in

«Il mio Ditocorto non l’avrebbe mai fatto», parola di George R.R. Martin

La storia di Ditocorto, come tante altre storie dell’universo di Game of Thrones, avrà uno svolgimento diverso nei libri rispetto allo show della HBO. Lo ha assicurato G.R.R. Martin, che ha spiegato perché Petyr Bealish non potrà comportarsi nei romanzi così come ha fatto nella serie. C’è un punto, in particolare, che è stato molto dibattuto dai fan e che ci riporta alla quinta stagione. Sansa è appena fuggita da Approdo del Re insieme a Ditocorto e i due hanno raggiunto Nido dell’Aquila, dove Lysa Arryn, zia di Sansa, governa come reggente su tutta la Valle nell’attesa che suo figlio Robin raggiunga la maggiore età. Ma lo scopo di Sansa – e anche quello di Ditocorto – è riprendersi il Nord, finito nelle mani dei Bolton.

Dalla quinta stagione in avanti, Game of Thrones imbocca una strada diversa da quella dei romanzi di Martin.

game of thrones

Nello show, gli sceneggiatori decidono che sarà proprio Bealish a consegnare Sansa a Ramsay Bolton. Perché lo fa? I fan si sono interrogati a lungo sulla questione. Il personaggio di Ditocorto è stato costruito come un fine conoscitore delle famiglie nobili di Westeros, possibile che non sapesse a chi stava affidando la figlia della sua amata Catelyn? Seguendo questa logica, il protettore di Sansa avrebbe dovuto sapere che Ramsay poteva rappresentare una grossa minaccia per la ragazza. Dopo essere sfuggita dalle sue grinfie, la giovane Stark affronta Ditocorto, chiedendogli quello che ogni fan avrebbe voluto chiedergli: “Sapevi di Ramsay? Se non lo sapevi, sei un idiota. Se lo sapevi, sei mio nemico.” Entrambe le opzioni, l’idiota e il nemico, sembrano però stare strette a un personaggio come Lord Bealish.

Almeno stando a quello che aveva in mente Martin.

La verità, secondo i produttori dello show, è che Ditocorto sapeva chi erano i Bolton, ma non avrebbe potuto immaginare che il bastardo di Roose fosse tanto sadico e folle. Gli sceneggiatori, tuttavia, si sono allontanati dai romanzi per una ragione molto più semplice. Nelle pagine di Martin, Sansa Stark resta nella Valle in attesa di riprendersi il Nord, mentre Ditocorto dà in sposa a Ramsay, spacciandola per Arya, la giovane Jeyne Poole, la ragazzina di Grande Inverno amica di Sansa, che nello show appare solo nella prima stagione e poi sparisce.

Non avevano Jeyne e hanno usato Sansa. È meglio o peggio? Sta a voi decidere. Stranamente, non ho mai ricevuto critiche nel libro perché a nessuno importava così tanto di Jeyne Poole, mentre a tutti importa di Sansa.

In un’intervista recente per il libro Fire Cannot Kill a Dragon, in cui l’autore James Hibberd ricostruisce la storia della serie tv Game of Thrones, Martin ha dichiarato:

Il mio Ditocorto non avrebbe mai consegnato Sansa a Ramsay. Mai. È ossessionato da lei. Metà delle volte pensa che sia la figlia che non ha mai avuto – che vorrebbe averlo avuto, se avesse sposato Catelyn. E metà delle volte pensa che sia Catelyn, e la vuole per sé. Non la darà a qualcuno che le farebbe cose cattive. Sarà molto diverso nei libri.

LEGGI ANCHE – Game of Thrones, 20 luoghi comuni da sfatare

Written by Serena Verrecchia

Esistono milioni di storie al mondo, preziose e inimitabili. Il nostro compito è solo quello di scovarle, portarle in superficie e imparare ad amarle.
Scrivo di serie tv per un insopprimibile desiderio di bellezza, perché nelle storie, specie in quelle belle, ho trovato il mondo che vorrei.

The Stand: Stephen King parla della differenza tra il suo virus “Capitan Trips” e il Coronavirus

Band of Brothers: sono stati svelati i primi dettagli del sequel!