in

I 10 finali più sconvolgenti delle serie originali Netflix

Quando una serie finisce, che lo faccia nel migliore o nel peggiore dei modi, ci lascia sempre quell’amaro in bocca e quel senso di vuoto che crediamo nessuna serie riuscirà mai a colmare. Tra i finali di serie tv originali Netflix sono diversi i momenti impossibili da dimenticare. Epiloghi sconvolgenti, memorabili o angoscianti che hanno amplificato le emozioni al nostro addio alla serie.

Ci sono alcune serie partite bene e finite altrettanto bene, altre che si sono perse per strada ma che ci hanno regalato finali memorabili, e altre ancora che grazie a una chiusura degna di nota si sono riconquistati la nostra fiducia.

Vediamo quindi i 10 finali di Serie Tv originali Netflix più spiazzanti di sempre

ATTENZIONE: da qui in poi seguiranno spoiler.

1) Dark

finali delle serie tv originali netflix

Non poteva mancare la serie che ci ha regalato uno dei finali più emozionanti, confusionari e malinconici in assoluto.

La famosa serie tedesca ci ha intrattenuto con tre perfette stagioni ricche di colpi di scena, ma soprattutto condite da tanta confusione (qui la spiegazione delle 5 scene più difficili da comprendere), ma il finale è stato il vero punto forte, arrivato al momento giusto e decisamente all’altezza delle aspettative.

L’epilogo di Dark riavvolge il tempo fino all’evento che dà inizio a tutto e impedisce che tutte le vicende di Winden avvengano (l’esperimento di Tannhaus per impedire la morte del figlio). É proprio in questo modo che i mondi di Jonas/Adam e Martha alternativa/Eva non vengono creati e con loro le due Winden con i rispettivi abitanti. Questi non smettono di esistere, ma al contempo non sono mai esistiti.

L’addio di Martha e Jonas è una delle scene più emozionanti mai viste, e la conclusione finale in cui scopriamo finalmente il mondo “originale” è un colpo al cuore che difficilmente riusciremo a metabolizzare presto.

2) The OA

finali delle serie tv originali netflix

Altra serie che ci ha tenuti con il fiato sospeso fino al finale complesso ma davvero sconvolgente è The OA. Tra i finali serie tv originali Netflix più sconvolgenti non potevamo infatti non inserire quello che chiude (più o meno) la storia di Prairie e dei suoi amici.

L’epilogo è pazzesco, soprattutto quando Homer, che aveva riacquistato grazie alla ragazza la sua coscienza della dimensione originale, tenta fermare Hap ma quest’ultimo spara mortalmente al ragazzo, che, prima di morire, si impegna a cercare Praire in qualsiasi dimensione.

Un’altra scena davvero sconvolgente è quella in cui Karim raggiunge il rosone della casa e, attraverso esso, assiste alla visione di Prairie illuminata che fluttua nel cielo fino a che una colomba bianca la colpisce facendola ripiombare a terra. Praire e Hapraggiungono una nuova dimensione e sono all’interno di un set televisivo, in cui una Prairie è ferita per la caduta e viene chiamata “Brit” e Hap si riferisce a sé stesso come “Jason Isaacs”, parlando con accento britannico. Karim dal rosone nota anche una versione alternativa di Michelle/Buck in quell’universo e la chiama, per poi tirarlo dentro l’attico, svegliando Michelle dal coma. Prairie e Hap, che in questa dimensione è suo marito, entrano nell’ambulanza, ma nel tragitto riesce a salire sull’ambulanza anche Steve, arrivato con successo in quella dimensione, che incontra Hap per la prima volta.

3) Trinkets

finali delle serie tv originali netflix

Decisamente più semplice da comprendere, anche questa serie “apparentemente leggera” ci lascia con un finale difficile da digerire, e a tratti molto forte.

Una ragazza in lutto stringe un’improbabile amicizia con due compagne del liceo dopo che si ritrovano nel gruppo Taccheggiatori Anonimi. Le amiche mostrano fin da subito problemi differenti, ma è proprio Tabitha a regalarci la scena più forte di sempre. Durante le puntate scopriamo il grande segreto che si cela dietro la sua relazione apparentemente perfetta con il più figo della scuola: lui la picchia.

Puntante che diventano sempre più pesanti e con messaggi che fanno riflettere. É così che Trinkets sul finale ci colpisce dritti al cuore. Tabitha, stanca di subire le violenze da parte di Brady, stampa delle gigantografie del suo corpo ricoperto di ematomi e lividi e li appende in collage nei corridoi della scuola, così che tutti possano scoprire la vera indole del ragazzo. Una forma di liberazione che abbiamo apprezzato tantissimo ma che al tempo stesso ha reso questo finale di stagione davvero forte.

4) The Haunting of Hill House

finali delle serie tv originali netflix

Impossibile non inserire questa serie nella lista dei finali serie tv originali Netflix più sconvolgenti di sempre.

Chi l’ha vista sa che dietro c’è molto più che la classica storia di fantasmi: è una moderna interpretazione psicologica dell’omonimo romanzo di Shirley Jackson. La serie racconta la storia di un gruppo di fratelli che ha trascorso l’infanzia all’interno di quella che sarebbe diventata la più famosa casa infestata del Paese.

The Haunting of Hill House tende a scioccarci durante la visione di tutte le puntate, ma l’ultima in particolare è fondamentale per chiudere il ciclo delle vicende e si presenta come uno dei finali più tristi di sempre.

Nella sequenza finale, infatti, sembra che i Crain abbiano trovato pace: Steven fa ritorno a casa, Shirley fa ammenda e chiede al marito di perdonarla, Theo rimuove i suoi guanti e sceglie di continuare a provare emozioni insieme alla donna che ama e Luke festeggia la sua rinnovata sobrietà. L’addio al padre di famiglia che finalmente può ricongiungersi con la sua amata e la figlia ci spezza il cuore.

5) 13 Reasons Why

Doveroso ammettere che questa serie abbia fatto un gran pasticcio, dopo essere partita benissimo ed essere poi scaduta nell’eccessivo politically correct, al punto tale da essere odiata dagli stessi fan che l’avevano amata alla follia.

Il finale però, per quanto criticabile, è stato davvero sconvolgente. Se in senso positivo o negativo potrebbe essere un gusto soggettivo.

Dopo la carneficina che ci ha mostrato sul finale, un resoconto delle morti (roba che perfino Game of Thrones ne ha avute meno), lo shock: Justin muore. Si succede tutto nell’ultima puntata che sembra durare un’eternità (e di fatto è così). Ma la vita prosegue e ovviamente tutti la fanno franca, in particolare Alex che grazie al padre può continuare a vivere la sua vita come se niente fosse.

Gli ultimi istanti ci mostrano i ragazzi che sotterrano la scatola di Hannah nel luogo in cui Clay ascoltò la prima cassetta. Clay si commuove leggendo lo scritto che Justin aveva spedito nella domanda d’ammissione al college, dove lo indicava come il fratello che gli aveva cambiato la vita e aiutato a sentirsi parte di una vera famiglia. Clay accompagna Tony in Nevada a vedere la sua nuova università, a bordo della Mustang rossa che li accompagnerà nella loro nuova avventura.

6) The Haunting of Bly Manor

Tra i finali serie tv originali Netflix degni di nota c’è quello di Bly Manor, la seconda stagione antologica della serie The Haunting Of.

Come dice Amelie: “questa non è una storia di fantasmi, ma una storia d’amore“. Perché sì, Bly Manor in fondo è stata proprio questo ed è il finale stesso a sottolinearlo.

Dani salva Flora permettendo al fantasma di Viola di occupare il suo corpo, rilasciando tutte le anime precedentemente intrappolate che sono morte nella casa o che sono state uccise da Viola nel corso dei secoli. Henry fa finalmente ritorno a Bly Manor per crescere i due bambini, mentre Owen scopre che Hannah è stata un fantasma per tutto il tempo (un episodio devastante) e Dani e Jamie partono in America per iniziare una vita insieme.

Dopo anni di felicità, Dani inizia a vedere il riflesso di Viola e teme che la sua presenza possa far del male a Jamie, e dopo averla quasi strozzata, Dani ritorna alla villa e si tuffa nel lago, annegando. Scopriamo così che il narratore è una Jamie invecchiata, che termina di raccontare la storia e si gode il ricevimento di nozze di una Flora adesso cresciuta, con Miles, Owen ed Henry. Nella sua camera d’albergo, Jamie aspetta vicino alla porta, sperando di riunirsi con il fantasma di Dani, che intanto la osserva mentre si addormenta.

7) Sense8

Tra i finali di serie tv originali Netflix più sconvolgenti spicca Sense8.

La storia di otto sconosciuti provenienti da diverse parti mondo che sviluppano improvvisamente una reciproca connessione telepatica, ci ha coinvolto in un binge watching senza limiti, in attesa di un finale che ci ha lasciati a bocca aperta.

L’episodio finale di Sense8 ha come elemento centrale l’amore. Il titolo dell’episodio è, non a cas, “Amor vincit omnia” (L’amore vince su tutto), e un po’ potrebbe anche riferirsi all’amore dei fan e alla rabbia verso la sua cancellazione, no? Per certi versi è legato al vero spirito dello show, basato proprio su questo sentimento. Gli otto sono legati dall’amore verso se stessi e verso chi li circonda. Inoltre hanno imparato a considerare gli altri sensorium una parte di sé, motivo per cui tutti si mobilitano per salvare Wolfgang. Ormai non possono più fare a meno l’uno dell’altro e sono pronti a rischiare la loro stessa vita pur di stare uniti.

8) Unorthodox

Tra le più acclamate del 2020, la miniserie Unorthodox ci regala uno tra i finali di serie tv originali Netflix che più ci ha colpiti.

La storia è tratta da una bibliografia, e narra le vicende di una donna ebrea chassidica di Brooklyn che va a Berlino per fuggire da un matrimonio combinato e viene accolta da un gruppo di musicisti. Eppure il suo passato la tormenta. La serie ci mostra le limitazioni e gli obblighi di una relazione combinata e di una religione severa verso chi non rispetta le tradizioni.

Il finale ci mostra invece uno spiraglio di libertà: quello della protagonista.

L’epilogo si concentra in due scene significative per il superamento delle condizioni di restrizioni della protagonista: la prima è l’emozionante audizione al conservatorio, la seconda è il commovente confronto tra Esther e il marito Yanky, che finalmente la ragazza lascia per vivere una vita sua e secondo le sue regole.

9) Dietro i suoi occhi

Proprio come 13 Reason Why, il finale di questa serie è stato sì sconvolgente, ma difficile da etichettare come positivo o negativo.

Se è vero che la storia inizia illudendoci di essere un thriller con all’interno le vicende di un triangolo amoroso, è anche vero che ci sciocca poi con uno sviluppo a metà tra il fantasy e lo sci-fi.

Sul finale scopriamo infatti che Adele in realtà è Rob, che poi prende il possesso del corpo di Louise che muore nell’incendio. Gli eventi si sviluppano talmente velocemente che non abbiamo neanche il tempo di metabolizzare e renderci effettivamente conto di quello che succedendo. Siamo sconvolti e arrabbiati con Rob, soprattutto quando, tramite il corpo della madre, tratta male il povero figlio che dal canto suo ne ha già passate abbastanza.

Un finale fuori dal comune. Bello o brutto è difficile a dirsi, ma varrà il concetto del “purché se ne parli?”.

10) Seven Seconds

Tra i finali di serie tv originali Netflix sconvolgenti vogliamo inserire anche Seven Seconds.

Cancellata dopo solo una stagione, fa appena in tempo a lasciarci a bocca aperta con il suo finale di stagione. Scritta da Veena Sud e interpretata da Regina King, Seven Seconds racconta la tensione tra cittadini afroamericani e polizia di etnia caucasica a Jersey City, dove un adolescente afroamericano rimane ucciso in un incidente con un poliziotto.

Il finale è un pugno nello stomaco, e ci mostra crudamente il vero villain: il sistema americano, incapace di giudicare un crimine senza incorporarci dentro politica, interessi, sentimenti e preconcetti. In un’epoca in cui il blacklivesmatter è tornato a essere di grande attualitàSeven Seconds vuole colpirci e farci riflettere, e forse lo fa più nell’ultima puntata che in tutta la stagione (a causa di personaggi troppo stereotipati), ed è per questo che difficilmente la dimenticheremo.

LEGGI ANCHE: Dopo i finali Serie Tv originali Netflix sconvolgenti ecco 5 finali alternativi delle Serie Tv

Scritto da Maria Virginia Destefano

Potrei scrivere la solita bibliografia, nome, età, luogo. Ma temo che queste informazioni siano riduttive e alquanto superflue in confronto al mondo che c'è dentro la mia testa. Amo scrivere, amo leggere, se guardate un film o una serie tv con me aspettatevi ogni tipo di commento e di osservazione, la mia visione non sarà mai passiva. La regia è il mio sogno, le luci, le inquadrature. Il piano sequenza è un'arma a doppio taglio, è un'arte, ma come tale non tutti la sanno sfruttare. C'è chi non ha hobby, io ne ho troppi e la scrittura e il videomaking fanno parte di questi.

Netflix

La classifica delle 10 Serie Tv più viste su Netflix la scorsa settimana (17-23 maggio 2021)

master of none 3

Master of None – La recensione della particolarissima (e struggente) terza stagione