in

Ellen Page torna su Netflix con Tales of the City

Netflix

Ellen Page continua la sua collaborazione con Netflix e questa volta ritorna sulla piattaforma streaming con una mini serie intitolata Tales of the City.

La serie è basata su i racconti di Armistead Maupin, il cui titolo della prima raccolta presta il nome allo show.

Ricordiamo che Ellen Page ha ricevuto una nomination al Premio Oscar come miglior attrice protagonista per Juno (2008). Inoltre, è stata una dei protagonisti del nuovo successo di Netflix, The Umbrella Academy, che si è già aggiudicato il rinnovo per la seconda stagione.

Tales of the City si svilupperà in 10 episodi e racconterà la storia di Mary Ann (Laura Linney) che torna a San Francisco e si ricongiunge alla figlia Shawna, (Ellen Page), e all’ex marito Brian (Paul Gross), vent’anni dopo averli lasciati per dedicarsi alla propria carriera.

In fuga dalla crisi di mezz’età generata dalla sua nuova vita apparentemente perfetta in Connecticut, Mary Ann torna rapidamente nell’orbita di Anna Madrigal (Olympia Dukakis). Ma soprattutto della sua famiglia adottiva, formata da una nuova generazione di giovani queer che vivono al numero 28 di Barbary Lane.

La serie debutterà il 7 giugno e di seguito potete vedere il primo trailer rilasciato da Netflix.

Tales of the City si prospetta un nuovo manifesto per la comunità LGBTQ grazie alle tematiche rappresentate, ma anche grazie alla notorietà della sua versione cartacea.

La serie di racconti da cui sono tratti i personaggi, edita in Italia come I racconti di San Francisco, è molto conosciuta e apprezzata nella comunità LGBTQ e Maupin ne è uno degli scrittori più amati e rappresentativi.

Showrunner di Tales of the City è Lauren Morelli, che ha lavorato anche a Orange is The New Black; sarà inoltre produttrice esecutiva insieme all’autore Maupin.

Leggi anche – Netflix – 5 Serie Tv originali che parlano in maniera non banale del tema LGBTQ

Written by Ambra Pugnalini

Nata e cresciuta tra le colline senesi, la mia personale Contea, sono sempre stata una lettrice accanita. Da qualche anno (più di quanti mi faccia piacere ammettere) sono patologicamente dipendente dalle serie tv. I miei amici dicono che dovrei farmi curare e invece io continuo a spargere la buona novella: "Ricordatevi sempre di santificare le serie TV".

game of thrones 8

I migliori commenti dal Web all’episodio 8×06 di Game of Thrones

Twin peaks

La mappa di Twin Peaks, disegnata a mano da David Lynch