in

La giornata tipo di un fan di This Is Us prima della puntata

this is us

This Is Us è ormai entrata nel cuore di un’ampissima fetta di pubblico (come testimonia l’intenzione di farne un remake italiano). Ci siamo appassionati alle vicende della famiglia Pearson e alla fine di ogni episodio, stremati dalle montagne russe di emozioni che ci ha fatto provare, ci ritroviamo a non vedere l’ora che esca il successivo, per sapere cosa ne sarà delle vite dei personaggi.

La serie della NBC è nota per essere particolarmente strappalacrime e il suo marchio di fabbrica è un continuo susseguirsi di eventi drammatici, pronti a distruggere il delicato equilibrio dei fratelli Pearson e delle loro famiglie. Dalla morte del padre alla malattia della madre, la vita dei protagonisti di This Is Us sembra fare fatica a imboccare la strada giusta, gettando noi fan nello sconforto.

L’alto tasso di emotività che caratterizza la serie, però, richiede un’adeguata preparazione.

This Is Us

Anche se sappiamo che probabilmente ne usciremo emotivamente provati, ogni episodio aggiunge un tassello al puzzle della storia dei protagonisti e ci fa morire dalla voglia di vedere l’immagine completa. Per questo, generalmente, partiamo già col piede giusto pensando che non riusciremo mai ad aspettare un’intera settimana.

Alla fine, però, ce la facciamo – non sappiamo neanche noi come – e ci ritroviamo ad aprire gli occhi la mattina del giorno fatidico. Passato lo stordimento iniziale, ci rendiamo conto che la sera ci ritroveremo con lo stomaco in subbuglio per colpa degli autori di This Is Us e quindi la prima cosa che facciamo, dopo una buona colazione, è controllare di avere una scorta di gelato e fazzoletti.

Se siamo dei veri fan della serie, probabilmente avremo finito entrambi durante la visione della puntata precedente, perciò ci dirigiamo al supermercato più vicino. Nel tragitto ascoltiamo un CD di Joni Micthell, ricordando con un sorriso quando Jack e Rebecca si misero a cercare la sua vecchia casa durante il loro primo viaggio a Los Angeles.

Recuperati i beni di prima necessità, torniamo a casa per preparaci un pranzetto veloce: dei fumanti Thanksgiving cheese dogs (würstel farciti con sottiletta e cracker sbriciolati). Cuciniamo allegramente come Randall il giorno del Ringraziamento e passiamo parte del pomeriggio a leggere un buon libro, solitamente uno dei suoi preferiti.

Nel tardo pomeriggio, l’ansia per ciò che accadrà nell’episodio inizia a salire.

Controlliamo se è uscito in anticipo, pur sapendo perfettamente che non sarà così, e poi, con un po’ di buona musica come sottofondo, ripercorriamo quanto successo negli episodi precedenti. Pensiamo a quanto Randall, Kate e Kevin siano cambiati e a quanto questa serie ci abbia insegnato, andando a toccare temi delicati e importantissimi come quello della salute mentale o dei disturbi alimentari.

Più l’ora della visione della puntata di avvicina, più l’ansia di cosa accadrà aumenta: le sfortunate vicende dei Pearson ormai sono talmente parte della nostra vita da farci temere che la sfortuna investirà pure noi da un momento all’altro. Anche se, lo sappiamo bene, This Is Us non è solo un susseguirsi di eventi che hanno un impatto negativo sui protagonisti, ma è anche un luogo di crescita e affetto.

Quando arriva l’ora X tiriamo fuori l’artiglieria pesante: fazzoletti e gelato, e ci prepariamo un cantuccio comodo in cui piangere tutte le nostre lacrime. Non abbiamo guardato il trailer, perché siamo già agitati abbastanza anche così, ma sappiamo comunque che la serie drammatica per eccellenza non ci farà mai rimanere indifferenti. Quindi ci accomodiamo, scriviamo ai nostri amici che la guardano per commentare e piangere insieme e premiamo play.

This Is Us

Ovviamente alla fine abbiamo pianto, ma nonostante This Is Us a volte ci faccia stupire di quante lacrime è in grado di piangere una persona, ormai non possiamo più farne a meno. Non possiamo perché la storia della famiglia Pearson è diventata quella di una famiglia di amici ed è una storia che non solo ci fa commuovere, ma che ci insegna anche tanto sulla vita. È difficile non immedesimarsi in nessuna delle problematiche che i vari personaggi si trovano ad affrontare e, allo stesso tempo, è impossibile non empatizzare anche con quelle di cui non abbiamo avuto esperienza.

This Is Us è una serie per cuori forti e per chi non ha paura di piangere, perché potete scordarvi di vederne anche solo un episodio senza rimanere profondamente scossi. Forse siamo un po’ masochisti, ma siamo felici che questo viaggio che ci fa torcere lo stomaco continuerà ancora per altre due stagioni, perché nonostante gli occhi gonfi è un’avventura che non possiamo che consigliarvi di vivere.

LEGGI ANCHE – This Is Us: la classifica dei 5 episodi più tristi

Written by Elisa Frassinelli

Vivo in bilico tra libri, università e serie tv. Nel tempo libero cerco di avere una vita sociale e non diventare schiava del mio gatto (fallendo, ovviamente). Un altro dei miei passatempi preferiti è cercare di non implodere quando ho appena finito una stagione ma ho solo me stessa con cui parlarne.

better call saul

Better Call Saul, l’autore Peter Gould: «Non siamo obbligati a far tornare Walter e Jesse»

La Casa de Papel - Berlino e Palermo

La Casa de Papel: tutte le storie dietro le vere identità della banda