipingerla come un angelo; cosa con cui Fiona non è proprio d’accordo. Ciò porta alla potente scena della dura ed emozionante conversazione tra i due. E che dire, le interazioni nel cast di Shameless tra Emmy Rossum e William H. Macy sono sempre un dannato pugno emotivo allo stomaco.

Senza dimenticarci dell’eredità di Monica, quel carico di metanfetamine che devono difendere dall’ex socio della donna, che ne reclama una parte. Sarà Frank a persuadere Eric, facendogli pure abbassare la pistola che stava puntando su Fiona e Lip, ottenendo lui gratitudine e noi un commovente e raro momento di unione di tutti i Gallagher in Shameless (e sì, anche a rivederlo in streaming, si piange).

6) Il matrimonio di Mickey e l’arruolamento di Ian (3×11-12)

Shameless (640x356)
Noel Fischer è Mickey Milkovich

Sì, ci siamo resi conto che, fino ad adesso, non abbiamo parlato di nostri amati Gallavich. Effettivamente, tutto il pezzo potrebbe essere dedicato a loro, complice anche i loro ottimi interpreti nel cast, e scegliere solo alcuni dei loro momenti in Shameless è difficile. Ma ci proviamo.

Il viaggio di Mickey per l’accettazione di sé e dei suoi sentimenti per Ian è stato lungo e doloroso. Dopo che l’omofobo padre del primo li ha scoperti, ha costretto il figlio a sposare Svetlana. Ian, però, non aveva intenzione di arrendersi senza combattere e si è confrontato con l’amato proprio nel giorno del suo matrimonio. Una scena che Cameron Monoghan interpreta in maniera eccezionale e siamo lì con lui a implorare Mickey di non andare fino in fondo. Perché il suo destino è Ian.

Quest’ultimo è distrutto – come tutti noi – quando le nozze vengono celebrate e decide di unirsi all’esercito. Non prima di essere passato dai Milkovich un’ultima volta. Mickey, che pensava che Ian scherzasse sull’arruolamento, ne comprende infine la serietà. Non lasciandosi mai andare emotivamente, non riesce a esprimere come vorrebbe la tristezza per quella decisione, pronunciando solo un “don’t” (ovvero, “non farlo”). È uno dei primi momenti in cui Mickey dimostra il suo amore per Ian e vederli in quel modo, distanti e feriti, è una fredda coltellata al cuore. E per il nostro debole cuore, purtroppo, non sarà la prima volta, anche se poi arriverà il lieto fine.

Pagine: 1 2 3 4