Vai al contenuto
Home » Cobra Kai » 7 curiosità su Thomas Ian Griffith, il magnetico Terry Silver di Karate Kid e Cobra Kai

7 curiosità su Thomas Ian Griffith, il magnetico Terry Silver di Karate Kid e Cobra Kai

Attenzione! Il seguente articolo su Thomas Ian Griffith contiene spoiler su Cobra Kai

Quando abbiamo saputo che avrebbero prodotto Cobra Kai, serie tv sequel dei famosissimi film anni ’80 di Karate Kid, ci siamo emozionati come dei bambini il giorno di Natale. Forse eravamo un po’ scettici, avevamo paura di ritrovarci davanti un prodotto che puntasse solo ed esclusivamente sul cosiddetto “effetto nostalgia”, eppure eravamo tremendamente impazienti di sapere cos’avrebbero inventato e che fine aveva fatto il nostro buon vecchio Daniel San.

Qualche mese fa, quando è stato rilasciato il trailer della quarta stagione di Cobra Kai, abbiamo scorto un piccolo particolare che ci ha fatto fare dei nuovi salti di gioia: un codino molto familiare, che subito ci ha riportato alla memoria lo spietato personaggio interpretato da Thomas Ian Griffith, ossia il magnetico Terry Silver.

Durante la quarta stagione, rilasciata meno di un mese fa, abbiamo appunto rivisto il personaggio “tornare all’attacco” accanto a John Kreese, ma anche mostrarsi ancora una volta incredibilmente spietato e feroce. Ritrovare sui nostri schermi il volto di Thomas Ian Griffith, tuttavia, ci ha ovviamente invogliati a cercare qualche curiosità su di lui. Ecco cos’abbiamo trovato!

1) È più piccolo di Ralph Macchio

thomas ian griffith ralph macchio

Esatto, è proprio così. Thomas Ian Griffith è infatti nato il 18 marzo del 1962, mentre Ralph Macchio (che in Karate Kid e Cobra Kai presta il volto al protagonista Daniel LaRusso) è invece nato il 4 novembre del 1961! Insomma, che Ralph abbia il magico potere di non invecchiare è ormai un fatto noto non soltanto tra i fan della serie, ma mai avremmo immaginato che Griffith fosse addirittura più piccolo di lui.

Ciò che ci lascia più perplessi è sicuramente ripensare alle vecchie scene di Karate Kid in cui i due apparivano insieme: ai nostri occhi sembravano realmente un maestro e un ragazzino alle prime armi, ma in realtà non era affatto così!

2) Ha lavorato a Broadway

thomas ian griffith

Thomas Ian Griffith è conosciuto principalmente proprio grazie al ruolo interpretato in Karate Kid e per aver prestato il volto ad altri personaggi in varie pellicole televisive (Vampires e xXx, per esempio), ma ciò che non tutti sanno è che in realtà il successo è arrivato già mentre era soltanto uno studente.

Mentre era ancora a scuola, infatti, Griffith è stato scelto per lo spettacolo di Broadway “The Best Little Whorehouse in Texas” e ha continuato a lavorare sia a Broadway che nel teatro regionale, fino al momento in cui si è trasferito a Los Angeles per il suo primo ruolo televisivo: Karate Kid III – La sfida finale.

3) È davvero un esperto di arti marziali

karate kid

Non è un esperto di arti marziali soltanto nella finzione, ma anche e soprattutto nella realtà! Thomas Ian Griffith ha infatti imparato il Taekwondo, il Kenpo Karate e il Kick Boxing dai migliori maestri. Queste le sue parole a tal proposito:

“Il karate è stato una parte importante della mia vita. Ho imparato la disciplina e l’ho studiato per tutto il liceo. Successivamente ho continuato sempre in qualche modo ad allenarmi”

4) Si è rotto una costola durante le riprese di Karate Kid

karate kid

A quanto pare le lotte che c’erano (e ci sono ancora) tra il Cobra Kai e il Miyagi-Do Karate non sono rischiose soltanto per i personaggi che fanno parte dei due dojo, ma anche per gli attori che si cimentano nelle varie mosse acrobatiche che ci tengono con gli occhi incollati allo schermo.

Pare infatti che durante le riprese di Karate Kid, il maestro Loren Avedon abbia accidentalmente rotto una costola a Griffith durante gli allenamenti per il film!

5) Si è ritirato dalla recitazione per anni

thomas ian griffith

Il nostro Thomas Ian Griffith si è ritirato dalla recitazione per ben 14 anni, nel 2007, tornando sugli schermi soltanto grazie al personaggio di Terry Silver in Cobra Kai! Nel frattempo, tuttavia, non è ovviamente stato fermo: ha lavorato come sceneggiatore di serie televisive e fumetti e ha collaborato spesso con John Carpenter per la stesura di spin-off e seguiti di fumetti. Insomma, come possiamo ben notare Griffith non è mai stato “soltanto un attore”!

6) Gli hanno chiesto di non tagliare i capelli per girare Cobra Kai

thomas ian griffith

Uno degli aspetti che sicuramente caratterizza il personaggio di Terry Silver è il suo immancabile codino, che abbiamo visto tanto in Karate Kid quanto ovviamente in Cobra Kai. Sembra proprio che siano stati gli autori a chiedere a Griffith di non tagliare assolutamente i capelli! Queste le sue parole a tal proposito:

“Nella prima videocall con i creatori dello show ero a casa che stavo lavorando a un progetto di scrittura. Loro mi hanno detto di non tagliare i capelli fino all’inizio delle riprese. Eravamo all’inizio della pandemia e non ho avuto difficoltà a far ricrescere il codino

7) Non considera Karate Kid III un film “perfetto”

karate kid

Nonostante sia stata la sua prima vera esperienza in ambito televisivo e sia molto affezionato al film e al personaggio di Terry Silver, Thomas Ian Griffith è consapevole che Karate Kid III non sia il migliore della trilogia, anche se è molto fiero di aver preso parte al progetto.

“Quanto a me, ero appena arrivato a Los Angeles da New York, e John Avildsen diede una possibilità a un attore sconosciuto. Non è assolutamente un grande film, ma ancora oggi sono orgoglioso del mio lavoro perché sono stato abbastanza coraggioso da non trattenermi. Avildsen continuava a spingermi a farlo. E questa era una cosa rischiosa da fare come attore, in un progetto che era già consolidato. Per me è stata un’esperienza positiva, ma non avevo il peso dei film precedenti. In parte ha funzionato e in parte no, ma ho avuto le palle di buttarmi, cosa di cui mi rendo conto”

Leggi anche: Non soltanto Thomas Ian Griffith – 7 curiosità su Ralph Macchio, l’eterno Daniel LaRusso di Cobra Kai