Vai al contenuto
Home » News » Game of Thrones – Lena Headey ha parlato della scena della tortura di Unella: «É stata un soldato»

Game of Thrones – Lena Headey ha parlato della scena della tortura di Unella: «É stata un soldato»

Anche se Game of Thrones è terminata nel 2019, continuano ad arrivare al pubblico e ai fan della serie televisiva piccoli aneddoti dal dietro le quinte dagli attori che ne hanno preso parte (come per esempio la storia della tazza Starbucks vista nel corso dell’ultima stagione).
Lo show di punta della HBO è arrivato sui nostri teleschermi nel lontano 2011 ed è durato otto stagioni, diventando rapidamente uno dei più grandi show mai trasmessi in televisione. Dopo il gran finale che ha fatto arrabbiare molti telespettatori, non ci è voluto molto perché la rete annunciasse che aveva già diversi spin-off in lavorazione. Alcune di queste proposte non sono andate da nessuna parte, mentre altre hanno già percorso un bel po’ di strada: lo spin-off che fungerà da prequel intitolato House of the Dragon è già abbastanza avanti nella produzione (qui le prime foto del cast dal set), mentre sarebbe in lavorazione quello su Dorne.
Una delle attrici più apprezzate all’interno del cast è Lena Headey, che ha offerto al pubblico una potente interpretazione di Cercei Lannister: personaggio che ha suscitato emozioni forti da parte dei telespettatori.

L’attrice di Game of Thrones ha raccontato l’esperienza della tortura sulla septa Unella

Nella quinta stagione, viene introdotta una Septa della Fede dei Sette con il nome di Unella, interpretata da Hannah Waddingham. La Septa sottopone Cercei a varie punizioni, inclusa la scena iconica in cui ha costretto la Lannister a fare una “passeggiata di espiazione” mentre veniva suonato un campanello al grido di “Vergogna!”, per conto dell’Alto Passero (Jonathan Pryce). Tuttavia, gli spettatori hanno assistito alla svolta nella stagione successiva. Una Cersei molto arrabbiata alla fine punisce Unella torturandola.

Insider ha riferito sul resoconto di Headey in merito alle riprese di 10 ore, in cui Unella è stata legata a un tavolo e sottoposta ad un un annegamento simulato (o waterboarding) da Cersei. Ha ricordato che le riprese sono state davvero difficili, ma ha attribuito a Waddingham il merito di essere andata avanti nel corso delle riprese. Headey ha ammesso di essersi sentita in colpa per aver dovuto fare la scena, quindi ha cercato di mirare lontano dalla bocca quando doveva versare il succo di vino sul volto. Qui di seguito la dichiarazione completa dell’attrice di Game of Thrones:

Si è divertita tantissimo a fare quella scena. Adoro Hannah, è una delle colleghe che preferisco. Giornata davvero, davvero dura. Le persone hanno limiti diversi. La gente va in posti diversi. E alcune persone dicono ‘Non voglio mettermi in quella posizione.’ Rispetto totalmente qualunque siano i limiti, ma Hannah è stata un soldato. È stata una lunga giornata di succo di prugna in faccia“.

Waddingham aveva precedentemente descritto le riprese di questa scena come uno dei peggiori giorni della sua vita. Inizialmente la scena avrebbe dovuto includere Unella che riceveva una punizione ancora peggiore, ma i produttori di Game of Thrones l’hanno cambiata col waterboarding. L’attrice che ha interpretato la septa ha riferito successivamente di sentirsi claustrofobica intorno all’acqua da quando ha girato la scena. La scena è durata meno di due minuti per essere inserita nelle riprese finali dell’episodio, ma è stato molto a cui sottoporre l’attrice.

Il pubblico raramente si rende conto di quanto possa essere difficile filmare delle scene che sembrano così semplici. Quando l’episodio di Game of Thrones è andato in onda per il mondo, molti fan si sono rallegrati nel vedere Unella torturata. Mentre alcuni attori si rifiutano di fare le proprie scene d’azioni, altri decidono invece di prenderne parte in prima persona. Le riprese di una sequenza di waterboarding nel corso di 10 ore suonano come una vera tortura, quindi non sorprende che Waddingham abbia sviluppato un certo livello di paura nei confronti dell’acqua negli anni successivi.