in

5 citazioni iconiche che hanno definito il mito di Mike Ehrmantraut

4) We had a good thing (Breaking Bad)

Breaking Bad

Nel settimo episodio della quinta stagione della serie madre di Gilligan, Mike e Walt hanno quello che potremmo definire “lo scontro finale“. Walter voleva i nomi degli uomini di Mike mentre lui voleva solo lasciare la città. Le profonde differenze tra i due personaggi erano già limpide e chiare, ma nelle battute finali di questo episodio Mike Ehrmantraut accende la luce sull’abisso che li separava.

Le cose andavano alla grande, stupido figlio di pu**ana! Avevamo Fring, avevamo un laboratorio, avevamo tutto quello che ci serviva e tutto stava funzionando in maniera perfetta. Tu avresti potuto tenere la bocca chiusa, cucinare e guadagnare più soldi di quanti ne avresti mai potuti spendere. Era perfetto. Ma no! Tu dovevi mandare a pu**ane tutto. Tu e il tuo orgoglio e il tuo ego. Dovevi essere tu il capo! Se avessi fatto il tuo lavoro sapendo rimanere al tuo posto, tutti staremmo bene adesso.

Niente avidità, niente ego. Mike vedeva il suo operato per ciò che era: un lavoro ben pagato. Non la sua ragione di vita e nemmeno la scossa di adrenalina di cui aveva bisogno per sentirsi vivo. No. Lui aveva raggiunto una sorta di complesso equilibrio che poi si è spezzato lasciandolo di nuovo solo con il suo bagaglio pesante.

Written by Sammy Morano

Scrivo per essere meno logorroica. Sogno una casa al 221b di Baker Street e una al 31 di Spooner Street. Una a Wisteria Lane, una al 7 di Craven Road e già da bambina ne sognavo una dove il cap è 90210.

Sons of Anarchy

Le 10 interviste più sconvolgenti degli attori di Serie Tv

Stranger Things Stephen King

L’ultimo libro di Stephen King è qualcosa più di un omaggio a Stranger Things