Vai al contenuto
Serie TV - Hall of Series » Shameless » 10 momenti di Shameless che ci hanno fatto piangere come fontane

10 momenti di Shameless che ci hanno fatto piangere come fontane

7) La malattia mentale di Ian e la rottura con Mickey (quarta/quinta stagione)

Shameless (640x359)
L’emozionante abbraccio tra Ian e Mickey

Alla fine della quarta stagione Ian inizia a mostrare i segni del bipolarismo, che esploderanno nella quinta in diversi episodi maniacali. Già di per sé è straziante vederlo lottare con la sua salute mentale, cercando di capire che cosa gli stia succedendo; così come i suoi fratelli che provano ad aiutarlo come possono.

Ancor più drammatico è come Mickey non voglia affidare Ian alle cure di un ospedale psichiatrico ma decida di farsi carico dell’amato, non capendo realmente la gravità della cosa. Pensa che basti il suo amore a guarirlo e non vuole in nessun modo separarsi da lui. Ma quando Ian, in preda a un episodio, scappa con il figlio di Mickey mentre la polizia l’insegue, comprende che ha sbagliato a sottovalutare la sua condizione. Capisce che, per quanto lui abbia bisogno di Ian, deve lasciarlo entrare nella clinica per il suo bene. Il commosso saluto dei due con quell’abbraccio straziante, Ian che cammina lentamente quando entra nel reparto e la sequenza che termina con il primo piano del suo volto, al ritmo di quella musica triste, ci ha spezzato il cuore in mille pezzi. E Mickey che chiede di entrare con Ian non fa altro che aumentare il dolore.

Ma le lacrime non tardano a tornare quando, alla fine della quinta stagione, Ian lascia Mickey. Crede che il suo bipolarismo sua troppo da gestire per lui. Il crepacuore sul volto di Noel Fisher è così reale che lo sentiamo sulla nostra pelle. E stiamo andando a piangere nell’angolino.

8) Il matrimonio dei Gallavich e la ricaduta di Lip (10×12)

Shameless (640x295)
Jeremy Allen White è nel cast di Shameless (in streaming su Netflix e Prime Video) come Lip

Stavolta piangiamo un po’ di gioia. Almeno in parte. Già, perché dopo quell’addio al confine messicano che sembrava deludere tutte le nostre aspettative di un lieto fine per i Gallavich (e che avviene nello stesso episodio della morte di Monica, giusto perché avevamo pianto poco), Ian e Mickey si sono ritrovati e alla fine si sono sposati. E in quel momento abbiamo versato pure le lacrime del battesimo, perché abbiamo investito così tanto in quei due che è come se si fossero sposati due membri della nostra famiglia.

Peccato che, mentre Ian e Mickey coronano il loro sogno d’amore, Lip non se la stia passando bene in Shameless.

Al matrimonio litiga duramente con Tami e quest’ultima minaccia di prendere Freddie, loro figlio, e dice a Lip che può fare loro visita quando vuole. Ma per lui rinunciare al suo bambino non è contemplato. Ci ha messo un po’ per togliersi di dosso la paura di non essere all’altezza, dato il pessimo modello paterno avuto. Tutti abbiamo negli occhi quel momento in cui Lip, schiacciato dalla pressione, scoppia a piangere dopo aver rischiato di far cadere Freddie, terrorizzato all’idea di fargli del male e di essere come Frank. Allora, durante le nozze, Lip implora Tami di poter vedere Freddie più spesso ed è disposto a trasferirsi con lei, lasciando i Gallagher. Però, pare all’inizio non servire. Ed è straziante vederlo bere, assistere a quella dolorosa ricaduta sapendo quanto si sia impegnato per superare il suo alcolismo. Per non diventare come Frank.

Pagine: 1 2 3 4