Vai al contenuto
Home » News » Friends ha inventato la “friendzone”

Friends ha inventato la “friendzone”

È uno di quei neologismi che ognuno di noi ha in qualche modo utilizzato, e molti di noi si sono trovati almeno una volta da una parte o l’altra della barricata. Parliamo della famigerata “friendzone”, ovvero “l’area” entro la quale una malcapitata persona finisce dopo esser diventata amica (o esser rimasta tale) di una per la quale quale prova un interesse non ricambiato di natura amorosa. Tutti lo sanno, ma non tutti sanno che il termine fu coniato nella serie tv che meglio di ogni altra ha parlato di amicizia, Friends.

Il primo a utilizzare la parola oggi tanto odiata fu infatti Joey Tribbiani, del tutto ignaro di aver ideato una definizione poi divenuta iconica. Lo fece nel lontano 1994, nel corso del settimo episodio della prima stagione di Friends, The One With the Blackout. E lo fece in riferimento a una situazione che tutto fu, meno che un caso di friendzone: l’interesse amoroso di Ross Geller nei confronti di Rachel Green. Come andò a finire tra i due lo ricordiamo benissimo, ma in quel momento la situazione era molto diversa.

friends

Ross, infatti, era allora innamorato segretamente di Rachel, e lo era da tanti anni. Il personaggio interpretato da Jennifer Aniston, tuttavia, non aveva idea di tutto questo, il ragazzo soffriva per la situazione ma l’incapacità di farsi avanti rischiava di pregiudicare definitivamente ogni possibilità.

Joey, allora, chiarì la sua posizione a riguardo con grande semplicità e innata efficacia: “Non succederà mai, tu e Rachel. Hai aspettato troppo per fare la tua mossa e ora sei nella friendzone. Ross, sei il sindaco della zona. Non ha idea di cosa stia pensando. Se non glielo dici subito, finirai bloccato nella zona per sempre.

Joey fu un profeta terribile, visto quello che successe successivamente tra Rachel e Ross. Ma in compenso coniò uno straordinario neologismo che rende benissimo l’idea del concetto espresso. Scusate se è poco.

LEGGI ANCHE – Friends e non solo: passano gli anni, cambiano le Serie Tv, ma ci rifugiamo sempre nelle solite comedy