in

Friends – Agli attori non è piaciuto lavorare con Jean Claude Van Damme

Friends
Friends

Friends tornerà presto nelle case di tutti gli appassionati di questa sitcom che, negli anni Novanta, ha rappresentato nel bene o nel male un punto di riferimento per tutte le serie tv di genere comedy venute dopo. Da tempo si parla di una reunion del cast e di una sorta di stagione speciale, più volte rimandata a causa della pandemia: qui vi abbiamo dato gli ultimi aggiornamenti sull’atteso revival di Friends. Negli anni si sono svelati diversi altarini intorno alla serie: ad esempio i disagi di Cole Sprouse sul set, per colpa di Jennifer Aniston. O gli scherzi che gli attori si facevano: qui vi abbiamo parlato dello scherzo fatto da David Schwimmer a Jennifer Aniston.

Proprio Jennifer Aniston, insieme alla collega Courteney Cox, è la protagonista dell’ennesimo altarino svelato dietro a una delle serie di maggior successo in ambito comedy. Pare che le attrici non abbiano affatto gradito lavorare con Jean Claude Van Damme, che è comparso in Friends nei panni di se stesso nella puntata The One After the Superbowl: Part 2.

Nell’episodio, Monica, Courteney Cox e Rachel, Jennifer Aniston incontrano Van Damme sul set di un film. A seguito di un malinteso, i due finiscono per contendersi l’attenzione dell’eroe dei film d’azoine. Nonostante Phoebe (Lisa Kudrow) faccia del suo meglio per sottolineare che Rachel e Monica sono ridicole, le ragazze trascorrono la maggior parte dell’episodio mettendo Van Damme su un piedistallo. È solo quando la star di Street Fighter suggerisce un rapporto a tre che entrambi decidono di scaricarlo. 

Ripensando a The One After the Superbowl, in occasione del 25° anniversario dell’episodio, il regista ha rivelato che Van Damme non si è coperto esattamente di gloria durante il suo breve periodo sul set di Friends. In un’intervista a THR, il regista Michael Lembeck ricordato che Van Damme era abbastanza difficile da gestire sul set. Il regista descrive l’attore, conosciuto per i film d’azione, come impreparato e poco professionale.

Ma, e questo è l’aspetto più preoccupante della vicenda, Lembeck ha rivelato un momento sul set in cui Van Damme ha messo a disagio sia Aniston che Cox. Nelle scene bonus che non sono state trasmesse nell’episodio originale, Van Damme bacia Rachel e Monica. Secondo Lembeck, le riprese non sono andate così lisce. Ecco cosa ha dichiarato il regista:

“Era impreparato e arrogante. Ma questa è la storia che voglio condividere: per primi abbiamo girato lui e Jennifer. Lei, dopo aver girato, si avvicina a me e dice: “Lem, mi faresti un favore e gli chiederesti di non mettermi la lingua in bocca quando mi bacia?”. A lui dico che è tutto fantastico ma che abbiamo girato una scena troppo ravvicinata quindi forse non la inseriremo. Poi giriamo una scena più tardi con Courteney. Ecco Courteney che cammina verso di me e dice: “Lem, puoi dirgli per favore di non mettermi la lingua in bocca?” Non potevo crederci! Ho dovuto dirglielo di nuovo, ma un po’ più deciso”.

A onor di cronaca, questi sono i ricordi del regista dell’episodio di Friends “incriminato”: ma nessuna delle due attrici si è espressa in merito. Può essere che ricordi male o che abbia dato eccessiva importanza a un piccolo incidente sul set: ma è un esempio interessante di come le dinamiche di potere possano infiltrarsi all’interno di un set, anche se già famoso come quello di Friends, e un attore celebrato e famoso possa credersi al di sopra delle più elementari leggi e norme sociali.

Van Damme, come Julia Roberts, anche lei ospite dello stesso episodio, era probabilmente un nome più grande all’epoca dei sei attori principali dello show. Il cameo di Jean Claude Van Damme ricorda che ci possono essere molti esempi in cui gli artisti intenzionalmente e involontariamente superano il limite, anche in serie conosciute e amate come Friends.

Written by Giulia Vanda Zennaro

In un mondo popolato da Khaleesi, osa essere una Cersei Lannister.

Katherine Heigl torna a parlare del suo rapporto con Hollywood: «Potrei aver detto cose che non sono piaciute»

Unbelievable: la verità è invisibile alla legge