in

Doraemon: in arrivo la nuova collezione firmata Gucci

Doraemon

Credo che tutti, almeno una volta nella vita, abbiano visto una puntata di Doraemon! Se poi avete seguito l’intera serie, ancora meglio. Uno dei gatti più famosi dei cartoni animati sta infatti per diventare una vera icona glamour, in tutti i sensi.

Nel bene e nel male la storia del manga giapponese ideato dal duo creativo Fujiko F. Fujio (ovvero Hiroshi Fujimoto e Motoo Abiko), che ha poi avuto una trasposizione nell’omonimo anime, la conosciamo tutti. Le vicende ruotano attorno al piccolo Nobita Nobi e al suo gatto robot Doraemon. Il ragazzino, piuttosto sfortunato, con l’aiuto del suo fedele amico cerca di cambiare il suo futuro nel tentativo di diventare una persona migliore. Immancabili poi sono anche i chiusky, gadget futuristici dello stesso Doraemon. Sono considerati in realtà come il vero fulcro dell’opera, e sono utilizzati dal gatto per aiutare gli altri personaggi a raggiungere i loro obiettivi.

Negli anni il fandom di Doraemon si è allargato moltissimo, tra nuovi lettori e spettatori appassionati. Ora però potrà essere apprezzato anche nel mondo della moda, entrando a far parte di una collezione di prestigio.

È infatti nata la collezione “Doraemon x Gucci”, nata da un’idea del direttore creativo della famosissima maison italiana, Alessandro Michele. L’obiettivo di questa nuova collezione sembra essere significativo su più livelli. Prima di tutto va considerato che Doraemon è un personaggio che ha fatto epoca nel mondo degli anime, e che continua a essere uno dei protagonisti dei manga più seguiti anche dai bambini e dai ragazzi di oggi.

Il marchio italiano ha quindi voluto celebrare il personaggio di Doraemon, facendo in modo di avvicinare a sé ben più di una generazione e ben più fasce di pubblico, dai più grandi ai più piccini. La celebrazione voluta da Gucci, poi, non si ferma solo a questo dettaglio. La collaborazione per la creazione della linea coincide con il cinquantesimo anniversario dell’uscita del manga.

A questo si aggiunge, in ultimo, la coincidenza con il Capodanno Cinese che cade il 12 febbraio e darà inizio all’Anno del Bue. Alessandro Michele si è riproposto di festeggiare anche questa occasione.

A voler ben vedere, Gucci in realtà è spesso molto attenta in tema culturale, specie riguardo cinema e mondo seriale. Prima della nuova collezione “Doraemon x Gucci“, infatti, aveva già sviluppato il cosiddetto Gucci Fest, un festival digitale che andava a unire moda e cinema, creando un connubio interessantissimo. I partecipanti all’evento nel tempo hanno potuto assistere a una serie tv ideata da Gus Van Sant appositamente per il noto marchio di moda. I sette episodi sono stati trasmessi giornalmente nel corso del festival, rivelando così pian piano anche la nuova collezione. In ultimo, sempre all’interno della stesso evento, è stato lanciato un nuovo videogioco creato e portato all’interno della Gucci App: Gucci Arcade.

In cosa consiste però, nello specifico, questa collezione “Doraemon x Gucci”? In primis il gatto robot viene utilizzato in capi d’abbigliamento per uomo e donna, per non parlare poi degli accessori. Dagli zainetti alle piccole borsette utilizzabili anche in vita. Una delle caratteristiche principali della collezione è la perfetta alternanza tra l’immagine del gatto Doraemon e il celebre monogramma di Gucci.

Anche la campagna fotografica ha suscitato molto interesse. Realizzata da Angelo Pennetta, vede il piccolo Doraemon irrompere nella vita di modelli e modelle che indossano i capi della collezione. Insomma, un vero e proprio compagno di avventure che ora è pronto per diventare anche un’icona glamour con tantissimo stile.

Già vedendo le foto si può rimanere affascinati da questa idea. Non so voi, ma da fan di serie tv, anime e avendo seguito Doraemon fin da bambina vorrei davvero avere per me l’intera collezione Gucci. Tenere una di quelle borsette in vita e utilizzarla come se fosse una tasca quadridimensionale sarebbe davvero un sogno!

Written by Elena Di Stasio

Ho studiato presso la Constance Billard School for Girls, e sono stata proprio io a scegliere Blair Waldorf come mia erede in quella scuola. In effetti, era la migliore delle mie tirapiedi.
All'università ho scelto di studiare per un periodo alla NYADA, ed ero l'allieva preferita di Cassandra July! Ma ho scoperto che scrivere e recensire sono le mie vere passioni. Ultimamente ho viaggiato fino a Westeros, e da poco mi sono appassionata ai viaggi nel tempo e nello spazio. Non so dove mi porterà il futuro, ma sarò lieta di tenervi aggiornati, dovunque andrò!

chilling adventures of sabrina 3x04

30 disagi che solo un vero fan di Chilling Adventures of Sabrina può capire

How to Get Away with Murder

5 monologhi di Annalise Keating che rimarranno nella storia della televisione