Vai al contenuto
Serie TV - Hall of Series » Game Of Thrones » Qui ci ergiamo

Qui ci ergiamo

Il seguente articolo contiene SPOILER su Game of Thrones.

La trama di Game of Thrones è una delle più intricate e complesse in assoluto, e ciò che i fan della serie hanno visto è soltanto la canonica punta dell’iceberg del lavoro svolto da R.R. Martin nella stesura della celebre saga Cronache del ghiaccio e del fuoco, in cui lo scrittore ha elaborato un intero mondo dando vita e anima a tante casate diverse, ognuna con le proprie tradizioni e interi alberi genealogici ricostruiti nel dettaglio. In questo viaggio a ritroso alla scoperta delle antiche casate dei Sette Regni, oggi vogliamo concentrarci su una delle più sottovalutate in assoluto, ossia casa Mormont, estintasi proprio durante le vicende di Game of Thrones: i Mormont sono stati un popolo del nord, uno dei più vicini e fedeli a Casa Stark, nonché stirpe di leali e valorosi guerrieri, oltre che una delle pochissime a poter vantare una rarissima arma in acciaio di Valyria, una spada a due mani che prende il nome di Lungo Artiglio e che venne affidata proprio a Jon Snow in segno di rispetto nei suoi confronti. 

Il motto di Casa Mormont è “Qui ci ergiamo”, primo evidente segno dell’indiscutibile fierezza che contraddistingue i figli di questo nome.

mormont
Jeor Mormont (640×360)

Casa Mormont è una delle più antiche dei Sette Regni, vanta secoli e secoli di storia al fianco degli Stark, nel profondo nord, più precisamente a nord-ovest di Grande Inverno, sull’Isola dell’Orso da cui viene ripreso lo stemma sul quale è presente un orso nero. Una delle caratteristiche principali di Casa Mormont, nonché una delle motivazioni di fondo che hanno portato tale stirpe a restare principalmente nelle retrovie rispetto alle dinamiche politiche, è un’origine piuttosto umile: la fortezza dei Mormont è stata costruita con enormi tronchi ed è circondata da una palizzata di terra; ma è proprio su tale dettaglio che i figli di questa stirpe hanno costruito il proprio buon nome: davanti alla fortezza giganteggia infatti una statua molto indicativa che rappresenta una donna avvolta in una pelle d’orso, intenta ad allattare un bambino mentre impugna un’ascia nell’altra mano, questo perché, viste le numerose ostilità di quella zona, anche le donne hanno sempre dovuto difendersi dai pericoli incombenti, rappresentati dalla vicinanza degli Uomini di Ferro e, soprattutto, dei Bruti. Dunque, sia le donne che gli uomini di questa casata sono sempre stati abituati a combattere e a difendere il proprio nome, portando avanti nei secoli una fiera tradizione di combattenti e guerrieri di alto rango, nonostante le riserve economiche non siano mai state in loro favore.

mormont
Lyanna Mormont (640×360)

La leggenda narra che l’Isola dell’Orso sia stata donata ai padri fondatori di questa casata da re Rodrik Stark in persona, che a sua volta la vinse in un duello con il Re di Ferro che la possedeva in quel tempo. E’ da qui che, si dice, nacque quello che poi sarebbe diventato un rapporto di fedeltà e unione d’intenti centenario, tra la umile Casa Mormont e la più nota e importante casata degli Stark di Grande Inverno. Per quanto riguarda gli avvenimenti immediatamente precedenti alla trama di Game of Thrones, i Mormont entrarono in gioco proprio a difesa degli Stark, guidati da Lord Jeor, che condusse i suoi uomini in guerra per aiutare Eddard Stark nella Ribellione di Re Robert, che portò alla conquista del Trono di Spade da parte di quest’ultimo, ponendo fine alla tirannia del Re Folle di casa Tragaryen. Alcuni anni dopo, Lord Jeor, che in Game of Thrones conosciamo proprio in questo ruolo, abdicò in favore di suo figlio Jorah col fine di unirsi ai Guardiani della Notte: questa scelta di vita da parte del più importante dei Mormont denota ulteriormente l’incorruttibile spirito combattente dei membri di questa casata, che anche nel momento di più alto splendore, dopo aver partecipato attivamente alla conquista del trono, decidono di dedicarsi alla supervisione del regno, restando nell’ombra, rinunciando a qualunque merito o eventuale premio, preferendo invece restare nelle proprie terre e continuare a fare ciò che gli è sempre riuscito bene, ossia combattere.

In Game of Thrones il pubblico apprende delle valorose gesta di Lord Jeor e di suo figlio, Jorah, uno dei personaggi più amati di tutta la serie.

Jorah Mormont (640×360)

Jorah Mormont ereditò il ruolo di Lord da suo padre, ma ben presto tradì il buon nome della sua stirpe quando fu cacciato da Grande Inverno da Lord Stark in persona, accusato di aver venduto dei cacciatori come schiavi: Jorah fu dunque costretto ad allontanarsi da Grande Inverno e, soprattutto, dal Nord, il luogo che per centinaia di anni era stato la casa della sua famiglia. Le conseguenze delle sue gesta portano Jorah nelle Città Libere, dove questi fa la conoscenza di Daenerys Targaryen, divenendo ben presto uno dei suoi punti di riferimento principali, a dimostrazione della comunque grande affidabilità dei membri della casata. Nella prima stagione di Game of Thrones, infatti, a guidare i Mormont verso sud contro i Lannister fu Lady Maege, che rispose prontamente alla chiamata di Eddard, mantenendo fede anche a suo figlio Robb, quando questi venne nominato Re del Nord. Le tragiche Nozze Rosse vedono la morte, tra i tanti altri presenti, di Lady Maege: la casata passa dunque nelle mani della giovanissima Lyanna (Bella Ramsey), che anni dopo avrà modo di partecipare alla vendetta rinnovando la propria fedeltà agli Stark per affrontare una delle battaglie più epiche di tutta la serie, ossia la Battaglia dei Bastardi contro casa Bolton. La giovane Lyanna non prese parte alla battaglia proprio per via dell’età, ma successivamente dimostrò grande serietà e decisione, convincendo tutti i Lord del Nord a giurare fedeltà a Jon Snow, vincitore della battaglia e eletto, appunto, nuovo Re del Nord.

Game of Thrones (640×360)

Da una parte Lyanna, dall’altra Jorah: due valorosi e onorati guerrieri e consiglieri di due dei più grandi protagonisti di Game of Thrones, ossia Jon Snow e Daenerys Targaryen. Ricostruendo la storia dei Mormont e concentrandoci sulle figure degli ultimi membri di spicco di questa casata, abbiamo potuto constatare l’importanza che la stirpe dell’Orso ha avuto lungo la trama della serie: sia Lyanna che Jorah hanno fatto delle scelte forti e importanti, prendendo le difese di coloro che avevano individuato come possibili protettori del Regno, e ciò che ha sempre contraddistinto questi personaggi, morti in battaglia proprio per difendere la propria gente, è stata l‘intaccabile fedeltà che nei secoli è sempre stata la prima arma a disposizione dei Mormont, una delle case più antiche e misteriose, ma anche una delle più umili e importanti di tutti i Sette Regni.