in

Ecco perché abbiamo bisogno di una Serie Tv su Mark Zuckerberg

Mark Zuckerberg
Mark Zuckerberg

Le Serie Tv biografiche sono ormai molto diffuse e generalmente apprezzate. Questa volta abbiamo provato a immaginarci un protagonista tanto importante quanto discusso: Mark Zuckerberg. Senza bisogno di scavare così a fondo nel passato, la sua figura ha una certa influenza sulla nostra attualità. Gli articoli non bastano più, è giunta l’ora di un prodotto seriale!

Impossibile negarlo: siamo tutti dipendenti dei social network. Facebook, Instagram, Twitter, Snapchat hanno rivoluzionato il modo di comunicare tra le persone. Mark Zuckerberg è probabilmente l’emblema di questa rivoluzione. Nel 2004 aveva vent’anni e, insieme ad alcuni compagni del college, ha lanciato proprio Facebook. Mettere un like, fare un commento, condividere un momento con i tuoi amici virtuali: tutte queste azioni (ma anche molte altre) sono diventate il nostro pane quotidiano. Chissà quante responsabilità il caro Mark si sente addosso ogni giorno, sempre sotto i riflettori. Il cinema ci ha preceduti comunque. Nel 2010 ha già portato sul grande schermo la sua vita con “The Social Network”. Altro materiale per raccontare e approfondire ce n’è in abbondanza.

Perché quindi non produrre una Serie Tv su Mark Zuckerberg?

I presupposti giusti ci sono tutti. A pensarci bene sembra essere tutto sotto i nostri occhi, già pronto per essere trasformato in una sceneggiatura seriale. Al giorno d’oggi si usano i social tanto quanto si guardano le Serie Tv. Pensate ai discorsi che fate con i vostri amici al pub il venerdì sera. “L’hai recuperata l’ultima di GOT?” oppure “Hai visto su Facebook che Maria ha avuto un figlio?”. Alcune volte le due questioni si sovrappongono. Quando? Quando ad esempio esce un episodio di Black Mirror che porta alla luce i potenziali rischi (e le conseguenze dannosissime) di una società basata sui mi piace ricevuti. Certo, questa Serie Tv estremizza spesso qualsiasi questione, ma l’analisi fatta dagli autori è molto lucida e pertinente. Ci sembra necessario dunque che la vita di Mark Zuckerberg, padre fondatore di Facebook, venga narrata. Ci aiuterebbe sicuramente a capire meglio le origini di certi cambiamenti.

Mark Zuckerberg

La 3×01 di Black Mirror parla proprio dei rischi di una società basata sulle interazioni virtuali

Non contento del suo maestoso impero, Zuckerberg nel 2014 ha acquisito persino WhatsApp.

Oltre a controllare quello che mettiamo online sui nostri profili, ora raccoglie anche le nostre conversazioni private. Cosa che in parte faceva già attraverso Messenger. Potenzialmente si potrebbero fare non una, ma dieci stagioni sulla sua vita. Ormai il buon Mark è diventato una figura di rilievo, con un’influenza simile a quella avuta da Steve Jobs sull’evoluzione della tecnologia. Non solo i telefilm-addicted necessiterebbero di vedere questa storia snocciolata per bene, ma qualsiasi persona sulla faccia della Terra. Approfondire i social network (e quello che nascondono) sarebbe davvero un’occasione interessante da sfruttare. Non è necessario aspettare la morte di una persona per narrarne sul piccolo schermo i traguardi raggiunti. Una scelta simile è stata fatta ad esempio per la Elisabetta II con The Crown. Se venisse fatta una Serie Tv sulla vita di Mark Zuckerberg, ci verrebbe data la possibilità di vivere da una prospettiva totalmente diversa l’evoluzione di un prodotto così presente nel nostro quotidiano.

Noi ne abbiamo bisogno, e voi?

Leggi anche – Perché le Serie Tv vanno viste necessariamente a casa

Written by Cecilia Coppa

Una matematica non matematica. Telefilm addicted. Datemi Netflix e conquisterò il mondo!

Game of thrones

10 Serie Tv che torneranno questa estate

netflix

Le 10 Serie Tv di Netflix che finora ci hanno deluso