in

Stevie Nicks si sfoga e definisce la pandemia globale “una vera American Horror Story”

Dopo l’ormai iconico cameo in American Horror Story: Coven, la leggendaria rock-star Stevie Nicks si è drammaticamente sfogata con un post su Twitter circa l’atteggiamento della società nei confronti del virus che ha provocato la pandemia globale.
Le sue parole sono durissime e amare, malinconiche e a tratti autoreferenziali, e hanno sconvolto i fan più affezionati.
Di seguito il tweet:

Abbiamo ancora la nostra libertà, ma non ci è rimasto molto tempo. Oggi, 10 Agosto 2020, ci sono 163.465 morti a causa del Covid-19 negli Stati Uniti. 22.035 persone sono morte in soli 13 giorni.
Troppa gente ancora non riesce a indossare una semplice mascherina o a rendersi conto di quanto sia importante mantenere la distanza sociale.
L’indossare la mascherina e il mantenere la distanza sono ormai diventati un decreto. Non è una questione politica, il virus è un killer silenzioso che si nasconde nell’ombra. Ti “stalkera”.
Non gli importa di chi tu sia… cerca solo un’altra vittima.

american horror story

La cantante ha poi elencato i possibili effetti a lungo termine di questo terribile virus, tra cui coaguli di sangue, problemi neurologici e persistente tosse. Dopodiché continua:

Se dovessi contrarre il virus, probabilmente non potrei cantare mai più. Avrei danni alla gola per il resto della mia vita a causa dell’intubazione.
Non ho molto tempo, ho 72 anni.
È come la stagione di American Horror Story a cui ho partecipato. Si è trasformato in un’apocalisse in Terra. A meno che tu non sia una famosa strega o un ricco stregone, o semplicemente una persona molto ricca, non entrerai mai in uno di quei rifugi sicuri sottoterra. […]
Ciò che sta succedendo oggi nel nostro Paese è una vera e propria American Horror Story. Nessuno ci sta guidando. Nessuno ha un piano.
A meno che le persone non cambino il loro atteggiamento dal “che noia stare a casa e indossare le mascherine senza poter fare festa”, non riusciremo mai a sconfiggere questo virus. […]
Correte questi rischi mortali perché credete di essere immortali. Non lo siete. Se prendete questo virus, la vostra vita cambia per sempre. La vostra bellezza vi sarà rubata. Invecchierete mentre cercate di combattere per la vostra vita.
Invecchierete mentre combattete per tornare indietro… se sopravvivrete.
Chiamatela Armageddon
Chiamatela Pandemia
Chiamatela Apocalisse…
Questa è una vera American Horror Story.
Non è una miniserie, è una tragedia.

LEGGI ANCHE – American Horror Story: Ryan Murphy svela un indizio sulla decima stagione

Scritto da Vincenzo Bellopede

Vincenzo, studente di psicologia.
Cresciuto a pane e Sartre, accompagnando con sbornie da prelibato nettare di Lynch.
Come disse il primo, gli oggetti sono cose che non dovrebbero commuovere in quanto non vive. Eppure lo fanno.
Se anche le parole riescono in questo, l'obiettivo di chi scrive è stato orgogliosamente raggiunto.

la rapina del secolo

La Rapina del Secolo, la recensione della prima stagione

Lucifer

5 personaggi delle Serie Tv che non hanno mai imparato dai propri errori