in

Le 8 volte in cui Game of Thrones ha copiato dalla Storia

3) La lingua comune

game of thrones

George R. R. Martin deve essere un serio appassionato del mondo ellenistico. Oltre ad Alessandria e al Colosso di Rodi, infatti, anche il concetto di “lingua comune” è desunto dal mondo greco. In quasi tutto il continente di Westeros è la lingua “internazionale”, parlata tanto dal popolo quanto dai nobili. A essa si contrappone il Valyriano del continente orientale.

Nel mondo ellenistico, nato dall’unificazione di Alessandro Magno, un dialetto greco diventa lingua internazionale. È la cosiddetta koinè diàlektos (κοινὴ διάλεκτος), termine traducibile proprio come “lingua comune”. Volendo andare oltre in questo confronto, l’Alto Valyriano potrebbe facilmente corrispondere alla lingua epica, usata in ambiti ristretti d’élite e fortemente legata ai componimenti poetici più elevati. Un po’ come accadde per il latino in epoca medievale.

Scritto da Emanuele Di Eugenio

Esteta contemplativo (un modo elegante per dire nullafacente), vive immerso tra libri impolverati e consunti osservando il mondo da una finestra. Che sia quella dello schermo di una tv, di un pc o le pagine di un romanzo russo poco importa.

Netflix

Tutte le novità in arrivo su Netflix a ottobre!

maniac

Netflix lancia Maniapp, l’app delle ansie ispirata a Maniac