in

Bridgerton – Phoebe Dynevor: «Sto vivendo un periodo surreale»

Bridgerton

Bridgerton è una delle serie Netflix che ha conquistato il pubblico di tutto il mondo, nonostante molti si chiedano se è davvero un guilty pleasure o solo una serie leggera. Arrivata a Natale 2020, ci ha portato nelle atmosfere del periodo della reggenza inglese del diciannovesimo secolo. L’ambientazione è sicuramente tra gli elementi che l’hanno resa un successo mondiale. La serie è stata rinnovata per una seconda stagione (e anche per la terza e quarta), nella quale però non vedremo uno dei personaggi più amati, il Duca di Hastings, interpretato dall’attore Regé-Jean Page. Lo showrunner, comunque, vorrebbe realizzare otto stagioni, tante quante i fratelli della famiglia protagonista, una stagione per fratello.

In una nuova intervista Phoebe Dynevor, protagonista nei panni di Daphne Bridgerton, ha parlato del successo della serie e dei cambiamenti nella sua vita.

Phoebe Dynevor, Chris Van Dusen e Nicola Coughlan parlano del successo di Bridgerton

Insieme allo showrunner Chris Van Dusen e alla collega Nicola Coughlan (Penelope Featherington), Phoebe Dynevor ha partecipato a un’intervista con Deadline, parlando del grande successo della serie e dell’impatto che ha avuto sulle loro vite. Dynevor ha detto:

“Con il Covid è cambiato molto nella mia vita in generale, come credo sia cambiato per tutti. Sto vivendo un periodo davvero surreale. È eccitante avere la possibilità di incontrare persone che ammiro, poter parlare con cineasti e scrittori di futuri progetti che mi esaltano, è qualcosa che non ho potuto fare in passato. Poi è bellissimo vedere quanto la serie abbia avuto un impatto sulle persone, sentirsi ringraziare ed ascoltare quanto le persone abbiano amato la serie è qualcosa di prezioso, soprattutto in momento così difficile per tutti”.

La collega Coughlan aggiunge che Bridgerton è “una serie di evasione che ha anche profondità e questo ha conquistato le persone.”

Lo sceneggiatore Van Dusen racconta di aver da subito avuto la volontà di realizzare un adattamento moderno, come testimonia anche il cast multietnico e i linguaggi audiovisivi utilizzati:

“Ho sempre amato le produzioni in costume, ma in genere sono un po’ conservatrici e tradizionali. Non volevamo che Bridgerton fosse così. Abbiamo lavorato per esplorare le storie e i personaggi in maniera contemporanea. La serie è ambientata nel diciannovesimo secolo, ma a volte lo dimentichi perché quello che viene raccontato è veramente moderno e universale”

Phoebe Dynevor, che non aveva letto i romanzi prima di ricevere la sceneggiatura, dice del suo personaggio:

“C’è una grande differenza tra me e Daphne, ma abbiamo anche degli aspetti in comune. Lei dà grande importanza alla famiglia e lo faccio anch’io. Daphne viveva in un’epoca in cui le donne avevano una sola scelta, ma lei è determinata a compierla in maniera consapevole come io cerco di fare nella carriera. La ammiro, perché pur avendo una sola strada segue le proprie regole e trova anche l’amore. La sua evoluzione sessuale è importante. Io, Chris, Regé [Regé-Jean Page] e tutto il team volevamo raccontarla nel modo più veritiero possibile. È stato un privilegio compiere questo grande viaggio. Poter dare vita a Daphne che passa da essere una ragazza un po’ ingenua al diventare una donna che prende consapevolezza di sé e vive la sua sessualità è stato meraviglioso”.

Nicola Coughlan dice di Penelope:

“È un personaggio affascinante, perché tiene dentro di sé  tutto ciò che prova. Vive apparentemente sotto tono, ma è anche una delle donne più potenti in quella società”.

La serie, basata sui romanzi della scrittrice Julia Quinn, è stata rinnovata per altre tre stagioni. La seconda avrà come protagonista Anthony (Jonathan Bailey), alla ricerca dell’amore e di una donna da sposare.

Siete pronti a vedere le nuove avventure dei fratelli Bridgerton?

Written by Debora Bolis

La mia carriera da telefilm addicted è iniziata quando mi sono unita al Glee club; da lì in poi ho iniziato a seguire con costanza le serie TV, non importa il genere. Nella vita reale cerco di trovare il mio posto nel mondo, ma principalmente viaggio con il Dottore per tutto il tempo e lo spazio. Lui è il mio hobby preferito.

euphoria

5 teen drama da guardare se siete stufi dei soliti teen drama

La classifica delle 15 migliori Serie Tv presenti sul catalogo di Rai Play