in

5 momenti di Scrubs che abbiamo visto e rivisto mille volte

amazon prime video, scrubs
amazon prime video, scrubs

Non importa quanto tempi passi, Scrubs rimarrà sempre una delle comedy più amate dagli spettatori. Lo show di Bill Lawrence ci ha tenuto compagnia per la bellezza di otto stagioni, ognuna delle quali è riuscita a farci ridere, emozionare e immedesimare nelle situazioni in cui i vari personaggi si sono trovati. Si potrebbe dire che la serie sia un contenitore delle più disparate emozioni e situazioni umane: una piccola guida alla sopravvivenza nella vita di tutti i giorni tra una fantasia e l’altra di J.D., un protagonista tanto stralunato quanto umano.

Nonostante siano passati 10 anni dalla sua fine, Scrubs è ancora oggi decisamente attuale, oltre che predisposta a continui rewatch. Effettivamente, la serie ci ha regalato alcune scene indimenticabili che hanno lasciato il segno per la loro comicità o profondità. Basti pensare al rant del Dr. Cox sulle cose di cui gli importa quanto l’ultima settimana insieme a J.D., le fantasie di quest’ultimo sulle note di Kung Fu Fighting e 99 Luftballons o alle uscite esilaranti dell’Inserviente. E che dire di Turk il Guerriero e la dipendenza da muffin di Kelso? O dell’addio di Carla a Laverne e il discorso del primario su quanto la vita faccia paura?

Sono veramente tanti i momenti di Scrubs che abbiamo visto e rivisto mille volte, ma oggi vi parleremo di questi 5 in particolare:

1) Il crollo psicologico del Dr. Cox + J.D. riesce a consolare il Dr. Cox

My Lunch ci ha regalato uno dei momenti più drammatici di tutta la serie. L’episodio vede il ritorno di Jill, una paziente logorroica e sola, che successivamente morirà al Sacro Cuore. La sua morte ha un forte impatto su J.D., che non può che sentirsi in colpa per non aver capito in tempo lo stato d’animo della donna. La sua morte però si trasforma in un’opportunità per salvare tre pazienti, tutti in attesa di nuovi organi. Ma non ci vorrà molto prima che la situazione precipiti: Jill è morta di rabbia e gli organi che sono stati donati sono dunque infetti. In una delle sequenze più belle e strazianti della serie, il Dr. Cox cerca in tutti i modi di salvare i suoi pazienti, ma senza successo.

Non è la prima volta che il burbero dottore deve affrontare la morte, ma questa volta è diverso: Perry sa che avrebbe potuto evitare quelle morti se solo non fosse stato ossessionato dal salvarli immediatamente. Ed è proprio questa consapevolezza che lo spezza definitivamente. In My Fallen Idol, il pubblico si trova di fronte a un Dr. Cox inedito: depresso, in preda all’alcol e all’autocommiserazione. Nessuno di noi era pronto a vedere il personaggio così vulnerabile, tanto meno J.D.. Ma nonostante gli iniziali dubbi e delusione, il protagonista capirà quanto quella fragilità sia in realtà la vera forza di Cox: un dottore che, nonostante i numerosi anni passati in ospedale, è ancora profondamente toccato dalla morte dei suoi pazienti.

Scritto da Ambra Verzucoli

Sono una ragazza dai mille amori e dai mille interessi, amante della bella musica e del buon cibo, del profumo dei libri e del rumore degli scatti fotografici. Sempre curiosa e in cerca di ispirazione, adoro viaggiare, perdermi nei boschi, incontrare nuove culture e capire chi è diverso da me. Appassionata da sempre di serie TV e cinema, non potrei mai fare a meno della mia dose giornaliera di personaggi eccentrici e universi strabilianti.

netflix

5 imprevedibili cancellazioni Netflix che ci hanno fatto arrabbiare nell’ultimo mese

lucifer

Lucifer è sopravvalutata?