in

La classifica delle 5 Serie Tv italiane più apprezzate all’estero

Serie Tv italiane

Le migliori serie tv italiane non hanno nulla da invidiare al panorama internazionale. Pensiamo a un capolavoro come Boris, una delle top comedy presenti su Netflix. Ma non sempre la qualità è sinonimo di successo all’estero: lo dimostra il primo posto, inaspettato, di questa classifica. Appena fuori dalla top 5 troviamo, invece, Suburra, una delle serie recenti più seguite oltre i confini nazionali, e Roma, produzione internazionale apprezzatissima dalla critica.

Una menzione speciale anche a Skam Italia, molto amata nel mondo, all’immortale Commissario Montalbano e a Baby, quest’ultima favorita anche dall’ampia distribuzione garantita da Netflix. Ma quali sono le cinque migliori serie tv italiane per seguito all’estero? Non mancheranno sorprese e assenze eccellenti.

5) Romanzo Criminale

Romanzo Criminale
Romanzo Criminale

Il successo di Romanzo Criminale è stato tale da vincere perfino l’ancestrale rivalità tra Italia e Francia. Nel nostro paese gli ascolti eccellenti si sono affiancati a una vera e propria ossessione per i personaggi della serie, tanto da portare alla diffusione, tra le giovani generazioni, di soprannomi modulati su quelli dei criminali della banda (e a qualche ingiusta lamentela per l’esaltazione di figure di fuorilegge rappresentati in termini epici). Ma è proprio in Francia che si sono registrati i riscontri più inaspettati di critica.

Per Le Monde si tratta di una delle pochissime “Serie televisive europee di qualità e degne di essere segnalate“. Per Le Figaro Romanzo Criminale riesce ad avere una maturità espressiva e un’originalità che la distanzia da qualunque altra serie americana, francese e inglese. Distribuita in quaranta paesi la serie non ha lasciato indifferente neanche Londra.

Il prestigioso The Guardian ha parlato di “Cast eccezionale” e di un “Racconto piacevolmente realistico” esaltato dalle scenografiche meraviglie architettoniche di Roma e dal filtro sgranato e saturo che rievoca con gusto vintage il grande cinema italiano degli anni Sessanta.

Le vicende sono quelle, fortemente romanzate, della Banda della Magliana, organizzazione criminale degli ambienti romani degli anni ’70 capace di imporsi sulle altre “batterie”, gruppi microcriminali in controllo di singoli quartieri della città. Un racconto di grande presa, con le maestose prove attoriali di Vinicio Marchioni, Alessandro Roja e Francesco Montanari tra gli altri. Un racconto capace di coinvolgere come pochi grazie anche ai tanti momenti epici e al fantastico sfondo musicale che li accompagna. A mani basse tra le migliori serie tv italiane di sempre.

Written by Emanuele Di Eugenio

Esteta contemplativo (un modo elegante per dire nullafacente), vive immerso tra libri impolverati e consunti osservando il mondo da una finestra. Che sia quella dello schermo di una tv, di un pc o le pagine di un romanzo russo poco importa.

New Girl

Che tipo di persona è Jessica Day?

George R.R. Martin è disposto a tutto pur di completare The Winds of Winter