in

The Big Bang Theory: Kunal Nayyar parla a cuore aperto dei «momenti bui» legati all’ansia

The big bang theory

The Big Bang Theory, la famosissima sitcom ideata da Chuck Lorre e Bill Prady, si è conclusa definitivamente ormai più di un anno e mezzo fa e sentiamo già la sua mancanza. Il longevo show durato ben 12 anni ha lasciato un piccolo vuoto nei cuori dei tanti fan, che possono però continuare a seguire i loro attori preferiti che si stanno cimentando in altri interessanti progetti lavorativi. Ad esempio Jim Parsons e Mayim Bialik (rispettivamente Sheldon Cooper e Amy Farrah Fowler di The Big Bang Theory) lavorano di nuovo l’uno affianco all’altro per una nuova serie tv dal titolo Call me Kat, nonostante Mayim pensasse che il collega non avrebbe più voluto lavorare con lei. Mentre Kaley Cuoco, che nella sit-com vestiva i panni di Penny, è la protagonista e anche produttrice di una nuovo show intitolato The Flight Attendant che ha debuttato su HBO Max. Kunal Nayyar, l’attore che in The Big Bang Theory interpretava Raj Koothrappali, ha fatto parte del cast della serie Criminal U.K. e la seconda stagione è uscita da poco su Netflix. Egli inoltre ha recentemente rilasciato un’intervista con dichiarazioni forti sulla sua vita privata e salute psichica.

Kunal Nayyar ha raccontato di aver avuto dei “momenti bui e attacchi di panico” in passato, anche nel periodo in cui lavorava a The Big Bang Theory.

Ne ha parlato durante il podcast Breakdown, dove era ospite insieme alla sua ex co-protagonista Mayim Bialik: “Quando ho iniziato a lottare con la mia salute mentale ho passato dei momenti molto bui, è per me è stato davvero scioccante”. La star di The Big Bang Theory ha raccontato di aver avuto il primo vero attacco di panico all’età di 30 anni, mentre stava guidando in autostrada in compagnia. “Non sapevo cosa fosse”, ha spiegato, ma “Da allora ho dovuto combattere una sorta di battaglia contro il panico o l’ansia. Ho semplicemente detto, ‘Oh, c’è molto traffico davanti’, perché ero solo imbarazzato. […] È finita così male che non riuscivo nemmeno a guardare le chiavi della mia macchina senza sentirmi nel panico, e poi ho capito che qualcosa non andava.”

Mayim Bialik, interprete di Amy Farrah Fowler, ha mostrato di comprendere le sensazioni del collega e ha commentato così, continuando il discorso dell’ex-collega: “Questo è davvero un ottimo modo per definire un attacco di panico, non sai cosa sia.” L’ex attore di The Big Bang Theory ha poi intrapreso un percorso con un ipnoterapeuta che lo ha aiutato molto nell’affrontare le sensazioni di panico e ansia improvvise. Ma trattare questo tipo di disturbi non è sempre facile e spesso è difficile liberarsene del tutto. Infatti all’improvviso la problematica di Kunal Nayyar si è ripresentata: stavolta però non stava guidando, ma si trovava in un ascensore. “È successo di nuovo come in autostrada” – racconta – “ed è allora che ho capito che qualcosa non andava [di nuovo]. Erano passati cinque anni dall’inizio della terapia. Puoi avere una vita bella e spirituale, ma ad un certo punto puoi sentirti di nuovo triste, depresso e in preda al panico.”

I disturbi di ansia sono una problematica molto comune che coinvolge milioni di persone in tutto il mondo. Purtroppo può essere difficile parlarne e ammettere di soffrirne. Per questo Kunal Nayyar ha concluso il discorso lanciando un messaggio positivo per tutti coloro che hanno provato le sue stesse sensazioni: “Non c’è vergogna in tutto questo, non c’è vergogna nel sentirsi ansiosi, non c’è vergogna nel provare stress, non c’è vergogna nel provare panico”.

Non possiamo che augurare a Kunal Nayyar di superare al meglio queste problematiche, come del resto succede al suo personaggio, Raj, in The Big Bang Theory.

Scritto da Sofia Apa

Cerco sempre rifugio nei libri e nelle serie tv, sono la mia medicina e non esiste niente di meglio, eccetto scrivere.

Mandy Moore

Mandy Moore, star di This Is Us, ha avuto un figlio

netflix

Netflix ha una nuova funzione per guardare film e Serie Tv offline in modo «intelligente»