The Handmaid’s Tale

Genere: Distopico - Stagioni: 1 - (in corso)
Disponibile in streaming: guardala subito
Voto 10/10
Descrizione

Il romanzo distopico di Margaret Atwood da cui è tratta The Handmaid’s Tale è diventato, nel tempo, un manifesto dell’emancipazione femminile. La sfida, per la serie, era replicare il successo dell’opera letteraria senza cadere nel banale e nel retorico. I Golden Globes 2018, e gli Emmys 2017 ancora prima, hanno confermato la buona riuscita dell’intento, portando la serie ad essere riconosciuta come una delle più belle in circolazione. The Handmaid’s Tale, infatti, è tra quei prodotti che meglio è riuscito a coniugare la resa scenica con le esigenze del pubblico. Alla base del suo successo vi è sicuramente il tema, appunto, strettamente correlato al particolare momento storico, sia nella visione sottomessa della donna che nell’idea di fondamentalismo religioso. A questo va inoltre abbinata un’eleganza stilistica che restituisce un’immagine dell’ambientazione il più possibile cruda e senza filtri. I continui primi piani sulle ancelle trasmettono tutta la malinconia dettata dalla loro condizione, facilitando sensibilmente l’immedesimazione tra spettatori e personaggi. I dialoghi, e ancor più i monologhi, rappresentano invece un ottimo esempio di scrittura, per la capacità di conferire un certo spessore a ogni singolo personaggio. A tal proposito, anche il cast della Serie è un ulteriore valore aggiunto. Gli attori sono eccezionali e lo si capisce già dalla scelta dei nomi: Joseph Fiennes (Comandante Waterford), Yvonne Strahoski (Mrs. Waterford), Ann Dowd (Zia Lydia). Ma la presenza di Elizabeth Moss nel ruolo di Offred non può non meritare una menzione particolare. Soprattutto in virtù dell’incredibile magnetismo esercitato dall’attrice, una presenza scenica disarmante e in grado di bucare lo schermo. Come già le era capitato nei panni di Peggy Olsen in Mad Men, la Moss riesce a interpretare magistralmente il volto della fragilità e dell’austerità incarnato da Offred e, al tempo stesso, quello della femme fatale, nel momento in cui si libera della tunica da ancella. Il tutto abbinato a una vasta gamma espressiva, capace di coprire ogni singola sfumatura emotiva che il personaggio le richiede.

Trailer
Social
Articoli e Recensioni