in ,

#VenerdìVintage – Che fine hanno fatto gli attori di Lost?

Sono passati ormai 6 anni dall’ultima messa in onda di Lost, una delle serie televisive più amate di tutti i tempi. Sono passati, invece, quasi 12 anni dalla messa in onda del pilot.

Avete guardato il video che è stato creato per l’anniversario di Lost due anni fa? Vi siete sentiti, come me, vecchi?
Eccolo qui, giusto per rinfrescarvi la memoria:

Non possono essere già passati 12 anni, eppure…
Tante volte ho pensato di “voler tornare sull’isola”, ma non c’erano lì pronti ad attendermi il fumo nero, l’orso polare, Jack sdraiato accanto a Vincent. In qualche modo devo pur fare, devo risolvere, riempire il vuoto. Allora guardo tutte le stagioni di nuovo, di nuovo, di nuovo… Poi leggo libri a riguardo, ne parlo con i miei amici, guardo altre serie televisive simili. A quel punto penso di aver superato il trauma, di aver voltato pagina. Ma… ecco, arriva il giorno in cui mi ritrovo davanti agli occhi uno degli attori di Lost. Sono problemi! E allora scrivo questo articolo per capire insieme che fine hanno fatto gli attori di Lost, almeno una buona parte di loro.
Così a voi lascio la scelta: guarderete quel film/serie tv per vedere ancora all’opera quell’attore, oppure li eviterete abilmente per non sentire maggiormente la mancanza di Lost?

lost

#1 IAN SOMERHALDER – Boone Carlyle
Primo tra tutti, credo sia doveroso citare Ian Somerhalder, l’attore bello e tenebroso che ha dato il volto a Boone. La sua morte è indimenticabile, sua sorella ancor di più data la poca simpatia che sprigionava da tutti i pori. Occhi azzurri, sorriso ammaliante, l’attore è conosciuto adesso maggiormente per il ruolo di Damon Salvatore nella serie televisiva The vampire diaries. Il bel vampiro è diventato un’icona negli anni, tanto da oscurare qualsiasi altro ruolo ricoperto da Mr Somerhalder.

lost

lost

Written by Giuseppina Cataldo

Amo i viaggi (anche quelli mentali), i supereroi, i concerti, i colpi di scena, i tramonti, il mio letto, la pizza. Sono una Bridget Jones amante di apocalissi e fantascienza, per cui non ho paura di sognare in grande.
Sono ubriaca di mio, nonostante sia astemia.
Cambio look spesso, voglio captare ogni sfumatura prima di scegliere quella giusta.
In testa ho la mia isola di Lost personale.
Sono onnivora, nel senso più ampio del termine.
Odio l'ansia.

Le 10 morti per cui abbiamo goduto di più in Game of Thrones

Nina

#VenerdìVintage – Gli esordi assurdi di Nina Dobrev