in

Nadine Cross è davvero così cattiva?

The Stand
#
#

Chi ha letto il romanzo, da cui la serie tv The Stand è tratta, sa bene che Nadine è forse uno dei personaggi femminili più complicati creati da Stephen King. Nadine è una donna affascinante, consapevole della propria sessualità, dotata di poteri sovrannaturali e connessa al demonio in persona, Randall Flagg (di cui presto sarà adattato per la televisione un racconto del 1987). Un personaggio in cui si può trovare una eco di quella Lady Macbeth, terribile, spietata e assetata di potere. Contemporaneamente, però, Nadine non è la maga terrificante e insensibile che la tradizione ci ha trasmesso. Non è del tutto Lady Macbeth, nella misura in cui a spingerla non è la sete di potere o vendetta ma la convinzione che non esista altra via per lei.

#
#

Nadine è vittima di Randall Flagg, è vittima del destino ed è vittima di se stessa: la sua più grande scelta sbagliata è credere di non avere scelta.

In The Stand, Nadine fa la parte della cattiva. Seguendo gli ordini di Flagg e tesa verso il male, la donna collabora con Harold e insieme costruiscono una bomba con il chiaro intento di fare del male agli abitanti della Free Zone. Poco importa che tra loro ci siano persone innocenti. L’obiettivo di Nadine è uno solo: ricongiungersi con Flagg. Per farlo è disposta a qualsiasi cosa. Nell’ultimo episodio ritroviamo il suo personaggio in viaggio verso New Vegas, dove Randall l’aspetta. Durante il tragitto, Nadine getta fuori strada Harold provocandogli così delle ferite molto profonde e lasciandolo solo, in balia della morte (che non tarda a sopraggiungere). Nadine prova pietà, può non sembrare chiaro dall’interpretazione di Amber Heard ma quel sentimento è lì. Una parte di lei è sinceramente dispiaciuta per quello che è accaduto e anche noi spettatori possiamo scorgere dei tratti di lucidità che però non fanno breccia.

The Stand

Durante il primo agognato amplesso con Randall Flagg, Nadine scorge la sua vera natura demoniaca ma questo non basta per dare il via a un reale cambiamento. I fan del libro storceranno il naso qui, perché nel romanzo Nadine ha una vera e propria epifania, capisce finalmente ciò che è accaduto e come conseguenza cade in uno stato catatonico. In The Stand, niente di tutto questo succede. Nadine segue Flagg a New Vegas, incinta e serena. La serie ha deciso per un’altra strada che può non soddisfare pienamente i lettori ma conserva, tuttavia, un certo fascino. Nell’ultima scena, Larry, Glen e Ray sono giunti a New Vegas ma la Nadine che dà loro il benvenuto non è affatto quella che è stata mostrata allo spettatore fino a poco prima.

#
#

Niente più capelli color chiaro di luna o labbra rosse e carnose. Solo un cadavere con il volto di Nadine, la cui vita sta venendo risucchiata tutta dal mostro che cresce dentro lei.

The Stand

La spirale che porta Nadine nell’oscurità inizia quando è ancora piccola. Senza genitori, sola e impaurita, diventa il bersaglio perfetto. Il suo personaggio è convinto, per tutta la vita, di non avere scelta, di essere destinato al diavolo e che la sua condanna sia intrinsecamente legata alla sua verginità. Nadine, però, può deviare dal percorso. A un certo punto, infatti, la donna diventa consapevole delle proprie azioni e sa che andando a letto con Larry si libererà di Flagg, paradossalmente infatti la sua verginità rappresenta sia una condanna che una possibile via di fuga. Il problema, però, consiste nel credere che solo attraverso il sesso possa essere libera.

Quando infatti Larry la rifiuta, Nadine sprofonda definitivamente nell’oscurità rassegnandosi al suo destino. Bisogna tenere conto di tutto questo per poter comprendere meglio il suo personaggio.

SPOILER Nel libro, alla fine, la donna comprende la gravità delle sue scelte e realizza che, a prescindere dal donare la sua verginità a Larry, ha la possibilità di fare una scelta. In questo momento rivelatorio, Nadine trova la sua redenzione morendo da donna libera. FINE SPOILER

The Stand

Che cosa possiamo aspettarci dagli ultimi episodi di The Stand? Per chi ha letto il romanzo (anche se King ha da poco pubblicato un finale alternativo di The Stand, leggete qui) sa bene come andrà a finire la storyline di Nadine eppure la serie ha già dimostrato di essere allontanata dal materiale originario. Nadine è incinta del bambino-demone di Flagg, non è cosciente di quello che le sta accadendo o di come si mostra al mondo. Ciò che vede è un’illusione, una delle tante con cui Randall Flagg l’ha tenuta legata a sé impedendole di vedere. Una redenzione finale sembra quindi qualcosa che possiamo davvero augurarci per questa donna così complessa e vittima innanzitutto di se stessa.

Leggi anche: The Stand – Stephen King parla della differenza tra i suo virus “Captain Trips” e il Coronavirus

Scritto da Serena Faro

Ho attraversato gli oceani del tempo a bordo del TARDIS, ho viaggiato in macchina con Sam e Dean a caccia di mostri, sono arrivata tardi ad un matrimonio a Westeros (meno male) così mi sono diretta a Storybrooke per poi salpare con il capitano Flint. Ho visitato la Londra dei "penny dreadfuls" e la New York dei "mad men". Mi sono ritrovata su un'isola un po' particolare, in attesa di una nuova avventura.

wandavision

WandaVision oggi è la serie più popolare al mondo

13 Reasons Why voleva il titolo di teen trama più disturbante, poi è arrivata Euphoria