in

8 attori Under 15 delle Serie Tv che promettono di diventare dei fenomeni

serie tv
#
#

Le nostre Serie Tv preferite sono tali spesso anche grazie alla bravura degli attori che la interpretano. Certo, non è l’unico fattore, ma è comunque abbastanza determinante. Perché un attore “cane” – parafrasando René Ferretti – al 99% rovina anche un personaggio ben costruito, mentre un attore bravo può addirittura elevare il personaggio laddove la scrittura è carente. Che poi la scrittura è meglio che sia comunque buona, questo è un altro discorso…

#
#

Ed è per questo che guardiamo con speranza ad alcuni attori giovani delle Serie Tv. (E per attori giovani intendo bambini, o al massimo adolescenti.) Perché è sicuro che molti di loro – se non proprio tutti – li ritroveremo tra qualche anno anche in ruoli più importanti e decisivi, in nuovi show che ci appassioneranno.

Quindi magari possiamo provare a conoscere meglio alcune di queste nuove promesse della serialità inglese e americana. Sperando che non si rivelino un bluff una volta cresciuti (come, purtroppo, alle volte accade).

#
#

IAIN ARMITAGE

young sheldon cbs

Si sta iniziando a parlare molto di questo attore che, dal 25 settembre, vedremo nei panni di uno Sheldon Cooper bambino nell’attesissimo Young Sheldon, spin-off di The Big Bang Theory.

Classe 2008 (ha quindi solo 9 anni), ha già dato prova di grande talento con la recente miniserie dell’HBO Big Littles Lies. Il ruolo del piccolo Ziggy Chapman, bambino un po’ enigmatico e accusato di bullismo, non era di certo semplice, eppure Iain è stato bravissimo e si è fatto notare. Al punto da ottenere poi quell’altro ruolo molto ambito.

La cosa più sorprendente di questo bambino è che ha debuttato solo quest’anno. E già ha un certo curriculum. Infatti, ha anche partecipato alla 18×08 di Law & Order: Special Victims Unit nel ruolo di Theo Lachere, e nei film The Glass Castle (accanto a Brie Larson, Naomi Watts e Woody Harrelson) nei panni di Brian Walls e Our Souls at Night in quelli di Jamie Moore. Quest’ultimo verrà presentato al festival di Venezia.

Scritto da Olimpia Petruzzella

Tra un'indagine con Sherlock Holmes e un viaggio e l'altro col Dottore, sono anche riuscita a laurearmi in Archeologia (River, grazie ancora per quella dritta... e per avermi presentato Euripide!) e fare un master in sceneggiatura alla Silvio D'Amico. Perché siamo tutti storie, alla fine. Ed è meglio farne una buona, no?

Game of Thrones

L’Arte della Guerra

Alana bloom serie tv

Alana Bloom e la psicosi condivisa del mondo di Hannibal