Vai al contenuto
Home » Pretty Little Liars » 30 disagi che solo un vero fan di Pretty Little Liars può capire

30 disagi che solo un vero fan di Pretty Little Liars può capire

pretty little liars

Una delle serie tv più trash di sempre – Pretty Little Liars – è finita nel 2017. L’intreccio di mistero, drama, romanticismo e assurdità che ha accompagnato ogni singolo episodio ha creato una sorta di trappola fatale per ogni spettatore: impossibile dimenticare i disagi di questa serie, non importa quanto tempo passi dal finale. Ogni fan che si rispetti ha ancora momenti (qui ne trovate 5 super trash), scene e citazioni stampati nella mente con inchiostro indelebile. Cosa vogliamo fare, quindi? Ripercorrere i 30 disagi (ok, per una serie come Pretty Little Liars sono anche pochi) che ci hanno fatto rizzare i capelli in testa o semplicemente scoppiare a ridere nel corso delle sette stagioni. Alcuni, tra l’altro, possono davvero essere capiti soltanto dai fan più assidui. Mettetevi alla prova!

pretty little liars

1) Jenna non può sentirci, è cieca. Potevamo forse non cominciare con la celebre frase della dispensatrice di saggezza Hanna Marin? Come le sarà venuta in mente una cosa del genere?

2) Aria che bacia Ezra dopo 4 minuti che lo conosce, senza sapere che il giorno dopo se lo ritroverà come professore di letteratura. Bene così.

3) Spencer e il carrello. Questa è proprio per i fan più fan.

4) Ma quindi, quante persone ha incontrato Alison quella notte? Nemmeno con una lavagnetta su cui segnare tutto si riesce a capire. Probabilmente ha incontrato anche qualcuno di voi.

5) La madre di Hanna. Sì, è una frase completa. Non bisogna aggiungere niente, è proprio un disagio con gambe e braccia.

6) Il guardaroba di Aria, soprattutto i suoi vestiti leopardati. E poi, dai, ma come si fa ad andare a scuola in quel modo?

Pagine: 1 2 3 4 5