in ,

#VenerdìVintage – Come è nato Desperate Housewives

desperate housewives

Housewives, o meglio, casalinghe le nostre protagoniste lo sono fin dall’inizio della serie. Ma disperate lo diventano grazie a fatti e svolte improvvise nella storia. Vediamo oggi come queste Housewives sono nate!

Un giorno, mentre Marc Cherry è a casa con la madre e sta guardando una news al telegiornale, gli viene in mente l’idea per una serie tv!
E prima di questa serie, l’uomo era già famoso per aver prodotto e co-prodotto altre piccole serie, come The Golden Girls, The Crew e Some Of My Best Friends . Nessuna di queste è però durata più di un anno!
Cherry aveva infatti difficoltà a trovare network televisivi interessati alle sue serie, specialmente all’ultima pensata. Sia HBO che CBS, che FOX e persino NBC avevano detto di no, fu l’ABC a salvarlo.
I due nuovi assunti esecutori Braun e Lyne scelsero di fare quella serie nel 2003, e di metterla subito dopo O.C.
Subito dopo, la Disney licenziò i due per affidare loro un altra serie, Lost. Eh si, ma allora ditelo!


Ma prima di venire spostati, i due produttori avevano cambiato il nome della serie dato che ‘Wisteria Lane’ e ‘La vita segreta delle casalinghe’ non li convinceva. Era nata quindi Desperate Housewives, annunciata dalla ABC nell’ottobre 2003.
La serie venne ovviamente presentata come una soap opera prime time ai livelli di Melrose Place e Twin Peaks. E quindi, mentre Cherry continuava i lavori sullo show, Pratt, che gli venne affiancato, divenne produttore esecutivo per il pilot spostandosi poi a consulente per il resto della serie.

Nel frattempo, ansia dopo ansia, nel 2004 l’ABC annunciò che avrebbe trasmesso la serie di domenica, tra le 21 e le 22. Questa scelta ha decisamente aiutato le Housewives a farsi conoscere. Dopo qualche episodio, la ABC confermò entrambe le serie, quindi Desperate Housewives e Lost, per un’intera stagione, e dopo due settimane, la NBC chiamò per sapere da chi proveniva la Serie Tv delle nostre casalinghe preferite.
Quindi, ricapitolando, la serie è stata creata da Marc Cherry, poi si è aggiunto Austin Bagley e dal 2007 gli ABC studios. Dal 2004 al 2007, la serie è stata prodotta in associazione con la Touchstone Television, come molti di voi ricorderanno!

Di fatto, Cherry ebbe l’idea iniziale e per questo motivo divenne anche produttore esecutivo con Michael Edelstein e Tom Spezialy delle prime due stagioni. Sorsero poi vari problemi di livello burocratico, che videro lasciare a metà della seconda stagione Eldestein e alla fine di essa, lasciò anche Spezialy.
Per la stagione successiva, Cherry venne raggiunto dal pluripremiato Joe Keenan e dal produttore televisivo George Perkins, che era membro dello staff fino dall’inizio della serie. Ma come una brutta maledizione, anche Keenan lasciò lo show dopo una sola stagione, per proseguire altri progetti. A sostituirlo venne allora per la quarta stagione Bob Dally, che si era unito allo staff di scrittori nella terza stagione.
E oltre a Dally, si unirono a Cherry e Perkins anche Pardee e Murphy, che erano stati nelle retrovie della serie fin dal principio.
In conclusione, Shaw e Grossman sono stati i direttori più prolifici, che hanno diretto insieme più della metà degli episodi totali!

Le riprese della nota serie sulle Desperate Housewives sono avvenute su telecamere Panavision, ad eccezione dell’ultima stagione che è interamente in digitale. Sono state trasmesse in dimensioni standard e 16:9 alta definizione, finchè sempre per la stagione finale non è diventata 4:3.Come è nato Desperate Housewives 4La serie è stata girata sul set di Westeria Lane, ovvero agli Universal Studios di Hollywood, tra facciate e case reali.
Tra le altre produzioni qui riprese troviamo le note Gremlins, Psycho e Buffi l’ammazzavampiri. Questo set funzionò per la prima stagione, ma già dalla seconda le cose cambiarono. La chiesa venne rimossa per fare un parco e la casa di Edie, mentre i suoni venivano ripresi talvolta sul set, per avere rumori più naturali possibili.
Le riprese sono terminate nel 2012, il 26 aprile tra la disperazione degli attori e dei fan.

Come saprete poi, questa serie ha una sigla tutta particolare. Infatti, la musica d’apertura è stata composta appositamente per loro da Danny Elfman ed è stata pluripremiata varie volte. Tanto che alla fine delle riprese è stato creato un CD con le colonne sonore e le sigle di queste otto stagioni!

Infine, le nostre super casalinghe hanno davvero azzerato ogni possibile competizione per quanto riguarda premi e critiche varie.Come è nato Desperate Housewives 2Con le critiche, hanno sempre avuto punteggi superiori a 80 su 100 e 8 su 10, assicurandosi così un successo enorme!Mentre per i premi, sono state più e più volte premiate, tanto che nella vetrina delle soddisfazioni abbiamo 3 Golden Globe, 4 Satellite Awards e 7 Emmy Awards. Insomma, una vera e propria raccolta!Come è nato Desperate Housewives 3

Per concludere, molti sapranno dell’esistenza dei DVD cofanetti con le stagioni, acquistabili sia singoli che in pacchetti completi. Ma cari appassionati, dovete sapere che esiste anche un videogioco delle nostre Housewives preferite! Il videogioco racconta la storia di una nuova arrivata nel quartiere (il giocatore) che deve superare ostacoli per scoprire un segreto sulla propria vita! Il gioco è stato rilasciato anche per telefonini.

Dopo questa immersione nei feels spero sia tornata anche a voi la voglia di una bella martona delle nostre casalinghe. Okay, sono comunque otto stagioni, 180 episodi. Ma che altro avete da fare, d’estate?

 

Written by Paola Angoli

Ah, già! Mi devo anche presentare!
Sono Paola, ho 19 anni. Appassionata di serie tv da far paura, principalmente amo i drammi, le storie d'amore, i polizieschi, le cose sdolcinate... quindi Grey's Anatomy, Chicago pd, Pretty Little Liars, Young&Hungry. Ma amo anche il fantasy puro, quindi Got, The vampire diaries, Arrow, The flash e supergirl (poco poco Dc, eh).
Amo il cinema (ehm #TeamIronMan) e frequento la statale di Milano.
Spero possiate trovare gli articoli fatti da me interessanti o divertenti, se poi sono entrambe è anche meglio! Detto questo, buonsalve.

mangiare

#VenerdìVintage – 10 cose che (forse) non sapete su Una mamma per amica

#VenerdìVintage – Che fine hanno fatto gli attori di Bayside School?