in

Better Call Saul: Rhea Seehorn parla a cuore aperto dei problemi con l’ansia e la depressione

better call saul

Rhea Seehorn è la star, insieme a Bob Odenkirk (qui si parla di lui), della serie tv spin-off di Breaking Bad, Better Call Saul. L’attrice statunitense è immensa nelle vesti di avvocato nella serie tv ideata da Vince Gilligan e Peter Gould. Sebbene però, in Better Call Saul Rhea sia una donna dal carattere ferreo e deciso che la porta a non intimidirsi davanti a nulla e ad avere una volontà di acciaio, nella vita di tutti i giorni sveste i panni di Kim e torna a indossare i propri. Come quella di tutti, anche la sua vita ha attraversato periodi più e meno felici. La Seehorn, ospite qualche giorno fa del podcast WTF With Marc Maron, ha raccontato di quanto sia dura affrontare la depressione, l’ansia e l’alcolismo.

La dipendenza, un fantasma nella famiglia di Rhea

Per prima cosa, durante l’intervista, la Kim Wexler di Better Call Saul ha discusso delle dipendenze nella sua famiglia. Suo padre era un alcolizzato, ma nonostante la dipendenza del genitore, la donna ha detto di non essere mai caduta nel baratro dell’alcolismo.

Ecco le sue parole: “Non mi sono mai considerata una alcolizzata, per il fatto che quando bevo lo faccio sempre con attenzione e mi chiedo soprattutto perché lo faccio. Non ho mai bevuto come mio padre in vita mia. Lui era un alcolizzato cronico che non aspettava che uscire dal lavoro per andare a bere. La fascia temporale in cui era più irritabile era dalle cinque alle sette, ovvero quelle due ore prima di poter andare a farsi il primo drink. Non ho mai bevuto così e presto molta attenzione”.

rhea seehorn

L’ansia e la depressione, due problemi che hanno tenuto Rhea Seehorn lontana dall’alcol

Un motivo per cui Rhea Seehorn evita di bere sono i problemi psicologiche di cui ha sofferto, queste infatti, oltre al discorso di suo padre, hanno sicuramente condizionato il suo rapporto con le bevande alcoliche. “Ho avuto problemi di depressione e ansia per la maggior parte della mia vita e ho assunto alcuni farmaci per combattere questi problemi”, ha dichiarato l’attrice di Better Call Saul. Rhea ha poi continuato dicendo: “Quando non assumo questi medicinali sono consapevole del fatto che magari potrei bere tre drink invece che due, poi però mi dico che non ne ho bisogno”.

Better Call Saul e la sua Kim Wexler: due rifugi dall’ansia e dalla depressione per Rhea Seehorn

La Seehorn (qui trovate alcune curiosità su di lei) ha poi aggiunto che quando lavora, depressione e ansia non compromettono il suo lavoro, anzi. È proprio quando non ha lavoro il momento in cui soffre di più. “La depressione, l’ansia, la paura e i pensieri brutti, è un tipo di depressione che dipende molto da quello che succede nella tua vita”, ha detto. “Se ho qualcosa su cui lavorare, non penso a tutto ciò. Questo è un problema non appena le cose sono ferme, come adesso. Ma quando lavoro non sono condizionata da tutti questi problemi.”

rhea seehorn

La Kim Wexler di Better Call Saul ha poi aggiunto di aver vissuto solo pochi momenti in cui l’ansia o la depressione le hanno impedito di lavorare o socializzare. “Probabilmente solo periodi molto brevi della mia vita che sono sempre stati legati a alcuni problemi che ho vissuto”. Quello che tutti noi ci auguriamo è che la bravissima attrice non debba più vivere vicende come quelle legate a suo padre e che soprattutto continui a essere decisa e forte, come il personaggio che interpreta nella serie tv.

Leggi anche: Better Call Saul, c’è la data di inizio riprese dell’ultima stagione: pronti per il gran finale?

Scritto da Giacomo Simoncini

“Giro, vedo gente, mi muovo, conosco, faccio delle cose. Ad un mondo di numeri ne preferisco uno di lettere. Scrivo per coinvolgere gli altri, per far appassionare le persone a ciò che amo. ”

romulus

Romulus 1×03/1×04 – Dal sogno alla realtà

Emily in Paris

Emily in Paris – Netflix annuncia il rinnovo per la seconda stagione [VIDEO]