in ,

X Factor 15×04 – Recensione: complinsulti, rosicate ed eliminazioni inaccettabili

X Factor 15×04, andato in onda su Sky e Now, ha dato inizio ai Bootcamp variegati e tanto attesi della nuova edizione! Questa volta il metodo di scelta non è stato casuale bensì tutto frutto dei giudici e dei consulenti musicali. Sono stati infatti Mika, Emma, Hell Raton e Manuel a selezionare sin da subito gli artisti con cui avrebbero voluto continuare le audizioni prima dei live. L’alone di mistero dietro questa suddivisione non è andato perduto poiché adesso la domanda non è più “quale categoria avranno i giudici?” ma sin da subito “quale artista avranno scelto?”. Ecco raggiunto il primo obiettivo: l’attenzione spostata tutta sui cantanti e sui musicisti che non vengono più visti come un blocco unico all’interno di una categoria ma come figure singole in un mare di diversità. Certo, sarà meno economico doverli elencare tutti, ma alla fine lo scopo era proprio non ridurli a un compartimento stagno segnato da un’etichetta omologante. È probabile che in futuro la divisione e la scelta dei concorrenti sia gestita meglio assicurando comunque momenti di suspense legati a una vena sadica contro i giudici, ma forse quel momento arriverà dalla stagione 2022. Tuttavia, sembra che l’obiettivo marcato e rimarcato abbia raggiunto lo scopo perché nonostante la finzionalità del programma e i punti dolenti delle puntate precedenti, qualcosa di autentico e di importante lo stiamo raggiungendo davvero.

X factor 15x04

I primi giudici a salire sul rischioso palco dei Bootcamp di X Factor 15×04 sono due veterani dello show: Manuel e Mika.

Due artisti agli antipodi che hanno dimostrato gusti e atteggiamenti totalmente diversi anche durante questa selezione. Manuel ha diretto la sua attenzione verso il rock dei Mutonia e verso la musica ipnotizzante e lontana di Nava, mentre Mika ha puntato più su una vena pop e attraente ma decisamente versatile. Durante ”il gioco delle sedie” è stato impossibile comprendere alcune scelte dei giudici, ma tra i due è stato Mika ad aver sbalordito il pubblico mandando a casa artisti che avrebbero meritato davvero il palco. Infatti tra le due squadre nate da questo episodio la più valida sembra essere quella di Manuel, sebbene nell’altra ci sia qualche elemento interessante che crescendo potrebbe stravolgerci, come i Westfalia.

Ma partiamo dall’inizio sottolineando come l’atmosfera di X Factor 15×04 sia sin da subito apparsa più seria, professionale e ben lontana da quella “caciarona” delle prime audizioni. A dominare il palco come sempre è il rosso dello switch che manda in crisi noi e chi deve scegliere poiché davanti agli artisti che si sono esibiti molti sarebbe stato bello risentirli ancora e ancora. Purtroppo così non è stato, dimostrando che con i bootcamp – come ogni anno – si entra pian piano nel vivo della gara in cui non è più possibile dare spazio a tutti. Lo dimostra Manuel decidendo di mandare a casa Miriam Dartey, che per quanto brava e interessante non si sarebbe sposata con i gusti del giudice né con il percorso voluto dallo show. Altrettanto triste è stato veder andare via Marte che alle Auditions aveva letteralmente “spaccato” i cuori e gli schermi. Ma nonostante loro, possiamo dire che le scelte di Manuel siano state coerenti e ben fatte. Ecco dunque che la prima squadra – purtroppo ancora da scremare – inizia a prendere forma con due band e tre solisti: Mutonia, Bengala Fire, Nava, Phil Reynolds e… ERIO! Il cantante che aveva stupito i giudici con una bellissima cover di Can’t help falling in love with you si è presentato con un suo inedito emozionante e indimenticabile che ha portato Mika a dichiarare che lui sarà il “finalista di Manuel”.

In effetti potrebbe anche accadere, ma sarà tutto da riconsiderare specialmente perché dopo i suoi Bootcamp le scelte di Mika sono diventate un attimino discutibili…

Durante X Factor 15×04 Mika ha deciso di tagliarsi le gambe mandando a casa dei cantanti che lo avrebbero avvantaggiato.

Pensare che dopo l’esibizione commovente di Raffaella Scagliola con Domani è un altro giorno lui abbia deciso di mandarla a casa ha dell’incredibile. Voce profonda, emotività penetrante ma controllata, sedici anni di puro talento mandati a casa per “non essere rovinati dai riflettori”. Da questo punto di vista spesso i giudici sono incoerenti (proprio come quando Manuelito ha demolito Casadilego in una serata di Melancholia) perché a volte essere giovani diventa un punto positivo e sono proprio quell’autenticità e quell’innocenza a fare la differenza (pensiamo a Blind e a Casadilego), altre volte bisogna improvvisamente preservarle impedendo a questi artisti meritevoli di andare avanti. Forse Mika ha ragione o forse no, ma la scelta agli occhi di tutti è risultata inaccettabile.

Irriverente, divertente e coraggiosa è stata anche l’esibizione di Luce che con Film Porno ha stravolto davanti e dietro le quinte. Un testo sporco e provocatorio, diverso e per nulla scontato che all’inizio ha convinto anche Mika, nonostante un apparente complinsulto sulla consapevolezza da avere durante la scrittura e l’esibizione di un testo tanto diretto. Purtroppo anche lui mandato a casa, sebbene lo switch con Nika Paris sia stato decisamente comprensibile. E se per Luce il complinsulto era solo velato, ben diverso è stato quello rivolto al penultimo concorrente dei Bootcamp di X Factor 15×04: Karma. Il ragazzo ha infatti portato una canzone dedicata a una ragazza mai più incontrata, una dolce dedica d’amore che Mika ha elogiato ma poi definito “mediocre”. Come dire, la gentilezza non è il suo forte ma con ciò possiamo avere la certezza che quando dice qualcosa di positivo la pensa realmente. La scena è stata comica e conclusasi con un lieto fine ha conferito un’atmosfera familiare a tutto il gruppo che purtroppo non ha cantato vittoria fino a qualche momento prima degli Homevisit.

X Factor 15×04 si può dire sia stata ricca di colpi di scena che hanno reso la puntata molto interessante, l’ultimo colpo di scena ha riguardato i Westfalia che si sono dovuti esibire poco prima degli Homevisit scalzando via i Why The Moon. Questa scelta rispetto ad altre si è dimostrata forse la più coerente poiché l’esibizione dei Westfalia ha dimostrato le capacità di una band rodata e alternativa che potrebbe dare i suoi frutti. Così ecco formata la seconda squadra: Nika Paris, Karma, Fellow, Mombao e Westfalia.

Per quanto riguarda gli altri giudici, non ci sono stati degli stravolgimenti importanti poiché insieme a Ludovico sono rimasti anonimi sullo sfondo senza fare commenti cattivi o particolari. A tal proposito infatti sarebbe stato molto più interessante vederli come un tempo al lato del palco vicino al giudice protagonista.

Leggi anche: 10 attori delle Serie TV che sono diventati famosi grazie a un reality show

Scritto da Anastasia Gervasi

Amo leggere e, anche se sono consapevole di non poter superare il record di libri letti da Rory Gilmore (qualcuno può?), sono certa di aver visto più serie tv di lei. Sin da bambina ho sempre amato le storie (okay forse quelle horror un po' meno) e ho sempre voluto parlarne, specialmente dopo averle conosciute grazie a serie tv avvincenti e ricche di feels e angst. Sono cresciuta con i telefilm di Buffy e FRIENDS e ho capito che, come gli amici di tutti i giorni, anche loro sono dei buoni compagni di vita. Ho incontrato personaggi che mi hanno ispirata e mi hanno spinta a migliorare come persona, trasmettendomi anche una carica di adrenalina pazzesca. Sono storie che ti portano ad imboccare una strada, in parte, ancora sconosciuta. Io spero che la mia sia tanto bella, avvincente e avventurosa quanto quella delle mille storie che ho letto e visto in questi anni. Per il resto mi affiderò al Carpe diem di Orazio.

7 nemici delle Serie Tv che sono diventati amici fraterni

Mayim Bialik rivela la sua grave ansia: «Sul set di The Big Bang Theory volevo piangere»