in

Che fine ha fatto James Van Der Beek?

James Van der beek

Facciamo il gioco delle associazioni. Quando sentite il nome James Van Der Beek qual è la prima cosa che vi viene in mente? Scommetto un anno di Netflix che è Dawson Leery, il protagonista di Dawson’s Creek. E se pensate a lui qual è la prima immagine che vi viene in mente? A me questa:

dawson's creek

Purtroppo per James Van Der Beek, classe 1977, americano di famiglia olandese, il suo personaggio in Dawson’s Creek e la sua fama di ragazzo “piangina” perennemente filosofo è quello che tutti ricordano. Vale lo stesso per i fan, che non vedono l’ora di vedere una vera reunion (e non solo quella organizzata da Entertainment Weekly) e per i giornalisti, che lo ammazzano di domande su uno show che è finito da quindici anni. Lui sopporta, anche perché è il ruolo che gli ha dato la fama.

Ha cambiato la mia vita, è stata una grande opportunità. Ho imparato a rapportarmi a una macchina da presa, ho imparato a rapportarmi alla fama. Ho imparato a rapportarmi a ogni genere di cosa

Il troppo però stroppia. Lo scorso anno era ospite del programma This Morning per parlare della sua nuova serie Carters Get Rich  e i presentatori lo hanno accolto con un’immagine di Dawson’s Creek e una sfilza di domande sulla serie. Lui, visibilmente incacchiato, ha risposto così:

Sono stato in televisione per gli ultimi vent’anni, solo perché voi lo sappiate

Il dopo Dawson’s Creek

Dawson's Creek

Ma cos’ha fatto negli ultimi vent’anni James Van Der Beek? Purtroppo per lui, il protagonista in Dawson’s Creek è ancora il ruolo più iconico che ha interpretato.

Dal 2003 lo abbiamo visto in molte serie, ma per un episodio o poco più. È stato in due episodi di Criminal Minds (2×14-2×15), in un episodio di Ugly Betty (2×04), in un episodio di Medium (5×09) e in quattro episodi di How I Met Your Mother, in cui ha interpretato il fidanzato canadese e primo amore di Robin. Van Der Beek è solo una delle tante guest star che hanno partecipato ad HIMYM, (ne abbiamo parlato in questo articolo.)

Il primo ruolo più solido arriva nel 2012 anche se è un ruolo paradossale. Nella sitcom Non fidarti della str**** dell’interno 23insieme alla futura Jessica Jones Krysten Ritter, interpreta…se stesso. James è il migliore amico di Chloe (la str**** del titolo), un attore che cerca ancora di staccarsi dal personaggio di Dawson Leery per rilanciare la sua carriera, tra provini di dubbia natura e fan ossessive. In pratica è stato pagato per vivere la sua vita. Ironia della sorte la serie non ha successo e viene cancellata dopo due stagioni.

Stessa sorte toccata alla serie CSI – Cyber, iniziata nel 2015. Nel terzo spin-off della serie CSI James interpreta l’agente dell’FBI di Quantico Elijah Mundo. Nel 2016, dopo solo due stagioni, la serie chiude.

Power Ranger Van Der Beek

Dawson's Creek

Dopo Dawson’s Creek non si è nemmeno fatto mancare le perle sci-fi. Una perla fan made dal titolo Power/Rangers in cui oltre che attore è anche ideatore del soggetto. Si tratta di una trasposizione distopica della saga dei Power Ranger, un cortometraggio live action non autorizzato dalla Saban Entertainment, molto adulto e violento. James Van Der Beek interpreta Rocky De Santos, il secondo Red Ranger.

Il fan movie è uscito il 24 febbraio 2015 in due versioni: una sulla piattaforma Vimeo con una scena di nudo censurata invece nella versione caricata su YouTube. Il pubblico ha apprezzato molto il corto grazie soprattutto agli effetti speciali ottimi per un prodotto amatoriale, le coreografie curate e i dialoghi maturi per una serie molto friendly nell’immaginario collettivo fino a quel momento. E anche gli attori originali ne sono stati parecchio colpiti in positivo.

Le principali critiche sono state invece mosse all’eccessiva violenza e ai temi che violavano espressamente lo spirito del franchise.

Dov’è adesso James Van Der Beek?

Negli ultimi due anni le cose sembrano andare un po’ meglio. Nel 2017 interpreta Trent Zebrisky nella miniserie comica Carters Get Rich, Quest’anno è stato invece impegnato sul set di Pose, dramma musicale ideato da quel geniaccio di Ryan Murphy (Glee, American Crime Story, American Horror Story, Nip/Tuck) per FX.

La serie è molto particolare, comprende il più alto numero di attori transgender che sia mai apparso in una Serie Tv ed è ambientato trent’anni fa. Un gruppo di individui alla fine degli anni ’80 cerca di farsi strada nell’alta società newyorchese, facendo leva su una cultura raffinata e aperta. James interpreta Matt Bromley, alto dirigente capo del protagonista Stan (che ha il volto di Evan Peters). La  prima puntata è andata in onda il 3 giungo 2018 in America. La serie è stata accolta in modo molto positivo dalla critica e dal pubblico tanto che è già stata ordinata una seconda stagione che andrà in onda nel 2019.

Anouonauei

Dawson's Creek

Se paragonato alla carriera di alcuni dei suoi compagni di avventure in Dawson’s Creek, James Van Der Beek è rimasto un po’ più nell’ombra, arrancando per staccarsi dal personaggio che lo ha reso famoso e partecipando ad un sacco di pilot di Serie Tv che sono stati tutti scartati.

Sposato con l’attrice Kimberly Brook, papà di 5 figli che mostra con orgoglio su Instagram, James Van Der Beek è un quarantenne con qualche ruga e qualche capello bianco in più, ma che ricorda ancora fin troppo l’adolescente biondo amante del cinema, romantico, innamorato della ragazza della casa in fondo al fiume. E in fondo a quel fiume c’è anche la nostra nostalgia, che si riaccende ogni volta con la voce di Paula Cole che canta

I don’t want to to wait for our lives to be over

I want to know right now what will it be…

 

Leggi anche –  15 cose che ti faranno venire nostalgia di Dawson’s Creek

Written by Luca Celeghin

Guardo film da quando ho memoria e Serie Tv da quando ancora si chiamavano Telefilm. Scrivo da quando sono in grado di tenere in mano una penna. Finalmente posso unire i due mondi e guardare cosa accadrà. "Chi può dirmi che le mie fantasie non si avvereranno? Almeno questa volta".

Le 10 bande più cazzute delle Serie Tv

serie tv tratte dai libri

Le 5 Serie Tv più fedeli al libro da cui sono tratte