Home » Instant Star » #VenerdìVintage – 20 canzoni di Instant Star che ricorderemo per sempre

#VenerdìVintage – 20 canzoni di Instant Star che ricorderemo per sempre

Non sarà stato un capolavoro assoluto, ma Instant Star è entrato nei nostri cuori. Serie televisiva canadese, si è fatta conoscere nel primo pomeriggio su Italia Uno. Prima di iniziare a studiare, dopo il pranzo abbondante, eravamo pronti lì a seguire le vicende della ragazza vincitrice del talent show Instant Star. Jude Harrison, quindicenne alternativa, amava la musica e non sapeva immaginare il suo futuro in altre vesti. I suoi problemi di cuore, i suoi amori adolescenziali e le sue cotte per ex cantanti di boyband hanno fatto sì che ci affezionassimo ancora di più. Non so voi, ma io mi sono perfino cimentata nello scrivere canzoni, mentre seguivo appassionatamente le sue situazioni intrigate. Tentavo di imitarla con la chitarra che avevo in camera, imparavo l’inglese grazie alle parole delle canzoni e sognavo un Tommy Quincy da sposare nel futuro. Non sarà tra le serie televisive più ricordate o più seguite, ma chi ha avuto modo di guardarla sa bene di cosa sto parlando. E poi tutte le sue canzoni, a distanza di otto anni dalla fine, ancora le ricordo.

Le ascoltavo e riascoltavo, quindi che io ne ricordassi almeno queste venti è più che inevitabile.

Dopo aver stilato questo elenco, sono andata su youtube a riascoltarmele tutte. Magari ora, invece, cerco lo streaming per riguardare tutte le puntate.

 

#1 24 Hours
Contro ogni sua aspettativa, Jude Harrison, protagonista indiscussa della serie televisiva canadese, vince Instant star, il talent show da cui prende il nome il telefilm. La canzone con cui trionfa non l’ascoltiamo fin da subito. L’inizio della prima puntata ci mostra una ragazza rossa con giganti occhi blu in preda al panico, dietro le quinte. Sale sul palco, suona il primo accordo, apre gli occhi e, in un battito di ciglia, vince il talent. Le note e le parole, e quindi il titolo, li conosceremo durante tutta la puntata. Avviene il primo, imbarazzante, incontro tra la ragazzo e il suo produttore musicale, un tale Tommy Q, famoso membro di un’ex boyband. Abituata a venerare gruppi come i Green Day, Jude è scettica, ma decide di affidarsi alle conoscenze del ragazzo. Sa come modificare la sua 24 Hours per darle la giusta gloria e il giusto ritmo. Dopo un bacio fugace tra i due, voluto soprattutto dalla 15enne Jude, finalmente la vediamo suonare per la prima volta su un palco il suo primissimo singolo. E adesso riguardiamo e riascoltiamo l’esibizione.

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9