in

#VenerdìVintage – Che fine hanno fatto gli attori di Xena?

xena

Vi racconto una storia: al tempo degli dei dell’Olimpo, dei signori della guerra e dei re che spadroneggiavano su una terra in tumulto, il genere umano invocava il soccorso di un eroe per riconquistare la libertà. Finalmente arrivò Xena, invincibile principessa guerriera forgiata dal fuoco di mille battaglie.

Vi suona famigliare, vero? Inconfondibile. La sigla di Xena è stata per i noi del passato un po’ come il campanello del dottor Pavlov: se già non c’eravamo, ci fiondavamo per forza davanti alla TV.

Alla faccia di chi sostiene che le donne siano il sesso debole. Se non volete perdere la testa, tacete in merito di fronte a Xena.
Dal lontano 1995 al 2001, per 6 stagioni, la nostra principessa guerriera preferita ci ha portato con sé e la sua fidata compagna Olimpia in battaglie, scontri con dei e creature, sfidando e vincendo la morte.

La serie Xena nasce come spin-off di Hercules, in cui la protagonista era apparsa nei panni di avversaria del semidio. Ha prontamente surclassato la fama della serie madre, appassionando grandi e piccini di tutto il mondo.
E diciamolo, dopo 15 anni dalla sua fine iniziamo a sentirne la mancanza.
Infatti la NBC custodirebbe gelosamente un’idea in stadio embrionale per un reboot, che però non assicurerebbe la presenza di Lucy Lawless (Xena), che ha addirittura tacciato i rumor, e Renée O’Connor (Olimpia). Nonostante la smentita, sembra che davvero qualcosa bolla in pentola – e per ora è in ogni caso solo un’idea.

Per addolcire la pillola, ricordiamo che Lucy Lawless ci ha graziati di un bellissimo selfie con l’ex compagna di avventure che ci riporta con la mente dritti dritti agli anni novanta.

xena


Oltretutto, il fandom di Xena, sin dagli inizi, ha largamente contribuito ad arricchire il mondo delle fan fiction omosessuali. L’annoso dibattito sulla natura del rapporto tra Xena e Olimpia fa discutere oggi come 20 anni fa, deliberatamente favorito dall’ambiguità creata dagli autori della serie.

Non siete un po’ curiosi da sapere che fine hanno fatto, dopo tutto questo tempo, gli attori che vestivano i panni più o meno eroici in questa serie?
Xena si è imbattuta in numerosissimi personaggi, ma alcuni hanno avuto ruoli fondamentali e li ricordiamo tuttora.
Purtroppo non troverete Kevin Smith, che interpretava Marte, l’ambiguo dio della guerra innamorato di Xena, poiché fatalmente scomparso nel 2002 a seguito di un incidente su un set a Pechino.

Renée O’Connor (Olimpia)

XenaIn originale, Gabrielle. È forse uno dei pochi casi in cui l’adattamento italiano si addice di più.

Olimpia è una poetessa, poi principessa delle Amazzoni, che segue con amore e fedeltà Xena nelle loro peripezie.
Renée nella serie stessa interpreta anche il ruolo di Speranza, la figlia di Olimpia concepita con il malefico dio Dahak.

Dopo Xena ha recitato in teatro in una produzione di Macbeth nel ruolo di Lady Macbeth.
Ha da allora preso parte a produzioni minori e cortometraggi.
Come la collega Lucy Lawless, partecipa in Boogeyman, ma nel secondo capitolo della saga, nei panni della Dottoressa Jessica Ryan.
Appare accanto a Lucy come suora Batril in Bitch Slap, un film d’azione con protagoniste tre ragazze. In questo film compaiono anche Kevin Sorbo e Michael Hurst, rispettivamente Hercules e Iolao.

Nel 2005 è protagonista del film Alien Apocalypse, in cui interpreta un’astronauta che tornata da una missione spaziale di 40 anni trova la Terra invasa dagli alieni.
Nella commedia Diamonds & Guns del 2008 interpreta Ashley, che con la sua migliore amica va a tentare la fortuna a Las Vegas.
Partecipa poi nel 2010 a Moby Dick, creato dalla casa produttrice di film di serie B The Asylum.
Nel 2013 è inoltre protagonista di un film prodotto grazie al crowdfunding, Beyond the farthest star, che ha avuto una diffusione molto modesta.

È comparsa in un episodio di Criminal Minds nel 2008 e nel 2010 ha recitato nella web-series fantascientifica Ark.

Come abbiamo visto, Renée O’Connor non ha proseguito la sua carriera con ruoli particolarmente di rilievo, ma non è nemmeno sparita dallo schermo. È anche una grande sportiva, e ha lavorato spesso come stuntman.

Written by Veronica De Simone

Studentessa universitaria in perenne attesa di una nuova stagione di Sherlock e con una sindrome da stress post-Breaking Bad.
La mia aspirazione per il futuro è lavorare nella pubblicità (con una sigaretta ed un bicchiere di Whisky à la Don Draper). Per gli amici sono quella che ama i Pink Floyd e la pizza.

buffy

#VenerdìVintage – Buffy l’ammazzavampiri: quando il potere è donna

intervallo

#VenerdìVintage – Che fine hanno fatto gli attori di Quelli dell’Intervallo?