in

Le 4 battaglie più strategiche delle Serie Tv

Personalmente ho sempre amato le scene di battaglia. Quando ero un quindicenne fomentato, spesso erano le uniche scene che vedevo dell’intero film, andando in stato catatonico per il resto della storia. Ora però sono cresciuto. Ossia guardo le scene di battaglia delle Serie Tv, oltre che dei film. Del resto ormai le Serie Tv sono realizzate con un livello tecnico che non ha nulla da invidiare a quello cinematografico e spesso il budget che viene speso consente di realizzare scene di folla impressionanti.

Ma la cosa che più mi interessa di una battaglia è capire le strategie che ci sono dietro: come si fa a vincere sulla complessa scacchiera che si ha davanti, quali mosse e quali trucchi eseguire. Ora, purtroppo il novanta per cento delle battaglie vengono vinte dall’arrivo improvviso della cavalleria e non da una strategia complessa che porta a rovesciare le sorti di uno scontro.

Questo toglie un po’ di fascino e di realismo; del resto nella storia dell’umanità le volte in cui è arrivata la cavalleria a togliere le castagne dal fuoco a uno degli schieramenti si contano sulle dita di una mano.

Ma vediamo quali sono, secondo me, le battaglie più strategiche delle Serie Tv.

1) Olocausto Cylone (Battlestar Galactica)

A distanza di anni dalla chiusura di Battlestar Galactica, è ancora una delle battaglie più impressionanti che abbia mai visto. Non tanto per la resa visiva stavolta, gli effetti speciali dell’epoca purtroppo sono invecchiati male (ma non malissimo).

È la battaglia col maggior numero di morti della storia di film e Serie Tv, per intenderci: la popolazione di dodici pianeti sterminata in poche ore. Come? Con una strategia decisamente efficace.

Forze in campo: l’umanità ha l’intera flotta stellare e poi una vecchia nave scassata ormai in disarmo, ossia il Galactica, oltre a diversi stormi di caccia chiamati Raptor e Viper. I Cyloni, ossia droidi creati dagli umani stessi e andati a vivere su un mondo lontano in autonomia, hanno all’incirca lo stesso numero di navi madri e una marea di caccia.

Lo scontro sarebbe stato alla pari grazie al supporto del Sistema di Difesa delle 12 Colonie su cui vivono gli umani, che dispone di cannoni orbitali in grado di sparare testate nucleari.

Ma le cose vanno molto male per gli umani. Una Cylone nei panni di Tricia Helfer, meglio conosciuta come Numero 6, seduce lo scienziato che ha inventato il Sistema di Difesa delle 12 Colonie, Gaius Baltar, e si fa dare da lui i codici per spegnerlo.

I Cyloni attaccano e l’intera flotta umana, oltre ai cannoni orbitali, collegati al Sistema, si spengono. I Cyloni distruggono tutte le navi, rimaste inermi, senza neppure una perdita. Poi sterminano quasi tutta la popolazione umana che vive sulle 12 colonie in poche ore. Si salva solo il Galactica con i 50000 umani sopravvissuti, che fugge verso lo spazio aperto.

Un capolavoro di strategia, senza dubbio, anche per il devastante risultato.

battlestar galactica

Written by Fabio Sieni

Appassionato di Serie Tv e di scrittura. Sto unendo le due cose :)

ossessione

10 motivi per amare Thomas Shelby

Game of Thrones

#DeliridiSpade 7×07 – Il segreto di Euron, gli alimenti di Cersei e la televendita di Jon