in

Il simbolismo di Breaking Bad

Decisamente pochi sono i dubbi sul fatto che Breaking Bad sia un capolavoro. La trama, gli attori, le musiche e la formidabile genialità del regista Vince Gilligan hanno creato qualcosa di unico (o quasi) nel mondo delle serie Tv che riesce ad emozionarci e a farci interrogare anche a distanza da due anni e mezzo dalla sua conclusione. Tuttavia, l’argomento trattato in questo articolo riguarda i “particolari” che Breaking Bad (e Vince Gilligan) ci ha regalato: è ovvio che non è facile individuarli tutti (la maggior parte di essi sono volutamente nascosti), ma quelli seguenti sono sufficienti per cogliere un’ulteriore sfumatura: il simbolismo di questa incredibile serie.

Vestiti. Il guardaroba in Breaking Bad (in particolare quello di Walter White) non è superfluo, anzi: esso indica nei personaggi più di quanto si possa credere. Parlando del protagonista si può notare come i colori che indossa prima di intraprendere la carriera da criminale siano scialbi, neutri, timidi (il colore cachi è il più usato nella prima puntata). Più cresce l’ego di Heisenberg, più egli utilizzerà camice con colori decisi (blu prevalentemente), corredati sempre dal colore nero: forse un segno della degenerazione della sua personalità. Un caso particolare è però il verde: egli lo indossa nella prima puntata (quando prova a suicidarsi nel deserto convinto dell’imminente arrivo della polizia) e anche nel giorno in cui uccide Gustavo Fring: rappresenta la costante nella sua escalation di criminalità? Oppure è simbolo di come il male fosse presente in lui fin dall’inizio?

bad

Quadro. Gli osservatori più attenti avranno notato almeno in due occasioni (ma non sono le uniche) la presenza di un dipinto molto interessante, che rappresenta una spiaggia con una donna, un ragazzo, una bambina e un cane sulla terraferma intenti a salutare un uomo che si allontana in mare su una piccola barca. Le apparizioni che prendiamo in considerazione sono nella seconda stagione, quando Walt si trova in ospedale a causa della sua finta crisi che lo ha portato a farsi trovare nudo in un supermercato, e nella quinta stagione, quando Walt è a casa di Jack (lo zio di Todd), intento a chiedere alla sua banda di uccidere i 10 testimoni presenti in carcere. In entrambi i casi, Walt osserva attentamente il dipinto: ne è passata di acqua sotto i ponti fra i due momenti considerati, ma un’interpretazione potrebbe essere che quell’uomo sulla barca è lui, intento a lasciare tutto il resto, verso una solitudine preannunciata nella seconda stagione e confermata proprio nella quinta. Un uomo solo con le sue bugie nella seconda stagione, solo con il suo impero nella quinta.

bad

Written by Alessandro Fazio

"Una vita basta a malapena per diventare bravo in una cosa, quindi devi stare bene attento a quello in cui vuoi diventare bravo" (True Detective). Seguire le passioni è la linfa vitale della mia esistenza.

non uccidere Miriam-Leone nuova serie

“Non uccidere” puntata extra: Valeria Ferro e l’assassino “seriale”

wolf

I grandi ritorni nel season finale di Teen Wolf