in

Dawson’s Creek – Sony riacquista finalmente i diritti per l’iconica sigla

Dawson's Creek
Dawson's Creek

Una delle serie cult più amate degli anni ’90 è senz’altro Dawson’s Creek, che attualmente è disponibile sulla piattaforma streaming Netflix. La serie televisiva creata da Kevin Williamson ha debuttato nel 1998 e ha funzionato per ben sei stagioni; la storia seguiva un gruppo di adolescenti mentre sperimentavano le prove e le tribolazioni della giovane età adulta a Capeside High e, in seguito, all’università. Malgrado siano passati vent’anni dal suo debutto e ben diciotto dalla sua conclusione, i fan continuano a sperare in un revival dello show.

Dawson’s Creek nel corso dei suoi anni è stata anche un importante trampolino di lancio per alcuni giovani membri del cast, tra cui James Van Der Beek, Katie Holmes, Joshua Jackson e Michelle Williams, i quali continuano ad avere una brillante carriera all’interno del mondo di Hollywood.

Dawson’s Creek sta tornando alle origini

I fan di Dawson’s Creek erano estasiati quando il dramma adolescenziale è stato finalmente reso disponibile sulle piattaforme di streaming. Tuttavia, c’è stato un intoppo che gli spettatori di lunga data si sono trovati ad affrontare sin da subito: la sigla introduttiva era stata cambiata.
L’iconico successo di Paula ColeI Don’t Want to Wait” è stato il tema dello show per tutta la sua corsa originale, ma è stato cambiato in “Run Like Mad” di Jann Arden quando il dramma è apparso sullo streamer Netflix. La ragione di questo cambiamento risiedeva in un accordo di licenza temporaneo con Sony che consentiva allo show di utilizzare la canzone di Cole solo per cinque anni. Da quando lo show è stato reso disponibile in formato digitale, i fan hanno utilizzato i social media per fare campagne per il ripristino del tema originale che ha reso Dawson’s Creek una serie iconica.

Fortunatamente, non è più così: come riportato dal New York Times, Sony ha stretto un accordo con Paula Cole per far rivivere la sigla originale di Dawson’s Creek su tutte le piattaforme di streaming. A tal fine, Cole ha registrato nuovamente un master per “I Don’t Want to Wait” e quindi ha negoziato un contratto per l’utilizzo in streaming della nuova registrazione. Questo cambiamento è avvenuto, in parte, a causa della viva lotta dei fan per riportare il tema originale nella intro della serie televisiva.
Cole ha dichiarato:

Ai fan importa davvero e ne sono davvero sconvolti. Mi taggano in ogni post. È prolifico“.

Paula Cole stessa è sollevata, e ha spiegato che sente che questo sia un segno di vendetta non solo per lei e per i fan, ma per tutti gli artisti che sono caduti preda di accordi di licenza simili che non si adattano alla nostra era digitale in continua evoluzione. Sony non ha ancora confermato o negato questo nuovo accordo siglato.

Prima della nostra attuale era di supremazia dello streaming, era raro che una casa discografica emettesse (o acquistasse una serie televisiva) licenze perpetue per la musica.
A quel tempo, anche prima che i cofanetti di DVD diventassero popolari, queste licenze perpetue erano molto più costose di quelle a breve termine. Ciò ha portato molti altri programmi a dover cambiare le loro canzoni poiché le proprietà televisive sono entrate nella nostra era di visione digitale. L’accordo dell’artista con Sony può essere un precedente positivo per gli artisti che cercano di superare le scappatoie di questi accordi di licenza per mantenere la loro arte sinonimo della serie televisiva di successo con cui hanno collaborato. Se questo dovesse aiutare più artisti sarà una ricaduta interessante per il futuro. Per ora, i fan di Dawson’s Creek possono rallegrarsi che il loro amato show stia tornando com’era, come dovrebbe essere.

Scritto da Silvia Nunnari

Ho deciso che fra una serie televisiva ed un'altra, sorseggiando vino con Cercei Lannister ed Olivia Pope, di riempire il web con la mia scrittura.

anna

Anna: la recensione della struggente Serie Tv Sky di Niccolò Ammaniti

Ad Anthony Hopkins non è stato permesso di fare il discorso di accettazione agli Oscar