in

When They See Us è la Serie Tv da vedere adesso

When they see us - Un cast di tutto rispetto

When They See Us, miniserie lanciata da Netflix il 31 maggio 2019, non è un prodotto come tanti altri.

Prima di tutto, tratta un fatto di cronaca realmente accaduto: l’aggressione alla jogger Trisha Meili avvenuta il 19 aprile 1989 a Central Park. Poi apre una dolorosa ferita su temi importantissimi, che hanno dato vita a due movimenti che, negli Stati Uniti e non solo, stanno facendo sentire forte la propria voce: #metoo e #blacklivesmatter.

Il cast è d’eccezione, solo per citare alcuni: Vera Farmiga, John Leguizamo, Felicity Huffman e Joshua Jackson.

When They See Us

Entriamo nei dettagli. La vicenda narrata da When They See Us tratta l’aggressione, lo stupro e il tentato omicidio perpetrati ai danni di Trisha Meili. Accade a Central Park e la violenza del reato è brutale e scioccante, la vittima rimane in coma per 12 giorni e riporta danni fisici permanenti.

Vengono subito arrestati 5 ragazzini di colore che avevano semplicemente assistito alla violenza. Antron McCray, Kevin Richardson, Yusef Salaam, Raymond Santana e Korey Wise sono degli adolescenti di Harlem come tanti. Fin dai primi minuti si capisce che c’è qualcosa che non va: vengono prelevati e portati immediatamente alla stazione di polizia, non vengono letti loro i diritti, non hanno un avvocato che li assista, non sono nemmeno accompagnati dai genitori. Vengono minacciati, picchiati e le confessioni che rendono sono estratte a forza e del tutto contraddittorie. Per salvarsi, per uscire da una situazione così disperata, sono pronti ad ammettere di aver fatto anche ciò che non hanno fatto. È evidente che la polizia agisce in malafede, perché c’è un’unica verità: bisogna trovare un colpevole e bisogna farlo in fretta.

A ogni costo, anche quello di incarcerare degli innocenti.

Perché Antron e i suoi amici sono chiaramente innocenti, ma agli occhi dell’opinione pubblica c’è una sola vittima, Trisha. La ragazza, però, non ricorda nulla dell’aggressione e su di lei non vengono trovate tracce di DNA.

when they see us
When They See Us – Un dolore straziante

È straziante la disperazione dei ragazzini, immischiati in una vicenda troppo grande per loro, e dei loro genitori che non riescono a credere a ciò che sta accadendo. E c’è una vittima che lotta tra la vita e la morte.

Il procuratore incaricato delle indagini è mosso quasi da uno spirito da guerra santa: ha una missione ed è pronto a tutto pur di portare a termine il proprio compito. Deve fare giustizia, a ogni costo. È chiaro che sia mosso dallo stesso spirito che anima il movimento #metoo a difesa delle vittime di abusi sessuali. Solo che la sua caccia alle streghe è indirizzata contro le persone sbagliate.

L’avvocato difensore, un Joshua Jackson che invecchia meravigliosamente, dimostra che i ragazzi non c’entrano nulla, ma la giuria vede quello che non c’è. I processi sono solo un esercizio di stile, perché la loro colpevolezza non è mai in discussione: la vittima è bianca, hanno arrestato dei ragazzi di colore, caso chiuso.

La sentenza è un vero schiaffo in faccia: tutti colpevoli.

 I 15enni Yusef Salaam, Antron McCray e il 14enne Raymond Santana ricevono dai 5 ai 10 anni da passare in un istituto di correzione minorile. Nel secondo processo, Kevin Richardson di 14 anni e Korey Wise di 16 hanno lo stesso trattamento.

È il 1990, la tensione razziale negli Stati Uniti è altissima e sfocerà nei Los Angeles riots del 1991. Un problema concreto, sempre attualissimo e non ancora risolto e che solo da poco viene affrontato con concretezza dal movimento #Blacklivesmatter. Il movimento nasce a seguito dell’assassinio del 17enne Trayvon Martin da parte di George Zimmerman, che faceva parte della ronda di quartiere. Trayvon stava rientrando a casa, Zimmerman lo aveva bollato come sospetto e gli ha sparato in pieno petto, dopo un breve alterco. La brutalità della polizia americana nei confronti delle minoranze, specie quella di colore, è cosa risaputa e ha mietuto decine e decine di vittime innocenti.

netflix
When They See Us – Ragazzini trattati come criminali

Ad arricchire la trama di When They See Us troviamo l’aspro conflitto in tribunale tra difesa e accusa. Elizabeth Lederer, una fantastica Vera Farmiga, e Linda Fairstein, interpretata da Felicity Huffman, non si fermano davanti a nulla.

Ogni giovane ragazzo nero che era nel parco ieri sera è sospettato di aver stuprato quella donna che sta lottando tra la vita e la morte. (…) Voglio un esercito di poliziotti ad Harlem, controllate ogni singola casa popolare e fermate ogni delinquente che vedete, portatemi tutti i ragazzi che erano nel parco ieri sera.

Se non è caccia alle streghe questa…

When They See Us tratta questo caso così controverso e tragico in maniera diretta, senza troppi pietismi, riesce a commuovere, indignare, far arrabbiare e spingere a riflettere su quanto brutta possa diventare la realtà. Gli attori sono tutti in un vero stato di grazia, specialmente gli adolescenti che interpretano i ragazzini arrestati.

La vicenda si conclude nel 2001, quando l’ergastolano stupratore seriale Matias Reyes confessa l’aggressione a Trisha. Ormai il suo reato è caduto in prescrizione e cinque vite innocenti sono state rovinate per sempre. Antron, Kevin, Yusef, Raymond e Korey sono vittime tanto quanto Trisha.

When They See Us è una serie tv da non perdere, un pugno allo stomaco che illumina su una realtà di cui si parla davvero troppo poco: il razzismo esiste.

Leggi anche – 7 Serie Tv accusate di razzismo

Written by Bruna Martinelli

Laureata in lingue e letterature straniere, impiegata, moglie e mamma felice. Appassionata di serie tv, viaggi, musica, cucina. Scrivo di tutto, da sempre, per tutti. Non prendetemi mai sul serio, non lo sono quasi mai.

Cursed, una rivisitazione di Re Artù nella nuova Serie Tv Netflix con Katherine Langford

mr.robot

The Pretender