in

Alessandro Borghi e il suo sogno nel cassetto: «Ruolo di un transessuale? Mi è arrivata una proposta»

Alessandro Borghi

Alessandro Borghi è, ad oggi, uno dei nomi più apprezzati nel panorama cinematografico e televisivo italiano. Conosciuto in primo luogo dagli spettatori di Netflix, di recente ha rilasciato alcune dichiarazioni molto interessati circa la sua persona. Ha infatti ammesso di avere la sindrome di Tourette (qui per maggiori dettagli a riguardo) e si è trovato anche a sbottare nel momento in cui spesso viene scambiato per un leghista che è quasi suo “omonimo”. Situazioni dunque non molto semplici da vivere per il giovane attore italiano, che rimane comunque sulla cresta dell’onda come uno dei migliori artisti del settore. Presto avremo modo di rivederlo nella seconda stagione di Diavoli, al fianco di Patrick Dempsey (fate un salto qui per godervi alcune foto dal set ora che le riprese sono iniziate).

Il successo di Alessandro Borghi non è solo nazionale, ma anche internazionale. Lo dimostra non solo la partecipazione alla già citata Diavoli, serie tv di Sky che lo vede lavorare al fianco di Dempsey, ma anche tante sue pellicole sono state apprezzate al pubblico fuori dall’Italia. Prima fra tutte Sulla Mia Pelle, film Netflix dedicato all’omicidio di Stefano Cucchi, nel quale Borghi interpreta proprio la vittima. La sua interpretazione, di grande spessore, l’ha portato ad accrescere non soltanto la sua notorietà, ma anche l’apprezzamento del pubblico nei suoi confronti. Tra gli altri suoi lavori importanti degli ultimi anni non possiamo inoltre dimenticare la serie tv Suburra, altro originale Netflix che ha portato Alessandro Borghi ad essere ampiamente conosciuto presso il grande pubblico. Ma non possiamo dimenticarci nemmeno del film Il Primo Re, altra pellicola di grande spessore che ha permesso all’attore di cimentarsi in qualcosa di nuovo e totalmente diverso dal solito, dando comunque un’impronta e un’interpretazione magistrale.

Ad oggi sembrano in arrivo per Alessandro Borghi una serie di nuovi progetti, e lui stesso ha parlato di un suo sogno nel cassetto per una delle interpretazioni future.

Recentemente Alessandro Borghi è stato infatti intervistato da movieplayer.it, ed è proprio in questa sede che l’attore ha avuto modo di parlare, tra le altre cose, delle sue aspettative per il futuro e di come la sua carriera si potrà evolvere, anche in base alle sue ambizioni. Non dobbiamo scordarci che ad oggi stiamo parlando di uno degli attori che si trova sulla cresta dell’onda, e siamo piuttosto sicuri che il suo talento innegabile lo porterà molto lontano, forse anche molto più di quanto noi stessi ci aspettiamo.

Un’affermazione in particolare di Alessandro Borghi ha però destato l’interesse maggiore da parte del pubblico, e riguarda appunto uno dei sogni nel cassetto dell’attore. Sembra infatti che gli interesserebbe poter interpretare il ruolo di una persona transessuale, avendo così modo di dimostrare ancora una volta il suo poliedrico talento. Lo stesso Alessandro Borghi ha dichiarato: “Ruolo di transessuale? Alla fine mi è arrivata anche una proposta, vedremo… Nella galleria di personaggi interpretati fino ad ora, quello della transessuale è uno di quei ruoli che mi manca; è una cosa a cui penso da quando ho visto Jared Leto in Dallas Buyers Club“.

Questa potrebbe rivelarsi essere una vera sfida per l’attore italiano, che però siamo sicuri riuscirebbe a mettere in risalto ancora una volta non solo la sua bravura ma anche la sua versatilità. È infatti una cosa molto apprezzata per un attore la capacità di saper spaziare tra diversi generi e diversi personaggi, senza dover necessariamente fermarsi di fronte ad alcuna sfida.

Staremo a vedere cosa il futuro porterà avanti, e restiamo in attesa di avere maggiori informazioni sui nuovi progetti di Alessandro Borghi.

Scopri Hall of Series Plus, il nuovo sito gemello di Hall of Series in cui puoi trovare tanti contenuti premium a tema serie tv

Scritto da Elena Di Stasio

Ho studiato presso la Constance Billard School for Girls, e sono stata proprio io a scegliere Blair Waldorf come mia erede in quella scuola. In effetti, era la migliore delle mie tirapiedi.
All'università ho scelto di studiare per un periodo alla NYADA, ed ero l'allieva preferita di Cassandra July! Ma ho scoperto che scrivere e recensire sono le mie vere passioni. Ultimamente ho viaggiato fino a Westeros, e da poco mi sono appassionata ai viaggi nel tempo e nello spazio. Non so dove mi porterà il futuro, ma sarò lieta di tenervi aggiornati, dovunque andrò!

Kit Harington, Game of Thrones

Kit Harington, pesantissima confessione: «Dopo Game of Thrones ho pensato al suicidio»

Gemma Chan sul suo personaggio in Sherlock: «Oggi farei scelte diverse»