Vai al contenuto
Home » SERIE TV » 7 attori delle Serie Tv che hanno dovuto rinunciare a un grande ruolo per via di un altro ingaggio

7 attori delle Serie Tv che hanno dovuto rinunciare a un grande ruolo per via di un altro ingaggio

Con il recente annuncio da parte di Paramount della data di uscita della quinta stagione di Yellowstone, Kevin Costner è pronto a fare il proprio ritorno nel piccolo schermo nei panni di John Dutton. Per il sessantasettenne si tratta di un altro dei tantissimi ruoli che ha interpretato nel corso di una longeva e incredibile carriera, sia da attore che da produttore.
È successo però anche a lui di dover fare delle scelte difficili nel corso degli anni, rinunciando a ruoli talvolta molto importanti.

State tranquilli, il bellissimo Kevin Costner non è un caso isolato e, rispetto al suo enorme successo, molti altri hanno probabilmente rinunciato al ruolo della loro vita e virato verso altri progetti di gran lunga inferiori in termini di riscontro con il pubblico e riconoscimento personale.
Negli anni abbiamo sentito ogni tipo di giustificazione: tra chi semplicemente non credeva nel potenziale dietro l’offerta a chi, come Will Smith, ha deciso di recitare in Wild Wild West e non in Matrix, chiamandolo recentemente come “l’errore più grande della sua carriera”. Pochi però hanno avuto l’imbarazzo della scelta e rispettare i doveri legali firmati in precedenza.

Ecco a voi 7 attori delle Serie Tv che hanno dovuto rinunciare a un grande ruolo per via di un altro ingaggio!

1) Ben Barnes

jon snow

Parlando di sex symbol come Kevin Costner, Ben Barnes è un altro che ha rinunciato a ruoli importanti. Per il villain delle prime stagioni della serie Marvel The Punisher si è trattato di un rifiuto piuttosto importante: quello del protagonista Edward Cullen nella saga Twilight. Le motivazioni principali che hanno condotto al suo no sono state due: una era l’età abbastanza avanzata per interpretare un giovane vampiro in una possibile serie di film e la seconda, la più importante, la contemporaneità con le riprese di Le Cronache di Narnia – Il Principe Caspian. Film in cui interpretò la parte del Principe Caspian.

Guardando al presente è ovvio come le cose siano andate per il meglio: Robert Pattinson esplose nel mondo di Hollywood e con il personaggio di Edward iniziò il suo percorso che lo portò ad essere al giorno d’oggi uno stupendo Bruce Wayne, mentre per Benjamin Barnes si è presentata davanti a lui una carriera nella quale ha avuto l’occasione di rappresentare a schermo diversi personaggi, ognuno diverso dall’altro e di avere più di un discreto successo con essi.

2) Charlie Hunnan

Sons of Anarchy Charlie Hunnam 640x360

Per il caro e vecchio Jax di Sons of Anarchy, il fattore chiave nella sua decisione fu una vecchia promessa fatta.
Era il 2013 quando l’attore, che aveva recitato nel film di Guillermo del Toro Pacific Rim, ricevette ufficialmente l’offerta di apparire come protagonista della pellicola adattata dal romanzo 50 Sfumature di Grigio nei panni di Christian Grey. Un’opera che fu un successone al botteghino.
Il 2 settembre, sempre del 2013, venne annunciata la sua presenza nel cast e solo un mese dopo dovette tornare nei suoi passi per via di problemi legati ad altre riprese.

In un’intervista rilasciata poco tempo dopo, l’attore dichiarò di aver promesso al regista e amico Guillermo del Toro di partecipare al suo prossimo film, Crimson Peak, che si stava girando proprio nello stesso periodo di 50 Sfumature di Grigio e avrebbe reso la sua agenda un vero e proprio inferno.
Nonostante ciò, Charlie Hunnan definì la rinuncia come “spezzacuore” e pare che tuttora non abbia ancora guardato il film.
In compenso, Crimson Peak fu un grande film che ricevette diverse nomine nei vari award annuali e confermò il genio del regista Guillermo del Toro.

3) Sarah Michelle Gellar

In una classifica che, a sorpresa, ha un’ingente presenza vampiresca non poteva mancare Sarah Michelle Gellar, la protagonista di Buffy l’Ammazzavampiri.
Per parlare del ruolo proposto bisogna tornare indietro negli anni, nel 1995, quando ancora non era diventata la cacciatrice di vampiri conosciuta da noi ma aveva già un curriculum di tutto rispetto girando in quel di Hollywood sin dall’infanzia.
Il ruolo che si ritrovò tra le mani fu quello di Cher, protagonista del film Clueless, o Ragazze di Beverly Hills se preferite la traduzione italiana. Una pellicola che ottenne un successo incredibile per il tempo e divenne iconica con il passare degli anni, tanto da avere anche una Serie Tv collegata a essa.

Tornando però a parlare di Sarah Gellar, l’occasione di interpretare Cher venne rifiutata per via, un’altra volta, di contratti firmati e obblighi burocratici legati a essi.
Giusto qualche anno prima di accettare il ruolo di Buffy Summers recitò in 28 episodi de La Valle dei Pini : soap opera iniziata nel lontano 1970 e finita soltanto nel 2013 dopo 43 lunghe stagioni. La sua partecipazione in essa negò di conseguenza quella in Clueless purtroppo.
Per un’attrice cosi apprezzata da registi e produttori non si è trattato dell’unico ruolo rigettato nella sua lunga carriera: tra gli altri film c’è anche Romeo e Giulietta, uscito nel 1996, dove avrebbe dovuto recitare in coppia con niente meno che Leonardo Di Caprio.

4) Kevin Costner

Il vincitore del premio Oscar nel 1991 con il capolavoro Balla coi lupi ha un curriculum longevo e imponente, ed è ancora più impressionante se si considera come sia riuscito ad avere successo sia come attore che come produttore. Uno dei riconoscimenti più importanti del suo lavoro è sicuramente la stella in suo nome nella Walk of Fame di Hollywood: un marciapiede lungo ben 15 blocchi dove si celebrano i migliori attori e registi del mondo del cinema.

Nei primi anni Duemila si presentò l’occasione di partecipare al primo Kill Bill, uno dei classici di Quentin Tarantino, insieme alla grandiosa Uma Thurman.
In quel preciso momento, però, Kevin Costner era impegnato come produttore e attore di uno dei film a lui più cari: Terra di Confine – Open Range.
Una scelta che tuttora non rimpiange in quanto la pellicola è stata interamente dedicata ai genitori del protagonista e regista, oltre che all’attore Micheal Jeter, scomparso poco dopo la fine delle riprese. Uscito nel 2003, risulta anche essere l’ultima opera cinematografica diretta da lui che con gli anni si è spostato sempre di più verso il piccolo schermo e, dal 2018, ha trovato una nuova dimensione conYellowstone.

5) Michelle Trachtenberg

serie tv

Tornando a parlare di vampiri e, nello specifico di Twilight, c’è un altro ruolo importante che è stato a un passo dall’essere interpretato da un’attrice differente.
Stiamo parlando del personaggio di Bella: coprotagonista della saga, amata di Edward e interpretata dalla bellissima Kristen Stewart.
La primissima scelta però non fu lei ma Michelle Trachtenberg: selezionata per la parte grazie alla sua carnagione particolarmente pallida che, come dichiarata da lei stessa, è piuttosto rara da trovare in quel di Hollywood. Cosa ha portato quindi al rifiuto da parte dell’attrice? Uno dei problemi che continua a persistere tra le personalità più richieste di questo mondo, la mancanza di tempo.

Le produzioni, che ormai ogni si susseguono di continuo, spesso finiscono per pestarsi i piedi tra di loro in termini di tempistiche e risulta davvero difficile poter partecipare a più progetti nello stesso momento. Michelle Trachtenberg ebbe proprio questo problema: facente parte del cast di Buffy l’Ammazzavampiri, la contemporaneità con Twilight le impedì di accettare la parte lasciando la porta aperta a Kristen Stewart.
Un altro fattore influente fu la ovvia similitudine tra il film e la serie: entrambe, infatti, si concentrano a rappresentare i leggendari vampiri nonostante vengano trattati in maniera diversa.

6) Thomas Jane

Game of Thrones

Impossibile immaginare un Rick Grimes diverso rispetto ad Andrew Lincoln, vero? Eppure c’è stata una grossa possibilità di vedere Thomas Jane prendere il ruolo.
Agli inizi della produzione di The Walking Dead, nel 2007, mentre il team cercava di vendere la serie a HBO, Thomas Jane venne effettivamente considerato come membro del cast nella parte di Rick Grimes. Il rapporto tra il produttore Frank Daranbit e Jane era stato ormai consolidato dal film The Mist e ciò aveva garantito la presenza del Frank Castle del grande schermo nella sua crew di attori.
Con il rifiuto da parte di HBO e l’acquisizione successiva di AMC, Thomas Jane divenne indisponibile a causa di uno show targato proprio HBO, ossia Hung che uscì nello stesso periodo.

La produzione fu costretta quindi a ricominciare la ricerca per un nuovo Rick Grimes e, successivamente, scegliere Andrew Lincoln dopo un testa a testa serratissimo con John Bernthal che parteciperà comunque allo show con un altro ruolo.
Col senno di poi la scelta di Jane fu una delle più sbagliate della sua carriera: Hung durò soltanto tre stagioni prima di venir cancellato da HBO e Andrew Lincoln, al tempo molto meno famoso di Jane, divenne il volto principale della serie e si garantì un enorme successo con essa.

7) Tom Selleck

Stranger Things

Concludiamo con uno dei “what if” più rumoreggiati della storia del cinema.
Correva l’anno 1980 quando la stella di Magnum P.I, Tom Selleck, ricevette una chiamata inaspettata da parte del regista Steven Spielberg: all’interno della chiacchierata l’offerta di essere un archeologo alla ricerca di un tesoro inestimabile. Era la proposta di interpretare Indiana Jones nella prima pellicola di una leggendaria saga.
La storia dietro il suo rifiuto è stata raccontata proprio dall’attore svariate volte e, come se fosse la prima, si riesce a sentire la delusione dalle sue parole.
In breve, ciò che rese Tom Selleck famoso fu anche la causa della rinuncia a uno dei ruoli più importanti di tutto il mondo del cinema. Infatti fu l’emittente proprietaria della serie Magnum P.I, CBS, a mettere il veto sulla sua partecipazione per via della coincidenza delle riprese con lo show televisivo.

Fu poi rivelato anche come la location designata per la produzione di Indiana Jones coincise con quella di Magnum P.I e che Tom Selleck poteva effettivamente registrare entrambe senza sacrificare il programma di punta.
“… Alle Hawaii senza soldi e impiego (per via dello sciopero di Magnum P.I ndr.), comincio a fare il tuttofare e indovinate chi viene a fare il film? “I Predatori dell’arca perduta! ” Quando si dice che non è destino.

LEGGI ANCHE – Kevin Costner: Yellowstone è una delle migliori serie in circolazione