in

10 buoni motivi per odiare Chuck Bass

Chuck Bass

“I’m Chuck Bass”. Una frase che solo chi ha visto la Serie Tv da cui proviene può sapere cosa vuol dire… E forse anche chi non l’ha mai vista.

La verità è che in molti hanno visto Gossip Girl, altri ancora ne hanno sentito parlare, ma è difficile trovare qualcuno, in entrambi i casi, che non sappia chi sia Chuck Bass. Il più delle volte, infatti, la risposta è “Ah, sì! Quello che sta con Blair!”.

Se conosco un minimo le fan della Serie Tv, posso dire con assoluta certezza che adoravano il suo personaggio. Io per prima ero tra di loro, ma oggi posso dire che forse Chuck Bass non è esattamente il modello di uomo che una donna vorrebbe avere accanto.

Non posso negare che fosse affascinante, né tanto meno che avesse quel certo modo di fare che di frequente sul genere femminile fa presa. Ma spesso noi spettatrici abbiamo nascosto ai nostri occhi dei tratti che ci porterebbero ad odiarlo, più che ad amarlo. 

Però si sa, l’amore è cieco. A distanza di anni, comunque, ho attivato il mio terzo occhio psichico messicano e, in pieno stile Santana Lopez, sono andata ad analizzare i tratti negativi di Chuck Bass.

Preparatevi, quindi, a vedere quali sono i dieci motivi per cui siamo di fronte a un personaggio da odiare, o per lo meno da non apprezzare totalmente.

Magari qualcuno di voi li considererà delle ovvietà, mentre altre potranno risultare una sorpresa. In ogni caso, lascio a voi posteri la sentenza, e se doveste trovare altri motivi per non apprezzare Chuck Bass, oltre ai miei, beh, non esitate a farmelo sapere!

Ma basta perderci in chiacchiere! Cominciamo!

1) Un’arroganza senza fine

Chuck Bass

Provo a pensare in maniera del tutto razionale, e vi chiedo: sono più le volte in cui Chuck Bass si è rivelato un ragazzino o più quelle in cui si è dimostrato un uomo maturo e responsabile? Se la vostra prima risposta è la seconda opzione, evidentemente non avete notato determinati tratti caratteriali di evidente importanza.

Sappiamo che Chuck Bass è di famiglia ricca, e di conseguenza sembra aver sempre avuto ciò che vuole, nella vita. Dev’essere per questo, quindi, che insiste, ogni volta che può, a guardare gli altri con aria di superiorità. E purtroppo questo è un tratto che non si perde. Tra la sua giovinezza e l’età adulta, questo fattore rimane. Può essere un po’ più assennato, forse, ma resta decisamente arrogante.

Written by Elena Di Stasio

Ho studiato presso la Constance Billard School for Girls, e sono stata proprio io a scegliere Blair Waldorf come mia erede in quella scuola. In effetti, era la migliore delle mie tirapiedi.
All'università ho scelto di studiare per un periodo alla NYADA, ed ero l'allieva preferita di Cassandra July! Ma ho scoperto che scrivere e recensire sono le mie vere passioni. Ultimamente ho viaggiato fino a Westeros, e da poco mi sono appassionata ai viaggi nel tempo e nello spazio. Non so dove mi porterà il futuro, ma sarò lieta di tenervi aggiornati, dovunque andrò!

Ryan

Ryan O’Reily, la costante di Oz

Castelvania

Castlevania – Perché avere fiducia