in

La Casa de Papel: il regista ha spiegato le motivazioni dietro la sconvolgente morte della quarta stagione

La Casa de Papel sta per chiudere i battenti con l’attesissima quinta stagione, che è stata anticipata da un trailer davvero esplosivo. La serie tv, creata da Alex Pina, presto concluderà con un grandioso epilogo la storia della banda del Professore. La prima parte della nuova stagione arriverà il 3 settembre sulla piattaforma di streaming Netflix, mentre gli ultimissimi episodi saranno disponibili a partire dal 3 dicembre. Gli attori hanno già iniziato a dire addio ai personaggi che li hanno resi celebri e a ringraziare i fan del sostegno che gli hanno dato in questi anni. Anche Pedro Alonso, l’attore che ha interpretato il ruolo di Berlino, ha voluto omaggiare serie tv con un video e un disegno. Mentre i fan fanno il conto alla rovescia per i nuovi episodi, sono trapelate online le foto della nuova stagione che sembrano anticipare uno scontro della banda con l’esercito. Nel frattempo il regista e produttore esecutivo Jesús Colmenar è tornato a parlare di uno dei momenti della quarta stagione che più ha scioccato i fan.

Ovviamente se non avete visto ancora La Casa de Papel 4 non continuate a leggere perché potreste trovare degli spoiler.

Negli ultimi episodi della quarta stagione abbiamo assistito alla morte di uno dei personaggi più amati de La Casa de Papel. Nairobi, la simpatica e determinata falsaria interpretata da Alba Flores, è stata assassinata dal capo delle guardie del corpo del Governatore della Banca di Spagna. La ragazza era già sopravvissuta a una terribile trappola che le era stata tesa dalla terribile Alicia Sierra. L’ispettrice di polizia le aveva fatto credere di aver trovato suo figlio solo per farle abbassare la guardia e per permettere a un cecchino di spararla. Dopo che i suoi compagni sono riusciti a curarla e a farla sopravvivere, purtroppo la ragazza è stata trovata da Gandía e l’incontro le è stato fatale. L’uomo, braccato dalla banda del Professore, ha minacciato di uccidere Nairobi e ha chiesto di poter tornare incolume alla panic room. Il gruppo ha accettato di stringere un accordo con lui, ma l’uomo non ha mantenuto la parola data. Dopo aver usato Nairobi come uno scudo umano, infatti, prima di allontanarsi, le ha sparato un colpo in testa, uccidendola sul colpo. La sequenza in cui la povera Nairobi ha perso la vita ha spezzato il cuore dei fan de La Casa de Papel. Gli spettatori speravano che, una volta diventata ricca, la ragazza avrebbe potuto ricongiungersi con il figlio e iniziare una nuova vita, come aveva sempre sognato.

A quanto pare però la morte di Nairobi era necessaria per introdurre la gloriosa nuova stagione.

In un’intervista rilasciata a Variety il regista e produttore esecutivo Jesús Colmenar ha detto, infatti, che Nairobi non sarebbe stata affatto adatta per la terribile resa dei conti che avrà luogo nei nuovi episodi. “Non è stata chiamata per questo” ha aggiunto. Nelle puntate che arriveranno a settembre su Netflix ora i protagonisti combatteranno senza remore per vendicare i loro compagni che sono stati uccisi. Colmenar ha affermato anche che la decisione di uccidere uno dei personaggi più amati nella quarta stagione serviva anche a destabilizzare lo spettatore e ad aumentare la suspance. In questo modo ora abbiamo capito che nessuno è davvero al sicuro. Ha detto:

“Penso che aggiunga slancio ai nostri personaggi. Uccidiamo i nostri personaggi e penso che aggiunga tensione, ed è una buona cosa non essere in grado di sapere cosa succede. Penso che contribuisca a far credere che tutto può accadere e questo contribuisce all’elemento sorpresa.”

E infatti dopo aver assistito all’uccisione di Nairobi, non sappiamo davvero cosa aspettarci dai nuovi episodi. Possiamo immaginare però che quando la violenza raggiungerà il culmine, in molti perderanno la vita. Dobbiamo prepararci quindi a un finale emozionante che ci farà versare molte lacrime. D’altra parte anche Úrsula Corberó ha pianto, mentre stava lavorando agli ultimi episodi. L’attrice che ha interpretato Tokyo, infatti, ha ammesso in un’intervista a Harpers Bazaar di essersi commossa durante le riprese. Ha raccontato:

“Ricordo che non riuscivo a smettere di piangere durante le riprese di ogni scena. Avevo un dolore allo stomaco perché mi sono successe un sacco di cose folli grazie a questo show. La mia vita è cambiata e mi sento grata e orgogliosa. … Mi mancherà tanto Tokyo, ma allo stesso tempo penso che farà parte di me per sempre”.

E noi non vediamo l’ora di poter guardare finalmente il finale de La Casa de Papel.

Scritto da Marilisa Di Maio

Classe 95, laureata in "Lettere Classiche". Adoro le serie comedy e i dramma che ti strappano il cuore, senza alcuna via di mezzo. Il mio sogno sarebbe quello di avere la motivazione e l'ottimismo di Leslie Knope, ma mi sveglio ogni mattina con la stessa voglia di vivere di April Ludgate...

Dark

5 cose nonsense di Dark