in

Dr. House – Hugh Laurie ha avuto problemi fisici a causa del suo personaggio

Dr. House, nonostante sia concluso ormai da anni, rimane una pietra miliare tra le serie medical drama, soprattutto per la caratterizzazione del protagonista, Gregory House. Un medico iroso, sarcastico e cinico (che ricorda molto Perry Cox di Scrubs: noi li abbiamo messi a confronto), caratterizzato anche da una vistosa zoppia che lo costringe a usare un bastone per poter camminare (e a volte, picchiare la gente: chissà se c’è anche questo momento tra quelli che più ci mancano della serie). Le curiosità su Dr. House sono tantissime: sapevate che la serie ha ricevuto ben due denunce per le immagini cruente mostrate? Noi ve ne abbiamo parlato in questo articolo.

Forse non tutti sanno che Hugh Laurie, interprete di Gregory House, ha avuto problemi di salute non indifferenti proprio a causa del suo ruolo nella serie medical drama. Dover interpretare un personaggio con una importante disabilità come quella del dottore ha comportato un impegno non da poco per l’attore e i risultati sono stati che per un bel po’ dopo la fine della serie Hugh Laurie ha avuto difficoltà a camminare correttamente. Ancora quando la serie non era finita Hugh Laurie aveva parlato dei problemi che cominciava ad avere, dovendo continuamente fingere di zoppicare per impersonare House:

“Lo spettacolo potrebbe durare fino alla serie sette, otto o nove ma non so se lo farò perché sto iniziando a perdere le ginocchia. C’è un sacco di lavoro dietro e sto cominciando a cedere”.

Anche dopo la fine di Dr. House, Hugh Laurie ha dichiarato di essersi trascinato i problemi fisici dati dalla zoppia per molto tempo, come se il suo corpo avesse una memoria fisica addirittura più forte di quella cognitiva.

“Non ricordo affatto le battute, ma quando viene gridato ‘azione’ comincio a zoppicare. Sono come un cane che è stato pungolato con gli elettrodi”.

Dopo la fine di Dr. House per Hugh Laurie i problemi fisici non scomparirono subito: per un bel po’ di tempo, ricorda l’attore, ha dovuto continuare a usare il bastone per camminare, finché i suoi muscoli non si sono riabituati alla sanità. Oltre ai problemi fisici, Hugh Laurie ha sempre dichiarato di aver subito anche parecchio stress sul set di Dr. House:

“Ho passato dei momenti piuttosto cupi, giorni bui in cui sembrava che non ci fosse via di scampo. E avendo un’etica del lavoro molto presbiteriana, ero determinato a non arrivare mai in ritardo, a non perdere un solo giorno di riprese … erano momenti in cui pensavo: ‘Se dovessi solo avere un incidente mentre vado in studio e ricevere un paio di giorni di ferie per riprendermi, quanto sarebbe fantastico?'”.

Anche mentre stava girando l’ultima stagione, Hugh Laurie si divertiva ancora a interpretare Dr. House, ma la routine stava iniziando a diventare monotona. Aveva iniziato a sentirsi come se fosse su “un nastro trasportatore” e non era più sicuro di essere davvero tagliato per quel tipo di impegno. A The Telegraph aveva dichiarato:

“Sai, abbiamo fatto 170 episodi adesso, credo. Vale circa 50-60 lungometraggi. Vuoi una pausa, davvero.”

Dopo aver smesso i panni di Dr. House, Hugh Laurie si è preso una pausa da Hollywood anche per stare con la famiglia: la serie era girata a Los Angeles e ciò significava che le riprese potevano tenerlo anche per mesi lontano da casa. Dopo la recitazione, la grande passione di Hugh Laurie è la musica: dopo otto anni passati sul set, ora l’attore si dedica principalmente al blues. Nonostante gli abbia tolto molto in termini di salute, Hugh Laurie sarà sempre grato a Dr. House:

“House era qualcosa per cui non dovevo scusarmi. Era qualcosa di cui ero davvero orgoglioso e, che ti piacesse o no, era innegabile”.

Conoscevate questi retroscena sul personaggio di Dr. House?

Scritto da Giulia Vanda Zennaro

In un mondo popolato da Khaleesi, osa essere una Cersei Lannister.

Le Superchicche

Le Superchicche – Le prime immagini dal set scatenano l’ira dei fan [FOTO]

The big bang theory

The Big Bang Theory – Kunal Nayyar rivela che Raj non sarebbe dovuto esistere